Usare versetti della Scrittura nella preghiera è un metodo più efficace di altre preghiere?


Domanda: "Usare versetti della Scrittura nella preghiera è un metodo più efficace di altre preghiere?"

Risposta:
Alcune persone hanno scoperto che usare versetti della Bibbia nelle loro preghiere è un modo di pregare efficace. "Pregare la Scrittura a Dio" sembra aiutarli a concentrarsi e ad assicurare che l'argomento della preghiera compiaccia Dio.

Giacomo 5:16 dice: "[…] molto può la preghiera del giusto, fatta con efficacia." 1 Giovanni 5:14–15 dice: "Questa è la sicurezza che abbiamo davanti a lui: se domandiamo qualche cosa secondo la sua volontà, egli ci esaudisce. E se sappiamo che egli ci esaudisce in qualunque cosa gli chiediamo, noi sappiamo di avere le cose che gli abbiamo chiesto." La parola efficace significa "sufficiente a produrre il risultato desiderato." Fervente significa "costante, strenuo ed intenso." Giacomo e Giovanni ci dicono entrambi che, se le nostre preghiere vogliono essere efficaci, esse devono essere ferventi, significative e secondo la volontà di Dio.

Un modo per sapere se le nostre preghiere adempiono alla volontà di Dio è pregare usando versetti specifici delle Scritture che esprimono ciò che c'è nei nostri cuori. La Scrittura non dovrebbe essere usata come una sorta di incantesimo, ripetuto meccanicamente come se le parole in se stesse avessero qualche potere. Il potere della preghiera proviene solamente da Dio, e giunge a un cuore che è "fervente". Ma quando troviamo un comando o una promessa che esprimono ciò che alberga nei nostri cuori, sappiamo che stiamo seguendo Dio se lo/a usiamo nella preghiera. Dopo tutto è la Sua Parola. Più memorizziamo la Bibbia e meditiamo su di Essa, più Essa diventa parte di noi. La verità che abbiamo studiato ci viene in mente quando preghiamo, ed è spesso la risposta che cerchiamo. Spesso, quando non sappiamo cosa pregare, la Scrittura può darci le parole adatte. I Salmi contengono centinaia di preghiere, e molti di loro hanno già messo per iscritto i nostri pensieri.

Gesù ci offre il migliore esempio di preghiera efficace. La Sua preghiera più lunga registrata nella Scrittura è il "Discorso d'addio" in Giovanni 17. La prima cosa che notiamo è l'unità di spirito tra Gesù e il Padre. Egli comincia dicendo, "Padre, l'ora è venuta". Gesù non stava dicendo al Padre qualcosa di nuovo. Piuttosto, stava riconoscendo che erano d'accordo. Gesù passò talmente tanto tempo a pregare con fervore da conoscere il cuore del Padre. Questo è l'obiettivo della preghiera efficace: capire il cuore di Dio ed allineare la nostra volontà alla Sua. Che usiamo le nostre parole o quelle scritte duemila anni fa, la chiave della preghiera efficace è farla provenire dal cuore, e cercare la volontà di Dio.

Pregare usando versetti della Scrittura è un atto di devozione personale e un buon modo di assicurarsi di pregare efficacemente. Per esempio, possiamo prendere la Lettera ai Galati 2:20 e usarla come preghiera di consacrazione. Tale preghiera potrebbe recitare più o meno così: "Padre, oggi sono stato/a crocifisso/a con Cristo. Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita che vivo oggi, la vivo per fede nel Figlio di Dio, il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me". Pregando in questo modo, prendiamo il cuore di Dio e lo rendiamo il nostro obiettivo. Non c'è niente di magico nelle parole, piuttosto sappiamo che stiamo pregando secondo la volontà di Dio, usando la Sua Parola come modello.

Dobbiamo stare attenti a non trattare la Scrittura come se ogni passaggio fosse stato scritto specificatamente per la nostra situazione. Non possiamo estrapolare dei versetti dal contesto semplicemente perché vogliamo che valgano anche per noi. Per esempio, Dio promise a Salomone "ricchezze, beni e gloria" in 2 Cronache 1:11–12. Ma non possiamo pregare usando questo versetto come se Dio li avesse promessi a noi. Non possiamo cercare versetti isolati che dicano quello che vogliamo sentirci dire e poi "farli nostri." Alcune volte, tuttavia, Dio imprime un certo versetto nei nostri cuori come Suo messaggio personale per noi, e allora possiamo pregare, anzi, dovremmo pregare usandolo.

Se proviamo ad applicare ogni versetto come se interessasse direttamente le nostre vite, avremmo problemi con versetti come 1 Samuele 15:3: "Ora va', sconfiggi Amalec, vota allo sterminio tutto ciò che gli appartiene […]" (NR2006). Dobbiamo sempre leggere la Scrittura nel Suo contesto, ed imparare di più su Dio dai principi che leggiamo. Dio potrebbe usare quel passaggio per dirci di distruggere la mondanità nelle nostre vite, e non lasciare niente di essa. In quel caso, potremmo pregare così: "Signore, proprio come hai detto agli Israeliti di distruggere completamente qualsiasi cosa che rappresentasse il male degli amaleciti, voglio distruggere i falsi dèi nella mia vita, e non lasciare altro ad eccezione di Te. Purifica il mio cuore come loro hanno purificato la loro terra."

La preghiera efficace e fervente può provenire dalla Scrittura o dalle profondità dei nostri cuori. L'obiettivo, maturando in essa, è che le due si intreccino. Persino sulla croce, durante la Sua terribile sofferenza, Gesù gridò le parole del Salmo 22: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" Molti studiosi credono che Gesù stesse recitando l'intero passaggio, pregando Dio come in un atto di adorazione persino al momento della morte. Più parti della Scrittura impariamo e personalizziamo, più le nostre preghiere rifletteranno la volontà di Dio, e più efficaci saranno.

English


Torna alla home page italiana

Usare versetti della Scrittura nella preghiera è un metodo più efficace di altre preghiere?