Cosa significa seguire veramente Cristo?



 

Domanda: "Cosa significa seguire veramente Cristo?"

Risposta:
Nei Vangeli (Matteo, Marco, Luca, e Giovanni) appare ripetutamente il comandamento di Gesù "seguimi" (per esempio in Matteo 8:22; 9:9, Marco 2:14; Luca 5:27; Giovanni 1:43). In molti casi Gesù stava chiamando i dodici uomini che sarebbero diventati i Suoi discepoli (Matteo 10:3–4), ma altre volte stava parlando a chiunque volesse quello che Lui aveva da offrire (Giovanni 3:16; Marco 8:34).

In Matteo 10:34–39 Gesù affermò chiaramente cosa significava seguirlo. Egli disse: "Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a mettervi la pace, ma la spada. Perché io sono venuto a mettere disaccordo tra figlio e padre tra figlia e madre, tra nuora e suocera, e i nemici dell'uomo saranno quelli di casa sua. Chi ama padre o madre piú di me, non è degno di me; e chi ama figlio o figlia piú di me, non è degno di me. E chi non prende la sua croce e non viene dietro a me, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la ritroverà."

Il fatto che Gesù porti una "spada" e che metta disaccordo tra i membri di una famiglia sembrano parole forti dopo "chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). Ma Gesù non raddolcì mai la verità, e la verità è che seguirLo porta a scelte difficili. Qualche volta potrebbe sembrare più allettante tirarsi indietro. Quando gli insegnamenti di Gesù passarono dalle Beatitudini (Matteo 5:3–11) alla croce che Lo aspettava, molti di coloro che Lo avevano seguito andarono via (Giovanni 6:66). Persino i discepoli decisero che seguire Gesù era troppo difficile, la notte in cui fu arrestato. Tutti Lo abbandonarono (Matteo 26:56; Marco 14:50). Quella notte seguire Cristo significava un possibile arresto e una probabile esecuzione. Piuttosto che rischiare la sua stessa vita, Pietro negò di conoscere Gesù tre volte (Matteo 26:69–75).

Seguire davvero Cristo significa che Egli è diventato tutto per noi. Tutti seguono qualcosa: gli amici, la cultura popolare, la famiglia, i desideri egoistici o Dio. Possiamo solo seguire una cosa alla volta (Matteo 6:24). Dio afferma che non possiamo avere altri dei al di fuori di Lui (Esodo 20:3; Deuteronomio 5:7; Marco 12:30). Seguire davvero Cristo significa che non possiamo seguire nessun altro. Gesù disse in Luca 9:23: "Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua." Non esiste un "discepolo a metà". Come dimostrarono i discepoli, nessuno può seguire Cristo per forza di volontà. I farisei furono un buon esempio di persone che stavano cercando di obbedire a Dio con le proprie forze. Il loro sforzo personale li portò unicamente ad assumere un atteggiamento di arroganza e a una distorsione dell’intero scopo della Legge di Dio (Luca 11:39; Matteo 23:24).

Gesù diede ai Suoi discepoli il segreto per seguirLo fedelmente, ma non lo riconobbero a quel tempo. Egli disse: "È lo Spirito che vivifica, la carne non giova a nulla; le parole che vi dico sono spirito e vita." (Giovanni 6:63). E "per questo vi ho detto che nessuno può venire a me se non gli è dato dal Padre mio” (versetto 65). I discepoli avevano camminato con Gesù per tre anni, imparando, osservando e partecipando ai Suoi miracoli. Eppure, non furono in grado di seguirLo fedelmente solo con le loro forze. Avevano bisogno di un Aiutante.

Gesù promise molte volte che, una volta asceso dal Padre, avrebbe mandato loro un "aiutante": lo Spirito Santo (Giovanni 14:26; 15:26). Infatti, Egli disse che stava andando via per per il loro bene, affinché lo Spirito Santo potesse venire (Giovanni 16:7). Lo Spirito Santo I dimora nel cuore di ogni credente (Galati 2:20; Romani 8:16; Ebrei 13:5; Matteo 28:20). Gesù avvertì i Suoi seguaci che non dovevano cominciare a testimoniare di Lui "finché siate rivestiti di potenza dall'alto" (Luca 24:49; Atti 1:4). Quando lo Spirito Santo scese su quei primi credenti durante la Pentecoste, essi ricevettero immediatamente tutto il potere necessario per seguire Cristo, persino fino alla morte, se così doveva essere (Atti 2:1–4; 4:31; 7:59-60).

Seguire Gesù significa lottare per essere come Lui. Egli ha sempre obbedito al Padre, e dunque questo è quello che dobbiamo sforzarci di fare (Giovanni 8:29; 15:10). Seguire davvero Cristo significa renderLo il Capo. Ecco cosa significa rendere Gesù il Signore delle nostre vite (Romani 10:9; 1 Corinzi 12:3; 2 Corinzi 4:5). Ogni decisione e ogni sogno viene filtrato attraverso la Sua Parola con l’obiettivo di glorificarLo in ogni cosa (1 Corinzi 10:31). Non veniamo salvati dalle cose che facciamo per Cristo (Efesini 2:8–9) ma da ciò che Lui ha fatto per noi. Per mezzo della Sua grazia, vogliamo compiacerLo in ogni cosa. Tutto questo viene compiuto quando permettiamo allo Spirito Santo di avere il controllo totale in ogni area della nostra vita (Efesini 5:18). Egli spiega le Scritture (1 Corinzi 2:14), ci potenzia con i doni spirituali (1 Corinzi 12:4-11), ci conforta (Giovanni 14:16), e ci guida (Giovanni 14:26). Seguire Cristo significa che applichiamo le verità che impariamo dalla Sua Parola e viviamo come se Gesù in Persona stesse camminando al nostro fianco.


Torna alla home page italiana

Cosa significa seguire veramente Cristo?