Il Libro della Genesi



 

Autore: L’aurore del libro della Genesi non è ben identificato. Secondo la tradizione, l’autore è sempre stato considerato Mosè. Non ci sono motivazioni conclusive per sostenere che l’autore della Genesi non sia Mosé.

Data della Stesura: Il Libro della Genesi non fa alcuna affermazione su quando è stato scritto. La data della paternità sembra essere tra il 1440 ed il 1400 a.C., nel periodo tra l’uscita degli Israeliti dall’Egitto e la morte di Mosè.

Scopo della stesura: Il Libro della Genesi è stato qualche volta chiamato “nocciolo della trama” dell’ intera Bibbia: La maggior parte della dottrine nella Bibbia sono introdotte in forma di “noccioli”, nel Libro della Genesi. Insieme alla caduta dell’uomo è documentata anche la promessa della salvezza di Dio e della redenzione (Genesi 3:15). Le dottrine della creazione, l’ imputazione del peccato, la giustificazione, l’espiazione, la depravazione, l’ ira, la grazia, la sovranità, la responsabilità e molte altre ancora sono indicate in questo libro delle origini, chiamato Genesi.

Molti dei grandi quesiti della vita trovano la loro risposta nella Genesi. (1) Da dove vengo? (Dio ci ha creati – Genesi 1:1) (2) Perché sono qui? (siamo qui per avere una relazione con Dio – Genesi 15:6) (3) Dove sto andando? (abbiamo un destino dopo la morte – Genesi 25:8). Il Libro della Genesi attrae lo scienziato, lo storico, il teologo, la casalinga, il contadino, il viaggiatore, l’uomo e la donna di Dio. E’ un inizio adatto alla storia di Dio ed al Suo piano per l’umanità, contenuto nella Bibbia.

Versi chiave: Genesi 1:1:” Nel principio Dio creò i cieli e la terra.”

Genesi 3:15 “Ed io porrò inimicizia tra te e la donna e fra la tua progenie e la progenie di lei; questa progenie ti schiaccerà il capo e tu le ferirai il calcagno.”

Genesi 12:2-3:”Io farò di te una grande nazione, ti benedirò e renderò grande il tuo nome e tu sarai fonte di benedizione. Benedirò quelli che ti benediranno e maledirò chi ti maledirà e in te saranno benedette tutte le famiglie della terra.”

Genesi 50:20:” Voi avevate pensato del male contro a Versi chiave: Genesi 1:1: “Nel principio Iddio creò i cieli e la terra.”

Breve riassunto: Il Libro della Genesi può essere diviso in due sezioni: Storia Primitiva e Storia Patriarcale. La Storia Primitiva documenta (1) La creazione (Genesi capitoli 1-2); (2) La Caduta dell’uomo (Genesi capitoli 3-5); (3) il Diluvio (Genesi capitoli 6-9); e (4) la dispersione (Genesi capitoli 10-11). La storia patriarcale documenta le vite di 4 grandi uomini: (1) Abramo (Genesi 12-25.8); (2) Isacco (Genesi 21:1-35-29); (3) Giacobbe (Genesi 25:21-50:14) e (4) Giuseppe (Genesi 30:22-50:26).

Dio creò un universo che era buono e libero dal peccato. Dio creò l’umanità per avere un rapporto personale con Lui. Adamo ed Eva peccarono, dunque portarono il male e la morte nel mondo. Il male si diffuse rapidamente nel mondo finchè c’era solo una famiglia nella quale Dio trovò qualcosa di buono. Dio mandò il diluvio per ripulire il mondo dalla malvagità, ma salvò Noè e la sua famiglia con gli animali nell’Arca. Dopo il Diluvio, l’umanità cominciò di nuovo a moltiplicarsi e a popolare il mondo.

Dio scelse Abramo, attraverso il quale Egli avrebbe creato il Suo popolo e successivamente mandato il Messia promesso. La linea scelta passava attraverso il figlio di Abramo, Isacco e poi al figlio di Isacco, Giacobbe. Dio cambiò il nome di Giacobbe in Isarele ed i suoi 12 figli divennero gli antenati delle 12 tribù d’Israele. Nella Sua sovranità, Dio mandò il figlio di Giacobbe, Giuseppe, in Egitto a causa delle deprecabili azioni dei fratelli di Giuseppe. Tale gesto, concepito nel male dai fratelli fu trasformato in bene da Dio e si trasformò in qualcosa di positivo per Giacobbe e la sua famiglia che fu salvata da una carestia devastante, grazie a Giuseppe, il quale divenne potente in Egitto.

Anticipazioni: Molte tematiche del Nuovo Testamento trovano le loro radici nella Genesi. Gesù Cristo è il Seme della Donna che distruggerà il potere di Satana (Genesi 3:15). Come con Giuseppe, il piano di Dio per l’umanità, attraverso il sacrificio di Suo Figlio, era inteso per il bene, anche se coloro che crocifissero Gesù avevano intenzioni malvagie. Noè e la sua famiglia sono le prime di molte altre immagini nella Bibbia. Al di là di innumerevoli circostanze strane e difficili, Dio ha sempre preservato un gruppo di gente, fedele per sé stesso: Il resto d’Israele che ritornò a Gerusalemme dopo la cattività di Babilonia; un rimanente attraverso una persecuzione descritta in Isaia e Geremia; un altro gruppo di 7000 sacerdoti che si nascondevano dall’ira di Jezebel. Inoltre, Dio promise che un resto di Giudei avrebbe un giorno abbracciato il vero Messia (Romani 11). La fede mostrata da Abramo sarebbe stata il dono di Dio e la base per la salvezza sia dei Giudei che dei Gentili. (Efesini 2:8-9, Ebrei 11).

Applicazione pratica: La tematica di primaria importanza della Genesi è l’esistenza eterna di Dio e la Sua creazione del mondo. Non c’è alcuna forzatura da parte dell’autore nel tentare di difendere l’esistenza di Dio; Egli semplicemente afferma che Dio è, sempre era e sempre sarà, l’Onnipotente su tutto. Allo stesso modo abbiamo la fiducia nelle verità della Genesi, nonostante le affermazioni di coloro che vorrebbero negarle. Tutte le persone al di là della cultura, nazionalità o lingua devono rendere conto al Creatore. Ora, a causa del peccato, che è entrato nel mondo alla caduta, siamo separati da Lui. Ma attraverso una piccola nazione, Israele, il piano di redenzione di Dio per il genere umano è stato rivelato e reso disponibile per tutti. Noi ci rallegriamo in quel piano.

Dio creò l’universo, la terra ed ogni creatura vivente. Noi possiamo aver fiducia che Egli si prende cura delle preoccupazioni che abbiamo nelle nostre vite. Dio può occuparsi di una situazione senza speranza, come ad esempio quella di Abramo e Sara, che non potevano avere figli e fare cose straordinarie se abbiamo fiducia ed obbediamo. Ma, anche se, cose terribili ed ingiuste accadranno nelle nostre vite, come con Giuseppe, Dio porterà sempre un bene maggiore se abbiamo fiducia in Lui e nel Suo piano sovrano. “Or noi sappiamo che tutte le cose cooperano per il bene di coloro che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il Suo proponimento” (Romani 8:28).


Torna alla home page italiana

Il Libro della Genesi