Quali sono i punti forti e I punti deboli della teoria pre-tribolazionista del rapimento, (pre-tribolazionismo)?



 

Domanda: "Quali sono i punti forti e I punti deboli della teoria pre-tribolazionista del rapimento, (pre-tribolazionismo)?"

Risposta:
In merito all’escatologia è importante ricordare che quasi tutti i cristiani concordano su queste tre cose: 1) un tempo futuro di Tribolazione che il mondo non ha mai conosciuto prima, 2) la Seconda Venuta di Gesù Cristo, e 3) il passaggio dei credenti dalla mortalità all’immortalità, comunemente noto come il Rapimento (Giovanni 14:1-3; 1 Corinzi 15:51-52; 1 Tessalonicesi 4:16-17). La domanda è: quando avviene il Rapimento in relazione alla Tribolazione e alla Seconda Venuta?

Nel corso degli anni sono emerse tre teorie principali riguardo la tempistica del Rapimento: il pre-tribolazionismo (la credenza che il Rapimento avverrà prima della Tribolazione), il medio-tribolazionismo (la credenza che il Rapimento avverrà a metà della Tribolazione) e il post-tribolazionismo (la credenza che il Rapimento avverrà alla fine della Tribolazione). Questo articolo riguarda in particolare la teoria pre-tribolazionista.

Il Pre-tribolazionismo insegna che il Rapimento avverrà prima che cominci la Tribolazione. A quel tempo, la chiesa incontrerà Cristo nell’aria e qualche tempo dopo verrà rivelato l’anticristo e avrà inizio la Tribolazione. In altre parole, il Rapimento e la Seconda Venuta di Cristo (per stabilire il Suo regno) sono separati da un periodo di almeno sette anni. Secondo questa teoria la chiesa non sperimenterà la Tribolazione.

A livello scritturale, la teoria pre-tribolazionista ha molti punti a suo favore. Per esempio, la chiesa non sarà destinata all’ira (1 Tessalonicesi 1:9-10, 5:9), e i credenti non verranno colpiti dal Giorno del Signore (1 Tessalonicesi 5:1-9). Alla chiesa di Filadelfia venne promesso di essere custodita "dall'ora della prova che verrà su tutto il mondo” (Apocalisse 3:10). Da notare che la promessa non è la tutela durante la prova, ma la liberazione dall’ora, ovvero, dal periodo di tempo della prova.

Il Pre-tribolazionismo trova anche sostegno in quello che non viene riportato nella Scrittura. La parola "chiesa" appare diciannove volte nei primi tre capitoli dell’Apocalisse, ma, in modo significativo, non viene più usata fino al capitolo 22. In altre parole, nell’intera, lunga descrizione della Tribolazione riportata nell’Apocalisse, la parola chiesa è chiaramente assente. Addirittura, la Bibbia non usa mai la parola "chiesa" in un passaggio relativo alla Tribolazione.

Il Pre-tribolazionismo è l’unica teoria che chiaramente sostiene la distinzione tra Israele e la chiesa e i disegni differenti di Dio per ciascuna. I settanta "sette" di Daniele 9:24 vengono decretati per il popolo di Daniele (gli ebrei) e la città santa di Daniele (Gerusalemme). Questa profezia rende chiaro che la settantesima settimana (la Tribolazione) è un tempo di purificazione e di ristabilimento per Israele e Gerusalemme, non per la chiesa.

Inoltre, il pre-tribolazionismo trova sostegno nella storia. Dal brano in Giovanni 21:22-23 sembrerebbe che la prima chiesa considerasse il ritorno di Cristo imminente, come se Lui potesse ritornare da un momento all’altro. Altrimenti, non sarebbe persistita la voce secondo cui Gesù sarebbe tornato durante la vita di Giovanni. L’imminenza, che non è compatibile con le altre due teorie del Rapimento, è un principio cardine del pre-tribolazionismo.

Inoltre, la teoria pre-tribolazionista sembra essere quella più vicina al carattere di Dio e al Suo desiderio di risparmiare i giusti dal giudizio del mondo. Esempi biblici della salvezza di Dio includono Noè, il quale fu risparmiato dal diluvio universale; Lot, che fu risparmiato da Sodoma e Rahab che fu salvata da Gerico (2 Pietro 2:6-9).

Un punto debole percepito nel pre-tribolazionismo è il suo sviluppo relativamente recente all’interno della dottrina della chiesa, in quanto non è stato formulato nel dettaglio fino all’inizio del 1800. Un altro punto debole è che il pre-tribolazionismo divide il ritorno di Gesù Cristo in due "fasi": il Rapimento e la Seconda Venuta, mentre la Bibbia non delinea chiaramente alcuna delle due.

Un’altra difficoltà che deve fronteggiare la teoria pre-tribolazionista è il fatto che ci saranno chiaramente dei santi nella Tribolazione (Apocalisse 13:7, 20:9). I pre-tribolazionisti rispondono a questo distinguendo i santi del Vecchio Testamento e i santi della Tribolazione che provengono dalla chiesa del Nuovo Testamento. I credenti vivi al momento del Rapimento verranno rimossi prima della Tribolazione, ma ci saranno persone che verranno a Cristo durante la Tribolazione.

E una debolezza finale della visione pre-tribolazionista è condivisa dalle altre due teorie: vale a dire, la Bibbia non ci dà una linea temporale esplicita di eventi futuri. La Scrittura non insegna espressamente una visione piuttosto che un’altra, ed ecco perché esiste una diversità di opinioni riguardo la fine dei tempi ed alcune teorie su come si dovrebbero armonizzare le profezie ad essa relative.


Torna alla home page italiana

Quali sono i punti forti e I punti deboli della teoria pre-tribolazionista del rapimento, (pre-tribolazionismo)?