Qual è il significato della croce?


Domanda: "Qual è il significato della croce?"

Risposta:
Fondamentalmente, il significato della croce è la morte. Dal sesto secolo a.C. circa, fino al quarto secolo d.C. la croce era uno strumento d'esecuzione che portava alla morte nel modo più straziante e doloroso possibile. Durante la crocifissione, una persona veniva legata o inchiodata ad una croce di legno e lasciata appesa fino alla morte. La morte sarebbe stata lenta ed atroce. Tuttavia, grazie a Cristo e alla Sua morte sulla croce, il significato della stessa è oggi completamente differente.

Nel Cristianesimo, la croce è l'intersezione tra l'amore di Dio e la Sua giustizia. Gesù Cristo è l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo (Giovanni 1:29). Il riferimento a Gesù come Agnello di Dio risale all'istituzione della Pasqua ebraica in Esodo 12. Agli israeliti veniva comandato di sacrificare un agnello senza macchia e di spalmare il sangue di quell'agnello sugli stipiti delle loro porte. Il sangue sarebbe stato un segnale per l'Angelo della Morte, il quale sarebbe "passato oltre" quella casa, lasciando in salvo chi era coperto dal sangue sacrificale. Quando Gesù venne da Giovanni per essere battezzato, egli lo riconobbe e gridò: "Ecco l'Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!" (Giovanni 1:29), identificando sia Lui che il disegno divino del Suo sacrificio per il peccato.

Per prima cosa ci si potrebbe chiedere perché Gesù sia dovuto morire. Questo è il messaggio onnicomprensivo della Bibbia: la storia di redenzione. Dio creò i cieli e la Terra, Egli creò l'uomo e la donna a Sua immagine e li collocò nel Giardino dell'Eden per essere custodi della Terra. Tuttavia, a causa delle tentazioni di Satana (il serpente), Adamo ed Eva peccarono e persero la grazia di Dio. Inoltre, passarono la maledizione del peccato alla loro progenie cosicché ognuno ereditasse il loro peccato e la loro colpa. Dio Padre mandò il suo unico Figlio nel mondo per divenire uomo e fungere da Salvatore delle Sue genti. Nato da una vergine, Gesù evitò la maledizione della caduta che infetta tutti gli altri esseri umani. La giustizia di Dio richiedeva il giudizio e la punizione per il peccato; l'amore di Dio Lo mosse a mandare il Suo unico Figlio come propiziazione per il peccato.

Grazie al sacrificio espiatorio di Gesù sulla croce, a coloro i quali ripongono la loro fede e la loro fiducia per la salvezza esclusivamente in Lui viene garantita la vita eterna (Giovanni 3:16). Tuttavia, Gesù incitò i Suoi seguaci a prendere la propria croce e seguirLo (Matteo 16:24). Questo concetto del "portare la croce" oggi ha perso molto del suo significato originale. Tipicamente, usiamo "portare la croce" per denotare una circostanza inconveniente o fastidiosa (per esempio "mio figlio adolescente è la mia croce"). Tuttavia, dobbiamo tenere a mente che Gesù chiese ai Suoi discepoli di attuare una negazione del sé radicale. Per un uomo che viveva nel primo secolo, la croce significava solo una cosa: la morte. "Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi avrà perduto la propria vita per amor mio, la ritroverà" (Matteo 16:25). Nella Lettera ai Galati si ripete questo tema della morte del sé peccatore e l'ascesa per camminare in novità di vita attraverso Cristo: "Io sono stato crocifisso con Cristo e non sono piú io che vivo, ma è Cristo che vive in me; e quella vita che ora vivo nella carne, la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me" (Galati 2:20).

Ci sono luoghi nel mondo in cui i cristiani vengono perseguitati fino alla morte per la loro fede. Loro sanno ciò che significa portarsi la propria croce e seguire Gesù in modo molto letterale. Anche per coloro i quali non vengono perseguitati in questo modo, il requisito è quello di rimanere fedeli a Cristo. Nonostante non ci venga mai chiesto di fare il sacrificio definitivo, dobbiamo essere disposti a farlo per amore dell'Uno che ci ha salvati e che ha dato la Sua vita per noi.

English


Torna alla home page italiana

Qual è il significato della croce?