Cosa accadde all’Arca del Patto?



Domanda: "Cosa accadde all’Arca del Patto?"

Risposta:
Quel che accadde all’Arca del Patto è una domanda che ha affascinato teologi, studenti della Bibbia ed archeologi per secoli. Nel diciottesimo anno del suo regno, il Re Giosia di Giuda ordinò ai trasportatori dell’Arca del Patto di riportarla nel tempio, a Gerusalemme (2 Cronache 35:1-6; 2 Re 23:21-23). Quella è l’ultima volta che la posizione dell’Arca è menzionata nelle Scritture. Quaranta anni dopo, il Re Nebucadnesar di Babilonia catturò Gerusalemme e distrusse il tempio. Meno di dieci anni dopo egli ritornò prese ciò che era rimasto nel tempio lo bruciò e rase la città al suolo. Perciò, cosa accadde all’Arca? Fu presa da Nebucadonosor? Fu distrutta con la città? O forse fu rimossa e messa al sicuro, come sicuramente avvenne quando Faraone Shishak d’Egitto distrusse il tempio durante il regno del figlio di Salomone, Roboamo? (“sicuramente” perché se Sishak riuscì a prendere l’Arca, perché Giosia chiede ai leviti di ritornare? Se l’Arca era in Egitto - secondo la trama del film “I predatori dell’Arca Perduta”- i Leviti non ne sarebbero stati in possesso e dunque non avrebbero neanche potuto restituirla.)

Il libro non canonico di 2 Maccabei riporta che precedentemente all’invsione babilonese, Geremia:” seguendo una rivelazione divina, ordinava che il tabernacolo e l’arca dovevano accompagnarlo e…egli andò verso la montagna che Mosè scalò per vedere l’eredità di Dio (ad es. Monte Nebo, Deuteronomio 31: 1-4). Quando Geremia arrivò là, trovò una stanza nella caverna in cui mise la tenda, l’arca e l’altare dell’incenso, poi bloccò l’entrata” (2:4-5). Comunque “alcuni di coloro che lo seguirono con l’intenzione di segnare il sentiero, non poterono trovarlo. Quando Geremia udì ciò li rimproverò: “Il posto deve restare segreto finchè Dio riunirà il suo popolo di nuovo e mostrerà loro misericordia. Poi il Signore rivelerà queste cose e la gloria del Signore sarà vista nella nuvola, così come era apparsa al tempo di Mosè e quando Salomone pregò che il tempio deve essere santificato gloriosamente” (2:6-8). Non si è certi dell’accuratezza di questo resoconto (vedere 2:1); anche se lo fosse, noi non possiamo saperlo finchè il Signore tornerà, così come il resoconto stesso afferma.

Altre teorie riguardanti l’ubicazione dell’Arca perduta includono quelle di Rabbis Shlomo Goren e Yeshuda Getz’s, i quali affermano che è nascosta sotto il monte del tempio, essendo stata sepolta là prima che Nebucadonosor la portasse via. Sfortunatamente la montagna del tempio ora è la casa del Dome della Rocca, un sito islamico santo e la comunità islamica locale rifiuta la concessione allo scavo. Perciò non possiamo sapere se le teorie di Rabbis Goren e Gets sono corrette.

L’esploratore Vendyl Jones, tra gli altri, crede che un artefatto trovato tra i rotoli del Mar Morto, l’enigmatico “Rotolo Copper” della Cava 3 di Qumran, è attualmente una mappa del tesoro con i dettagli sulla locazione di un numero di preziosi tesori preso dal tempio prima che i Babilonesi fossero arrivati, tra loro l’Arca perduta del Patto. Se questo è vero o meno deve essere verificato dato che nessuno è stato in grado di localizzare i vari confini geografici elencati nel Rotolo. Alcuni scolari speculano sul fatto che il Rotolo di Copper può effettivamente essere quanto riportato in 2 Maccabei 2:1 e 4, che descrive Geremia mentre nasconde l’Arca. Se da un lato questa è una speculazione interessante, dall’altra parte non è giustificata.

Il primo corrispondente africano dell’Est per il giornale “l’Economista,” Graham Hancock, ha pubblicato un libro nel 1992 intitolato Il Segno ed il Sigillo: L’Ospite per l’Arca perduta del Patto, nella quale egli argomenta che l’Arca è stata riposta nella Chiesa di Santa Maria di Sion in Aksum, antica città dell’Etiopia. L’esploratore Robert Cornute dell’Istituto B.A.S.E. crede che l’Arca possa ora essere in Aksum. Comunque nessuno l’ha ancora trovata là. Anche l’Archeologo Michael Sanders crede che l’Arca sia nascosta in un antico tempio egizio nel villaggio israeliano di Djahrya, ma deve ancora trovarla.

Una dubbiosa tradizione irlandese sostiene che l’Arca sia seppellita sotto la Collina di Tara in Iralanda. Alcuni scolari credono che questa sia l’origine della leggenda irlandese “pentola d’oro alla fine dell’arcobaleno”. Ancor meno credibili sono le affermazioni di Ron Wyatt e Tom Croster, Wyatt secondo le quali avrebbero visto l’Arca sul Monte Pisgah vicino il Monte Nebo. Entrambi questi uomini non godono di molta stima nella comunità archeologica, dato che non sono stati in grado di sostenere le loro affermazioni avventate, con nessun tipo di evidenza.

In conclusione, l’Arca resta persa per tutti tranne che per Dio. Teorie interessanti come quelle menzionate continuano a ventilare le varie opzioni ma l’Arca non è stata ancora trovata. L’autore di 2 Maccabei può essere corretto, ma probabilmente non riusciremo a scoprire cosa è accaduto all’Arca del patto finchè ritorna il Signore.


Torna alla home page italiana

Cosa accadde all’Arca del Patto?