Qual è la storia del Nuovo Testamento?


Domanda: "Qual è la storia del Nuovo Testamento?"

Risposta:
Quattrocento anni dopo che Dio parlò al profeta Malachia, Egli tornò a parlare. Il messaggio fu che la profezia di Malachia 3:1 doveva essere presto compiuta, che un profeta doveva preparare la via al Signore. Il Messia era in cammino.

Quel profeta si chiamava Giovanni. Il Messia si chiamava Gesù, nato da una vergine di nome Maria. Gesù fu cresciuto come ebreo praticante. Quando aveva circa trent'anni, cominciò il Suo ministero pubblico in Israele. Giovanni aveva predicato il Regno Messianico in arrivo e aveva battezzato quelli che credevano nel suo messaggio e si pentivano dei loro peccati. Quando Gesù giunse da lui per essere battezzato, Dio parlò in modo udibile e lo Spirito Santo scese visibilmente su Gesù, identificandoLo come il Messia promesso. Da quel momento in poi, il ministero di Giovanni cessò, avendo compiuto il suo scopo di introdurre Cristo al mondo (Matteo 3).

Gesù chiamo dodici discepoli da diverse estrazioni sociali, gli diede il potere di servirLo, e cominciò ad istruirli. Mentre Gesù viaggiava e predicava, guariva i malati e compiva molti altri miracoli che diedero testimonianza ed autorità al Suo messaggio. Il ministero terreno di Gesù vide una grandissima crescita. Vaste folle, meravigliate dai miracoli e stupefatte dai Suoi insegnamenti, Lo seguirono ovunque andasse (Luca 9:1; Matteo 19:2).

Tuttavia, non tutti erano affascinati da Gesù. I leader politici e religiosi della comunità ebraica si offesero all'insegnamento di Gesù che le loro regole e le loro tradizioni non erano il cammino per la salvezza. Affrontarono Gesù molte volte, e Gesù gli disse apertamente che erano ipocriti. I farisei osservarono i miracoli di Gesù ma li attribuirono all'opera del diavolo piuttosto che dare la gloria a Dio (Matteo 12:24; 15:3; Matteo 23).

Le folle che seguivano Gesù si diradarono, nel momento in cui divenne ovvio che Gesù non aveva intenzione di farsi re o ribaltare gli oppressori romani. Giovanni fu arrestato ed infine giustiziato in prigione. Gesù cominciò a concentrarsi di più sui Suoi dodici discepoli; uno di loro, il suo nome era Giuda, cominciò attivamente a cercare un modo di denunciare Gesù alle autorità (Giovanni 6:66; Matteo 16:16; 26:16).

Nel Suo viaggio finale a Gerusalemme, Gesù celebrò la Pasqua ebraica con i Suoi discepoli. Quella notte, durante un momento di preghiera, Giuda condusse una folla armata a Gesù. Egli fu arrestato e trascinato in una serie di finti processi. Fu condannato a morte per crocifissione dal governatore romano, che tuttavia ammise che Gesù era innocente. Gesù fu crocifisso. Al momento della Sua morte, ci fu un grande terremoto. Il cadavere di Gesù fu tirato giù dalla croce e sepolto rapidamente in una tomba vicina (Luca 22:14-23, 39-53; Marco 15:15, 25; Matteo 27:51; Giovanni 19:42).

Il terzo giorno dopo la morte di Gesù, la Sua tomba fu trovata vuota, e degli angeli annunciarono che Egli era risorto. Gesù apparve in seguito ai Suoi discepoli in forma umana, e trascorse con loro del tempo durante i successivi quaranta giorni. Alla fine di quel tempo, Gesù istruì gli apostoli e salì in Cielo mentre loro vedevano tutto con i loro occhi (Luca 24:6, 24; Giovanni 21:1, 14; Atti 1:3-9).

Dieci giorni dopo l'ascesa di Gesù in Cielo, circa 120 discepoli erano riuniti a Gerusalemme, pregando ed aspettando l'arrivo dello Spirito Santo, che Gesù gli aveva promesso sarebbe venuto in loro soccorso. Il giorno della Pentecoste, lo Spirito pervase i discepoli, dando loro l'abilità di parlare in lingue che non avevano mai imparato. Pietro e gli altri cominciarono a predicare nelle strade di Gerusalemme, e 3000 persone credettero nel messaggio che il Signore Gesù era morto e risorto. Quelli che credettero furono battezzati nel nome di Gesù. Era nata la Chiesa (Atti 2).

La Chiesa di Gerusalemme continuò a crescere, mentre gli apostoli compivano miracoli ed insegnavano, manifestando di possedere grande potere. Tuttavia, i nuovi credenti presto dovettero affrontare la persecuzione, condotta da un giovane fariseo di nome Saulo. Molti credenti dovettero lasciare Gerusalemme, e mentre se ne andavano, diffondevano la buona notizia di Gesù in altre città. Cominciarono a formarsi confraternite di credenti in altre comunità (Atti 2:43; 8:1, 4).

Uno dei luoghi che ricevettero il Vangelo fu Samaria. La Chiesa di Gerusalemme inviò Pietro e Giovanni in Samaria per verificare le notizie che avevano ricevuto sulla loro Chiesa. Quando Pietro e Giovanni giunsero in Samaria, testimoniarono la venuta dello Spirito Santo sui samaritani, nello stesso modo in cui era avvenuto con loro. Senza dubbio, la Chiesa si era diffusa in Samaria. Dopo poco, Pietro vide lo Spirito Santo scendere su un centurione romano e sulla sua casa. In quel modo, la Chiesa si stava diffondendo anche nel mondo dei gentili (Atti 8:14-17; 10:27-48).

Giacomo, uno dei dodici discepoli, morì da martire a Gerusalemme. Saulo aveva progettato di portare il suo odio per i cristiani a Damasco, ma lungo il percorso gli apparve Gesù in una visione. L'ex persecutore della Chiesa diventò un ardente predicatore di Cristo. Alcuni anni dopo, Saulo/Paolo divenne insegnante nella Chiesa di Antiochia. Mentre si trovava lì, fu scelto insieme a Barnaba dallo Spirito Santo per divenire uno dei primi "missionari stranieri" nel mondo. I due partirono per Cipro e l'Asia Minore. Paolo e Barnaba soffrirono persecuzione e difficoltà durante il viaggio, ma grazie a loro molte persone furono salvate, incluso un giovane di nome Timoteo. Furono stabilite le Chiese (Atti 9:1-22; 12:1-2; 13–14).

Una volta tornati a Gerusalemme, dovettero fronteggiare una domanda sulla presenza dei gentili nella Chiesa. Ai gentili cristiani (ex pagani) doveva essere data la stessa posizione dei cristiani ebrei, che avevano mantenuto la Legge per tutte le loro vite? E ancora: i credenti gentili dovevano essere circoncisi per essere salvati? Un concilio si riunì a Gerusalemme per considerare la questione. Pietro e Paolo diedero entrambi la loro testimonianza su come Dio avesse garantito allo Spirito Santo di scendere sui credenti gentili senza il rito della circoncisione. La determinazione del concilio fu che la salvezza avviene per grazia attraverso la fede e che la circoncisione non era necessaria per la salvezza (Atti 15:1-31).

Paolo intraprese un altro viaggio missionario, accompagnato questa volta da Sila. Lungo il percorso, Timoteo si unì a loro, come fece anche un dottore di nome Luca. All'ordine dello Spirito Santo, Paolo e il suo gruppo lasciarono l'Asia Minore e viaggiarono verso la Grecia, dove furono stabilite ancora più Chiese a Cesarea di Filippo, Tessalonica, Corinto, Efeso ed altre città. In seguito, Paolo intraprese un terzo viaggio missionario. Il suo modus operandi era quasi sempre lo stesso: predicava prima nella sinagoga di una città, presentando il Vangelo agli ebrei in ogni comunità. Di solito veniva respinto dalle sinagoghe e per tal motivo portava il messaggio ai gentili (Atti 15:40–21:17).

Contro l'avvertimento dei suoi amici, Paolo fece un viaggio a Gerusalemme. Lì fu aggredito da una folla, che aveva intenzione di ucciderlo. Fu salvato da un tribuno romano e tenuto in custodia protettiva nella caserma. Paolo fu processato a Gerusalemme, davanti al Sinedrio, ma nella corte scoppiò il caos e Paolo fu portato a Cesarea per essere processato davanti a un giudice romano. Dopo diversi anni trascorsi in Cesarea, Paolo si recò alla presenza di Cesare, il quale lo considerò giusto secondo la legge romana (Atti 21:12, 27-36; Atti 23:1–25:12).

Paolo fu portato a Roma come prigioniero su una nave, e Luca lo accompagnò. Durante il tragitto, la nave naufragò a causa di una violenta tempesta, ma tutti a bordo riuscirono a raggiungere l'isola di Malta e furono tratti in salvo. Lì, Paolo fece miracoli che attirarono l'attenzione del governatore dell'isola. Ancora una volta, il Vangelo fu diffuso (Atti 27:1–28:10).

Quando arrivò a Roma, Paolo fu messo agli arresti domiciliari. I suoi amici potevano visitarlo, e certamente aveva una certa libertà di insegnare. Alcune delle guardie romane si convertirono, e persino alcuni della stessa casa di Cesare credettero in Gesù (Atti 28:16, 30-31; Filippesi 4:22).

Mentre Paolo veniva tenuto a Roma, l'opera di Dio continuò nel mondo del Mediterraneo. Timoteo predicò ad Efeso; Tito supervisionò l'operato a Creta; Apollo servì a Corinto; Pietro, possibilmente, andò a Roma (1 Timoteo 1:3; Tito 1:5; Atti 19:1; 1 Pietro 5:13).

La maggior parte degli apostoli morì da martire per la fede in Cristo. L'ultimo apostolo fu Giovanni, il quale, da anziano, fu mandato in esilio all'isola di Patmos. Lì ricevette dal Signore Gesù dei messaggi per le Chiese ed una visione della fine dei tempi che scrisse nel libro dell'Apocalisse (Apocalisse 1:9, 4, 19).

English


Torna alla home page italiana

Qual è la storia del Nuovo Testamento?