Come posso ristabilire la mia relazione matrimoniale?



 

Domanda: "Come posso ristabilire la mia relazione matrimoniale?"

Risposta:
Dato che il bisogno di ristabilire una relazione matrimoniale potrebbe avvenire per molte ragioni diverse, analizzeremo i principi basilari che la Bibbia presenta per le relazioni in generale e per il matrimonio in particolare.

Bisogna iniziare dal rapporto diretto tra un uomo o una donna e il Signore Gesù Cristo. In quanto credenti nati di nuovo, il successo di qualsiasi relazione con gli altri è strettamente collegato alla qualità della nostra relazione personale con il Signore Gesù Cristo. Quando siamo lontani dalla comunione con il Signore a causa del peccato o di un atteggiamento mentale contrario alla visione divina, scopriamo di non essere in forma e di avere un certo malumore, e questo si riversa sulle nostre relazioni con gli altri. Perciò dovremmo iniziare a ristabilire la nostra comunione con il Signore concordando con il Suo punto di vista e riposando nel Suo perdono (1 Giovanni 1:9).

Tutto questo presuppone che si abbia una relazione personale con il Signore Gesù Cristo mediante la nuova nascita. Ovvero, essere nati di nuovo in novità di vita accettando la salvezza mediante il dono della vita eterna in Cristo. Se questo passo non è ancora stato fatto, allora i principi biblici non sono il primo problema da affrontare, bensì lo sarà la salvezza eterna o la redenzione della persona.

Per il credente nato di nuovo il perdono è la posizione e il privilegio che abbiamo in Cristo, e grazie a quel perdono ci viene comandato di perdonare gli altri. "Siate invece benigni e misericordiosi gli uni verso gli altri, perdonandovi a vicenda, come anche Dio vi ha perdonato in Cristo." (Efesini 4:32). Se siamo credenti, veniamo perdonati “in Cristo”, e “in Cristo" dobbiamo anche perdonare gli altri. Nessuna relazione può essere ristabilita senza perdono. Il perdono è una scelta fatta in base alla realtà del nostro stesso stato di persone perdonate.

Riguardo la relazione matrimoniale, la Bibbia ci ha dato un chiaro modello che è contrario alla prospettiva del mondo. Una volta concesso e ricevuto il perdono, l’applicazione del modello divino comincerà portare le due parti separate in un’unione che onora Dio. Questo richiede una scelta da parte di entrambi. Un vecchio detto dice: "Non puoi usare ciò che non conosci." Di conseguenza, per imparare il modello di Dio per le relazioni matrimoniali dobbiamo guardare alla Parola di Dio.

Dio ordinò il primo matrimonio nel Giardino dell’Eden tra Adamo ed Eva. Una volta entrato il peccato, quell’unione perfetta fu distrutta. In seguito, Dio disse ad Eva che Adamo sarebbe stato a "capo" della famiglia e avrebbe dominato su di lei (Genesi 3:16). (Si paragonino 1 Corinzi 11:3; Efesini 5:22; Tito 2:5; 1 Pietro 3:5-6). Questa "regola" è stata respinta dal movimento femminista liberale moderno e ha portato un’indicibile infelicità a quanti credono nella "menzogna". C’è anche l’idea umana che "siamo tutti uguali". In un certo senso, è vero. Abbiamo tutti lo stesso accesso alla salvezza in Cristo Gesù (Galati 3:28). Ma dire che tutti nel mondo siamo uguali quanto alle opportunità, alle capacità o anche al potere è semplicistico. Dio aveva uno scopo preciso nel mettere le mogli sotto l’autorità dei loro mariti. A causa del peccato, questa regola è stata sia utilizzata male, abusandone, che ridicolizzata, e il risultato di questo ha prodotto caos in casa e nella famiglia. Tuttavia, Dio dice che i mariti devono "amare le loro mogli, come i loro propri corpi" (Efesini 5:28). In effetti, la parte più grande di responsabilità viene data al marito. La donna deve obbedire al marito come al Signore; tuttavia, i mariti devono amare le loro mogli "come anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato se stesso per lei" (Efesini 5:25-29).

1 Corinzi 7 stabilisce alcuni principi e consigli pratici, personali e guidati dallo Spirito sul matrimonio. Ancora una volta, questo presuppone che le persone siano dei credenti nati di nuovo. Questo passaggio parla dell’adulterio, della fornicazione, del rimanere scapoli e puri o - per evitare le insidie della passione e della fornicazione - di sposarsi.

Il modello del matrimonio stabilito da Dio funziona, ma è necessario un impegno da entrambe le parti. Di solito, se una relazione matrimoniale è danneggiata, ci sono delle questioni che è necessario perdonare e lasciarsi alle spalle per continuare ad andare avanti e anche qui, ancora una volta, è necessario compiere una scelta e impegnarsi. La riluttanza a perdonare significa che non ci sarà ristabilimento. La questione principale è la responsabilità di ogni individuo davanti al Signore. Camminare nel perdono e nella comunione sarebbe un punto di partenza meraviglioso per iniziare a ricostruire una relazione.


Torna alla home page italiana

Come posso ristabilire la mia relazione matrimoniale?