La verginità dopo la rinascita spirituale è possibile?



 

Domanda: "La verginità dopo la rinascita spirituale è possibile?"

Risposta:
La verginità dopo la rinascita spirituale è la rivendicazione secondo cui, dopo aver avuto rapporti sessuali, una persona può essere riportata allo stato di verginità da un rinnovamento spirituale, promettendo purezza sessuale fino al matrimonio e chiedendo a Dio il perdono. Alcune donne hanno adottato l’idea della verginità dopo la rinascita spirituale a tal punto da sottoporsi ad un intervento chirurgico per ritornare allo stato fisico di verginità.

La pressione esercitata su alcune donne cristiane affinché diventino delle "vergini nate di nuovo" è probabilmente dovuta al timore della condanna da parte di fratelli e sorelle cristiani, o forse dal timore che Dio non accetti una persona che abbia avuto rapporti prematrimoniali a meno che non faccia i passi necessari per diventare una "vergine nata di nuovo". Nessuna di queste ragioni dovrebbe essere una preoccupazione in quanto Dio offre perdono e grazia a tutti coloro che li chiedono con cuore sincero (1 Giovanni 1:9). Non dobbiamo provare a ristabilire per conto nostro quello che Dio ha già risanato in noi spiritualmente.

La Bibbia dice che quando siamo nati di nuovo siamo delle nuove creature; il nostro vecchio ego è morto e sepolto e abbiamo una nuova vita donataci dallo Spirito Santo di Dio (2 Corinzi 5:17). Questo significa che Dio sceglie di non ricordare più le nostre trasgressioni passate (Geremia 31:34), inclusa la perdita della verginità prima del matrimonio. I nostri peccati sono tanto lontani da noi quanto l’oriente lo è dall’occidente (Salmo 103:12). Non c’è assolutamente alcun dubbio che Dio perdoni il sesso prima del matrimonio. L’amore di Dio per una persona non viene diminuito a causa degli errori fatti.

Tuttavia, sebbene i nostri peccati non vengano più contati contro di noi, sono ancora molto reali e comportano delle conseguenze sulla Terra. Una volta che una cosa è stata fatta, è fatta. Non è dunque possibile rivendicare la verginità fisica dopo la rinascita spirituale, tanto quanto non è possibile annullare le conseguenze di altri peccati che commettiamo. Quello che possiamo lasciare alle spalle, tuttavia, è il senso di colpa associato all’aver avuto sesso prima del matrimonio. Questo tipo di colpa può causarci dubbi sul potere del perdono di Dio in quanto non riusciamo a perdonare noi stessi. Possiamo subire la tirannia dalle nostre stesse emozioni e pensare di essere troppo malvagi per essere perdonati. Ci sono diverse ragioni per questo. Prima di tutto, la coscienza reclama contro il perdono. La coscienza ha a che fare con la colpa e la condanna, non con la grazia e la misericordia. In secondo luogo, Satana è "l'accusatore dei nostri fratelli" (Apocalisse 12:10), e farà tutto quello che può per oscurare l’amore e la grazia di Dio. Ma Satana è un bugiardo e il padre delle menzogne (Giovanni 8:44). Una volta che ci rendiamo conto che il tenerci immobilizzati nei nostri sensi di colpa è qualcosa da cui lui trae vantaggio, possiamo rifiutare le sue menzogne, tenerci stretti alle promesse della Scrittura, credere veramente che siamo morti al peccato ed iniziare a vivere per Dio in Cristo (Romani 6:11).

Considerate l’apostolo Paolo, consumato dalla rabbia contro Cristo e "spirando ancora minacce e strage contro i discepoli del Signore" (Atti 9:1), ripieno di blasfemia ed empietà. Nonostante ciò Dio lo perdonò e lo rese il Suo prescelto per predicare il Vangelo al mondo intero. Paolo dice ai corinzi che, anche se alcuni di loro sono stati idolatri, adulteri, prostituti, colpevoli di omosessualità, ladri, alcolizzati, oltraggiatori, rapinatori (1 Corinzi 6:9-12), attraverso l’infinita bontà e la grazia di Dio sono stati comunque lavati dalla sporcizia e dalla colpa dei loro peccati, giustificati dalla rettitudine di Cristo, santificati dallo Spirito di Cristo e adornati dalla grazia preziosa di Cristo, santi e perfetti al cospetto di Dio. Conoscendo il perdono di Dio in Cristo, come possiamo ancora aggrapparci ai nostri sensi di colpa?

Piuttosto che cercare la verginità dopo la nuova nascita spirituale, un cristiano che abbia commesso l’errore di avere rapporti sessuali prima del matrimonio dovrebbe dedicarsi a Dio e astenersene fino al matrimonio. Rivendicare la verginità dopo la nuova nascita spirituale non è biblico. Credere con tutto il cuore nel perdono totale di Dio e fare la scelta di vivere nella correttezza e in modi che compiacciono Lui, al contrario, è biblico.


Torna alla home page italiana

La verginità dopo la rinascita spirituale è possibile?