Voglio un figlio, ma il mio coniuge no. Cosa facciamo?


Domanda: "Voglio un figlio, ma il mio coniuge no. Cosa facciamo?"

Risposta:
La Bibbia dichiara che i figli sono una benedizione. Il Salmo 127:3 dice "Ecco, I figli sono una eredità che viene dall'Eterno; il frutto del grembo è un premio". Questa visione è contraria al modo in cui la maggior parte del mondo vede i figli – come un ostacolo e un peso. I figli non dovrebbero essere considerati come una responsabilità.

La mancanza del desiderio di avere figli spesso deriva da motivi egoistici. Alcune persone non vogliono figli perché vogliono concentrarsi su se stesse, sulle loro carriere e sul loro denaro. Non vogliono essere "legate" o rinunciare alle loro costose auto, case o vacanze. Questo tipo di atteggiamento è peccaminoso. Altri non vogliono figli a causa di paure.

Senza conoscere le ragioni per cui non si vogliono figli, è difficile determinare se i sentimenti siano "sbagliati" o meno. Ci sono problemi di salute? Ci sono problemi irrisolti legati all'infanzia? Queste cose dovrebbero essere discusse tra i coniugi e, se necessario, si dovrebbe cercare un consulente matrimoniale cristiano.

Come cristiani, la nostra devozione deve essere prima di tutto rivolta a Dio, il quale afferma che i figli sono una benedizione. Dopo di ciò, la relazione più importante è quella con il nostro coniuge. Se è molto importante per uno dei coniugi avere figli, deve essere assolutamente considerata l'attitudine del rispetto e della sottomissione (vedi Efesini 5:21-33). In pratica, questo è un argomento che dovrebbe essere discusso prima del matrimonio.

Se dedichiamo noi stessi alla preghiera, alla lettura della Bibbia e alla meditazione, Dio rivelerà la Sua volontà se lo mettiamo al primo posto. Nella lettera ai Romani 12:2 Paolo dichiara, "E non vi conformate a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza qual sia la buona, accettevole e perfetta volontà di Dio."

English


Torna alla home page italiana

Voglio un figlio, ma il mio coniuge no. Cosa facciamo?