Che cosa significa accettare Gesù come proprio Salvatore personale?



Domanda: "Che cosa significa accettare Gesù come proprio Salvatore personale?"

Risposta:
Hai mai accettato Gesù Cristo come tuo Salvatore personale? Prima di rispondere, consentimi di spiegarti la domanda. Per comprenderla adeguatamente, devi prima comprendere appropriatamente il significato di "Gesù Cristo", "personale" e "Salvatore".

Chi è Gesù Cristo? Molte persone riconosceranno che Gesù Cristo fu un brav’uomo, un grande insegnante o perfino un profeta di Dio. Queste cose sono quantomai certe di Gesù, ma non definiscono chi Egli sia davvero. La Bibbia ci dice che Gesù è Dio manifestato in carne, Dio fattosi essere umano (cfr. Giovanni 1:1, 14). Dio venne sulla terra per ammaestrarci, guarirci, correggerci, perdonarci e morire per noi! Gesù Cristo è Dio, il Creatore, il Signore sovrano. Hai accettato questo Gesù?

Che cos’è un Salvatore e perché ne abbiamo bisogno? La Bibbia ci dice che tutti abbiamo peccato, che abbiamo commesso tutti azioni malvagie (Romani 3:10-18). Come conseguenza del nostro peccato, meritiamo l’ira e il giudizio di Dio. L’unico giusto castigo per i peccati commessi contro un Dio infinito ed eterno è un castigo infinito (Romani 6:23; Apocalisse 20:11-15). Ecco perché abbiamo bisogno di un Salvatore!

Gesù Cristo venne sulla terra e morì al posto nostro. La morte di Gesù, come Dio in carne, fu un pagamento infinito per i nostri peccati (2 Corinzi 5:21). Gesù morì per scontare il castigo dei nostri peccati (Romani 5:8). Gesù pagò il prezzo affinché non dovessimo farlo noi. La risurrezione di Gesù dai morti dimostrò che la Sua morte era stata sufficiente a scontare il castigo dei nostri peccati. Ecco perché Gesù è l’unico e solo Salvatore (Giovanni 14:6; Atti 4:12)! Stai confidando in Gesù come tuo Salvatore?

Gesù è il tuo Salvatore "personale"? Molte persone pensano che il Cristianesimo consista nell’andare in chiesa, svolgere dei rituali, non commettere certi peccati. Questo non è il Cristianesimo. L’autentico Cristianesimo è una relazione personale con Gesù Cristo. Accettare Gesù come proprio Salvatore personale significa riporre in Lui la propria fede personale e confidare in Lui. Nessuno è salvato mediante la fede degli altri. Nessuno è salvato perché compia certe opere. L’unico modo per essere salvati consiste nell’accettare personalmente Gesù come proprio Salvatore, confidare nella Sua morte come pagamento per i propri peccati e nella Sua risurrezione come garanzia della vita eterna (Giovanni 3:16). Gesù è il tuo Salvatore personale?

Se vuoi accettare Gesù Cristo come tuo Salvatore personale, di’ a Dio le seguenti parole. Ricorda, però, che non ti salverà dire questa o qualunque altra preghiera. È solo affidarti a Cristo che può salvarti dal peccato. Questa preghiera è semplicemente un modo per esprimere a Dio la tua fede in Lui e per ringraziarLo di aver provveduto alla tua salvezza. "Signore, so di aver peccato contro di Te e di meritare il castigo. Però Gesù Cristo ha preso il castigo che meritavo io, in modo che attraverso la fede in Lui io potessi essere perdonato/a. Rinuncio al mio peccato e metto la mia fiducia in Te per la salvezza. Grazie per la Tua meravigliosa grazia e per il Tuo meraviglioso perdono: grazie per il dono della vita eterna! Amen!"

Hai preso una decisione per Cristo grazie a quello che hai letto qui? Se lo hai fatto, ti preghiamo di cliccare sul pulsante sottostante "Oggi ho accettato Gesù".


Torna alla home page italiana

Che cosa significa accettare Gesù come proprio Salvatore personale?