In che modo i cristiani sposati possono evitare il tradimento emotivo?


Domanda: "In che modo i cristiani sposati possono evitare il tradimento emotivo?"

Risposta:
Un tradimento emotivo accade quando una persona sposata instaura un legame di intimità emotiva e sostegno con un individuo che non sia il suo sposo o la sua sposa. Diventare intimi emotivamente con qualcuno che non sia il proprio sposo o la propria sposa può avere un effetto agghiacciante sulla relazione matrimoniale; inoltre, l'intimità emotiva spesso progredisce fino a diventare intimità fisica, portando alla devastazione. Molte persone negano la gravità del tradimento emotivo, ma tali relazioni non sono innocue e possono distruggere matrimoni e famiglie.

I coniugi dovrebbero condividere problemi, sentimenti e bisogni l'uno con l'altro e determinare i limiti di ciò che può essere condiviso al di fuori della loro relazione matrimoniale, e con chi. Avere amicizie al di fuori del matrimonio è positivo, ma affidarsi agli estranei per far fronte a bisogni emotivi può diventare una tentazione, soprattutto quando gli sposi trascorrono molto tempo separati. I colleghi ed altre persone con le quali passiamo tanto tempo, possono diventare un sostituto per ricevere sostegno emotivo al posto del coniuge. Le relazioni e le amicizie sul lavoro devono avere dei limiti ben definiti, per assicurarci che non diventino inappropriate.

Esistono segnali di avvertimento sul fatto che un'amicizia innocente potrebbe condurre ad un tradimento emotivo. Quando cominciamo a sentire il desiderio di nascondere certi aspetti di una relazione, stiamo oltrepassando il limite e ci stiamo addentrando in un territorio inappropriato. La distanza emotiva tra gli sposi o un aumento nel numero delle discussioni potrebbe indicare che uno dei coniugi si stia rivolgendo ad un'altra persona, per far fronte al bisogno di vicinanza. L'intimità necessita di vicinanza, e non può presentarsi se un coniuge si avvicina ad una persona esterna alla coppia.

I cristiani dovrebbero premunirsi contro la tentazione di appoggiarsi a qualcuno che non sia lo sposo o la sposa che Dio gli/le ha dato. Ecco alcune raccomandazioni sagge:

1. Non trascorrete del tempo da soli con qualcuno dell'altro sesso, specialmente se ne siete attratti.

2. Non trascorrete più tempo con un'altra persona, rispetto al vostro coniuge.

3. Non condividete dettagli intimi della vostra vita con nessuno, prima di condividerli con il coniuge.

4. Vivete in modo trasparente. Fate ogni cosa come se il vostro coniuge fosse presente.

5. Dedicate del tempo alla preghiera e allo studio della Bibbia. Chiedete a Dio di mettere una difesa intorno al vostro matrimonio (Giobbe 1:10).

6. Mantenete una vita di pensiero pura. Non perdetevi in fantasie sulle altre persone.

7. Organizzate del tempo con il vostro coniuge giornalmente, settimanalmente e mensilmente, ed usate quei momenti per rafforzare la vicinanza emotiva.

Tutte queste scelte aiuteranno i cristiani ad identificare aree deboli ed evitare la tentazione del tradimento emotivo.

Nelle priorità del cristiano, il matrimonio e la famiglia sono secondi solo al Signore. Dio è l'Unico che può pienamente andare incontro ai nostri bisogni, ed Egli è la priorità assoluta. Dio ha pensato il matrimonio per unire due persone e farle diventare un'entità unica (Genesi 2:24). Egli vuole che crescano insieme e non lascia che nulla le separi (Matteo 19:6). I coniugi devono valorizzare la loro relazione nel modo in cui lo fa il Signore, e cercare mezzi per rafforzarla e per aumentare la vicinanza. Il Signore, inoltre, proibisce l'adulterio o il desiderio di una persona al di fuori del matrimonio (Proverbi 6:25; Esodo 20:14; Matteo 5:28). Le persone che non rispettano il disegno del Signore, di andare incontro ai loro bisogni, peccano contro Dio e potenzialmente rovinano le loro relazioni (Proverbi 6:32; 1 Corinzi 6:9–20).

Molti, nel mondo, credono che i coniugi abbiano bisogno di "spazio," al punto di condurre vite separate, per avere una relazione sana. La Bibbia non sostiene in alcun modo la co-dipendenza. Tuttavia, un matrimonio è per definizione una vita vissuta e pianificata insieme; si tratta di interdipendenza. Coloro i quali non capiscono il piano di Dio per il matrimonio, potrebbero pensare che condividere tutto con una persona non vada bene, ma è questo che rende il matrimonio diverso da ogni altra relazione. Si tratta di una relazione benedetta tra due persone e rispecchia quella di Cristo con la Sua Chiesa.

Condividere l'intimità con una persona che non sia il proprio coniuge, sia essa un'intimità fisica o emotiva, costituisce un peccato e una violazione della fiducia.

English


Torna alla home page italiana

In che modo i cristiani sposati possono evitare il tradimento emotivo?