Cosa è la teoria del Giorno-Era?


Domanda: "Cosa è la teoria del Giorno-Era?"

Risposta:
Sebbene Mosè abbia scritto il libro della Genesi circa 3400 anni fa, è stato proprio negli ultimi due secoli che si è sviluppato un serio dibattito sulla natura e sulla data della creazione. Di conseguenza, ora si annovera un certo numero di teorie relative alla fase della creazione, e una di esse è chiamata teoria del Giorno-Era. Fondamentalmente, questa è la convinzione che i "giorni" di cui si parla nel primo capitolo della Genesi siano periodi sequenziali e non letteralmente giorni di 24 ore. Ogni giorno, quindi, si pensa che rappresenti un periodo di tempo molto più lungo, anche se indefinito, come un milione o più di anni. Essenzialmente, è un tentativo di armonizzare la Scrittura con l'evoluzione teistica, o almeno con il concetto di una Terra "vecchia".

La scienza non ha mai smentito una parola della Bibbia. La Bibbia è la verità suprema e dovrebbe essere lo standard con cui la teoria scientifica andrebbe valutata. In alcuni casi, le teorie alternative delle origini sono specificamente intese a rimuovere Dio dall'equazione. I teorici del Giorno-Era non tentano di rimuovere Dio, naturalmente; piuttosto, cercano di armonizzare le visioni tradizionali della Bibbia con gli atteggiamenti moderni nei confronti della scienza. Tuttavia, questo tipo di approccio dovrebbe essere gestito con cautela. La peggiore conseguenza di mettere in discussione la verità o l'ispirazione della Genesi è che ciò porta a mettere in discussione ogni parte della Parola di Dio che non è d'accordo con le nostre preferenze. Tutto ciò che la Scrittura insegna sul peccato e sulla morte richiede l'inerranza dei primi tre capitoli della Genesi. Detto questo, rivediamo alcuni degli argomenti proposti dai sostenitori della teoria del Giorno-Era.

Gli aderenti alla teoria del Giorno-Era spesso sottolineano che la parola usata per "giorno" in ebraico yom, spesso si riferisca ad un periodo di tempo che è superiore a un giorno letterale di 24 ore. Un passo delle Scritture in particolare, frequentemente usato a sostegno di questa teoria è 2 Pietro 3:8, "…Ma voi, carissimi, non dimenticate quest'unica cosa: per il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni sono come un giorno.". Questo passaggio certamente ci ricorda che Dio è fuori dal tempo e non possiamo dubitare del verificarsi di un futuro evento biblico (cioè la seconda venuta) solo perché sembra che ci voglia molto tempo dalla nostra limitata prospettiva umana. Secondo gli oppositori della teoria del Giorno-Era, quindi, 2 Pietro 3:8 non ha nulla a che fare con la durata della settimana della creazione.

Ogni giorno nel primo capitolo della Genesi è descritto come se avesse una sera ed una mattina. In effetti, queste due parole – sera e mattina – sono ampiamente utilizzate nell'Antico Testamento e nella maggior parte dei casi si riferiscono a giorni normali. Parlando dal punto di vista del linguaggio, gli oppositori della teoria del Giorno-Era osservano che, se Mosè avesse voluto trasmettere l'idea di un periodo di tempo più lungo, avrebbe potuto usare termini chiari come l'olam o il qedem al posto di yom.

Un altro motivo dato per sostenere un "giorno" metaforico come postulato dalla teoria del Giorno-Era è che il sole non è stato creato fino al quarto giorno. Detto questo, come potevano esserci stati giorni convenzionali di 24 ore (cioè giorno e notte) prima di questo? Gli oppositori della teoria del Giorno-Era sostengono che, tecnicamente, il sole stesso non sia necessario per un giorno e una notte. Ciò di cui c'è bisogno è luce e Terra rotante. I "sera e mattino" indicano una Terra rotante e, per quanto riguarda la luce, il primissimo comando di Dio fu "Sia fatta la luce" e la luce fu (Genesi 1:3), prima che ci fosse il sole. Separare la luce dall'oscurità è stata la prima cosa che ha fatto il nostro Creatore.

Gli avversari del Giorno-Era noteranno anche che, in Apocalisse 21:23, vediamo che la Nuova Gerusalemme "non ha bisogno di sole, né di luna che la illumini, perché la gloria di Dio la illumina". All'inizio della creazione, la luce radiante di Dio avrebbe potuto essere sufficiente fino a quando i luminari furono creati tre giorni dopo.

Inoltre, nella maggior parte delle interpretazioni della teoria del Giorno-Era, la malattia, la sofferenza e la morte devono essere esistite prima della caduta dell'uomo. La Scrittura indica chiaramente che "il peccato è entrato nel mondo attraverso un uomo [Adamo] e la morte attraverso il peccato" (Romani 5:12). Non c'era morte prima dell'atto di disobbedienza di Adamo nel Giardino dell'Eden, o, come direbbero i creazionisti della teoria del Giorno-Era, non c'era morte umana prima del peccato di Adamo. A seconda di come si allinea la teoria del Giorno-Era con l'origine degli esseri umani, si potrebbe annullare la dottrina della Caduta. Ciò renderebbe anche nulla la dottrina dell'espiazione, dal momento che, se non ci fosse Caduta, perché avremmo bisogno di un Redentore?

English


Torna alla home page italiana

Cosa è la teoria del Giorno-Era?