Quali sono i principi della termodinamica e in che modo forniscono prove per il creazionismo?


Domanda: "Quali sono i principi della termodinamica e in che modo forniscono prove per il creazionismo?"

Risposta:
I principi della termodinamica riguardano il calore, l'energia meccanica e la conversione tra i due. Tutti i processi fisici, biologici e chimici conosciuti dall'uomo sono soggetti a queste leggi.

Il primo principio della termodinamica, noto anche come conservazione dell'energia, afferma "Nulla si crea e nulla si distrugge; materia ed energia possono essere convertite l'una nell'altra, ma non esiste un aumento netto nel totale combinato di ciò che esiste". In altre parole, anche se la materia viene convertita in energia e viceversa, non ci sarà mai un aumento o una diminuzione nell'importo totale.

Quindi la domanda è: se la materia e l'energia non sono né create né distrutte, allora da dove viene tutta la materia e l'energia nell'universo? O l'universo (a) in qualche modo è venuto alla luce senza Dio, anche se la scienza ha dimostrato che è impossibile che qualcosa sorga dal nulla, o (b) tutto è sempre esistito nell'universo, altra teoria la cui impossibilità è stata scientificamente dimostrata, oppure (c) Dio l'ha creato. La spiegazione più ragionevole e plausibile è che Dio abbia creato l'universo e tutto ciò che contiene.

Il secondo principio della termodinamica afferma che l'entropia di un sistema chiuso non può diminuire: "Ogni sistema, lasciato libero di evolversi, tende sempre a spostarsi dall'ordine al disordine, la sua energia tende a trasformarsi in livelli inferiori di disponibilità (per lavoro) e alla fine diventa totalmente casuale e non disponibile per il lavoro". L'autore e scienziato Isaac Asimov spiegava, "L'universo tende a diventare costantemente sempre più disordinato! …Tutto ciò che facciamo è inutile e tutto si deteriora, collassa, si rompe, si consuma, tutto da solo – è questa la seconda legge." In altre parole, nel tempo, tutto tende al disordine, alla casualità e alla disorganizzazione.

L'evoluzione richiede che ogni sistema fisico, a partire dal livello atomico, sia il risultato di un processo di assemblaggio spontaneo, sempre più complesso e ben ordinato. Darwin suggerì che gli organismi viventi, ad esempio, provenissero da una lunga serie di processi evolutivi infinitamente complessi, ma non casuali. Tale progressione, tuttavia, sarebbe in completa violazione della seconda legge della termodinamica. La tendenza, secondo queste leggi fisiche, è che l'entropia è in aumento, e quindi i processi naturali devono abbattersi, non costruirsi (o evolversi in qualcosa di più complicato).

L'osservazione semplice conferma empiricamente la verità del secondo principio della termodinamica. I residui di vernice e le incrostazioni. La polvere che si accumula. La casa stessa che va in rovina se non vengono prese misure preventive. Le cose viventi che muoiono marciscono e si decompongono. Possiamo vedere i risultati della seconda legge della termodinamica davanti ai nostri occhi ogni giorno.

Chiaramente, la spiegazione più semplice e ragionevole delle leggi della fisica è la creazione. La Bibbia afferma la creazione da parte dell'unico vero Dio nel libro della Genesi. Quindi perché alcuni credono nell'evoluzione piuttosto che nel creazionismo? Salmo 14:1 lo riassume: "Lo stolto ha detto in cuor suo: 'Non c'è Dio'.".

English


Torna alla home page italiana

Quali sono i principi della termodinamica e in che modo forniscono prove per il creazionismo?