Perché la comunità scientifica si oppone al creazionismo?


Domanda: "Perché la comunità scientifica si oppone al creazionismo?"

Risposta:
È importante effettuare una distinzione tra i termini "scienza" e "comunità". La scienza è una disciplina che riguarda l'osservazione, la sperimentazione e la spiegazione dei fenomeni. La comunità scientifica è composta dalle persone umane viventi che partecipano a questa disciplina. La distinzione è importante, perché non c'è contraddizione logica tra scienza e creazionismo. Scienza è un termine generico per un tipo di studio, mentre creazionismo è una filosofia applicata all'interpretazione dei fatti. La comunità scientifica, così come esiste oggi, considera il naturalismo come la filosofia preferita, ma non esiste una ragione palese per cui il naturalismo dovrebbe essere preferito dalla scienza al creazionismo.

In generale, c'è la percezione che il creazionismo sia "non scientifico". Questo è in parte vero, nel senso che il creazionismo implica certe ipotesi che non possono essere testate, provate o falsificate. Tuttavia, il naturalismo è esattamente nella stessa situazione, quello di una filosofia non verificabile, non dimostrabile, non falsificabile. I fatti scoperti nella ricerca scientifica sono solo questo: fatti. I fatti e le interpretazioni sono due cose diverse. L'attuale comunità scientifica rifiuta, in generale, i concetti del creazionismo e così lo definiscono come "non scientifico". Questo è molto ironico, data la preferenza della comunità scientifica per una filosofia interpretativa – naturalismo – che è altrettanto "non scientifica" come il creazionismo.

Ci sono molte ragioni per questa tendenza verso il naturalismo nella scienza. Il creazionismo comporta l'intervento di un essere soprannaturale e la scienza si occupa principalmente di cose fisiche e tangibili.

Per questa ragione, alcuni nella comunità scientifica temono che il creazionismo porti al dilemma del "Dio delle lacune", in cui le questioni scientifiche vengono liquidate dalla spiegazione "Dio l'ha fatto". L'esperienza ha dimostrato che non è questo il caso. Alcuni dei più grandi nomi della storia scientifica erano creazionisti convinti. La loro fede in Dio li ha spinti a chiedere: "Come ha fatto Dio a farlo?". Tra questi nomi ci sono Pascal, Maxwell e Kelvin. Dall'altra parte, un irragionevole impegno per il naturalismo può degradare la scoperta scientifica. Un quadro naturalistico richiede che uno scienziato ignori i risultati che non si adattano al paradigma stabilito. Cioè, quando i nuovi dati non corrispondono alla visione naturalistica, si presume che non siano validi e quindi vanno scartati.

Ci sono diverse implicazioni religiose nei confronti del creazionismo. La scienza è solo oggettiva come coloro che vi partecipano e quelle persone sono soggette al pregiudizio come in qualsiasi altro campo. C'è chi rifiuta il creazionismo a favore del naturalismo solo per motivi personali "morali". In realtà, questo numero è probabilmente molto più alto di quello che si vorrebbe ammettere. La maggior parte delle persone che rifiuta il concetto di Dio lo fa principalmente perché non è d'accordo con qualche restrizione percepita o ingiustizia, nonostante le affermazioni contrarie, e questo è vero per coloro che lavorano come scienziati come per quelli che lavorano in qualsiasi altro campo.

Allo stesso modo, un atteggiamento ostile nella comunità scientifica ha avuto un impatto sulla percezione del creazionismo. La scienza ha beneficiato dei contributori creazionisti per secoli; eppure oggi la comunità scientifica, in generale, assume un atteggiamento ostile e condiscendente nei confronti di chiunque non abbia una prospettiva naturalistica. Questa aperta ostilità nei confronti delle opinioni creazioniste e della religione in generale crea un forte incentivo per le persone con tali punti di vista ad evitare lo studio scientifico. Coloro che si sentono spesso costretti a rimanere in silenzio per paura del ridicolo. In questo modo, la comunità scientifica ha degradato ed "eliminato" un segmento della popolazione e poi ha l'audacia di affermare che una percentuale ridotta di creazionisti nei loro ranghi è la prova del merito scientifico superiore del naturalismo.

Ci sono anche ragioni politiche all'ostilità della comunità scientifica verso il creazionismo e la religione in generale. Il cristianesimo, più di ogni altro sistema religioso, attribuisce un valore immenso a ogni singola vita umana. Ciò provoca tensioni con la comunità scientifica quando questa preoccupazione per la vita ostacola un qualche tipo di processo scientifico. I valori cristiani tendono a frenare gli esperimenti o le posizioni che causano danni alle persone o che distruggono o danneggiano la vita umana. Gli esempi includono la ricerca sulle cellule staminali embrionali, l'aborto e l'eutanasia. In altri casi, i valori cristiani si scontrano con quelli secolari quando la scienza promuove certe attività peccaminose facilitandole. Mentre gli scienziati naturalisti possono considerare ciò come un ostacolo non necessario, dovrebbero invece considerare cosa accade quando la ricerca scientifica viene condotta senza alcun riguardo per la moralità o la coscienza. A riecheggiare questa idea è stato il personaggio dell'attore Jeff Goldblum nel film Jurassic Park. Ha dichiarato: "I vostri scienziati erano così preoccupati riguardo alla possibilità di farlo o meno che non si sono fermati a pensare se dovessero farlo". C'è anche un livello di competizione tra la comunità scientifica e la comunità religiosa sul potere, producendo ulteriori tensioni tra la scienza e il creazionismo. Anche alcuni eminenti scienziati scettici hanno ammesso che la comunità scientifica tende a posizionarsi, talvolta inconsciamente, come un sacerdozio: questo sacerdozio secolare si presenta come dotato della meravigliosa ed elitaria conoscenza del fatto che i laici abbiano bisogno di salvezza e non può essere messo in discussione. In altre parole, idee religiose come il creazionismo, incidono sulla pretesa della comunità scientifica di una conoscenza superiore dell'universo. Mentre ci possono essere molte ragioni di tensione tra la comunità scientifica e il creazionismo, ce ne sono molte altre per cui dovrebbero essere in grado di coesistere pacificamente. Non ci sono ragioni logicamente valide per rifiutare il creazionismo a favore del naturalismo, come la comunità scientifica ha fatto. Il creazionismo non inibisce la scoperta, come dimostrano i titani della scienza che credevano fortemente in esso. L'atteggiamento derisorio rigettano sui creazionisti ha diminuito il numero di tante menti capaci e disponibili in molti campi. Il creazionismo ha molto da offrire alla scienza e alla comunità scientifica. Il Dio che ha creato l'universo si è rivelato attraverso di esso (Salmo 19:1); più sappiamo della sua creazione, più riceve la gloria!

English


Torna alla home page italiana

Perché la comunità scientifica si oppone al creazionismo?