Qual è la chiave per una preghiera efficace?



 

Domanda: "Qual è la chiave per una preghiera efficace?"

Risposta:
Tutti vogliono che le loro preghiere siano "efficaci", tanto che quando ci concentriamo sui "risultati" delle nostre preghiere, perdiamo di vista l’incredibile privilegio che abbiamo nella preghiera. Il fatto che persone come noi possano parlare con il Creatore dell’Universo è già di per sé una cosa meravigliosa. Ancora più sorprendente è il fatto che Egli ci ascolti e che agisca a nostro favore! La prima cosa che dobbiamo capire riguardo all’efficacia della preghiera è che il nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo ha dovuto soffrire e morire sulla croce per rendere possibile il nostro avvicinarci al trono della grazia per adorare e pregare (Ebrei 10:19-25).

Sebbene la Bibbia offra molte indicazioni su come possiamo approfondire la comunicazione con il Creatore, la preghiera efficace ha molto più a che vedere con la persona che prega che con il "modo" in cui prega. Infatti, la Scrittura dice: “molto può la preghiera del giusto, fatta con efficacia” (Giacomo 5:16), e che “gli occhi del Signore sono sui giusti e i suoi orecchi sono attenti alla loro preghiera” (1 Pietro 3:12; Salmo 34:15), e ancora, “la preghiera degli uomini retti gli è gradita.” (Proverbi 15:8). La preghiera salvò Daniele, uomo giusto, dalla fossa dei leoni (Daniele 6:11), e nel deserto, il popolo eletto di Dio beneficiò della giusta posizione di Mosè davanti a Dio (Esodo 16–17). Le preghiere continue e umili di Anna, che era sterile, ebbero come risultato la nascita del profeta Samuele (1 Samuele 1:20), e le preghiere dell’apostolo Paolo arrivarono persino a far tremare la Terra (Atti 16:25-26). Chiaramente, le preghiere ferventi dei figli giusti di Dio possono ottenere molto (Numeri 11:2).

Dobbiamo assicurarci che le nostre preghiere siano in linea con la volontà di Dio. “Questa è la sicurezza che abbiamo davanti a lui: se domandiamo qualche cosa secondo la sua volontà, egli ci esaudisce" (1 Giovanni 5:14-15). Pregare in accordo con la volontà di Dio consiste essenzialmente nel pregare in accordo con quello che Egli vuole e possiamo vedere la volontà rivelata di Dio in tutta la Scrittura. E se non sappiamo per cosa pregare, Paolo ci ricorda che come figli di Dio possiamo contare sul Suo Spirito Santo che intercede per noi, in quanto “E colui che investiga i cuori conosce quale sia la mente dello Spirito, poiché egli intercede per i santi, secondo Dio” (Romani 8:27). E poiché lo Spirito di Dio conosce la mente di Dio, la preghiera dello Spirito è sempre in funzione della volontà del Padre.

Inoltre, la preghiera è qualcosa che dovremmo fare "continuamente" (1 Tessalonicesi 5:17). In Luca 18:1, per esempio, ci viene detto di pregare con persistenza e non "rinunciare". Oltretutto, quando presentiamo le nostre richieste a Dio, dobbiamo pregare con fede (Giacomo 1:5; Marco 11:22-24), con gratitudine (Filippesi 4:6), con uno spirito di perdono verso gli altri (Marco 11:25), nel nome di Cristo (Giovanni 14:13-14) e, come affermato qui sopra, con un cuore retto nei confronti di Dio (Giacomo 5:16). È la forza della nostra fede, non la lunghezza delle nostre preghiere, che compiace Colui al Quale ci rivolgiamo in preghiera, così non dobbiamo fare una buona impressione su Dio con la nostra eloquenza o intelligenza. Dopotutto, Dio conosce i nostri bisogni ancora prima che chiediamo (Matteo 6:8).

Inoltre, dovremmo assicurarci di non avere nel nostro cuore dei peccati inconfessati quando preghiamo, in quando questo sarebbe sicuramente un impedimento per la preghiera efficace. “Ma le vostre iniquità hanno prodotto una separazione fra voi e il vostro DIO e i vostri peccati hanno fatto nascondere la sua faccia da voi, per non darvi ascolto” (Isaia 59:2; Salmo 66:18). Fortunatamente, “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto, da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità.” (1 Giovanni 1:9).

Un’altra barriera all’efficace comunicazione con Dio è pregare con dei desideri egoistici e delle motivazioni sbagliate."Voi domandate e non ricevete, perché domandate male per spendere nei vostri piaceri." (Giacomo 4:3). Rifiutare la chiamata di Dio o ignorare il Suo consiglio (Proverbi 1:24-28), adorare gli idoli (Geremia 11:11-14), o chiudere le orecchie alle grida di aiuto dei poveri (Proverbi 21:13) sono degli ostacoli aggiuntivi ad una vita di preghiera efficace.

La preghiera efficace è un modo per rafforzare la nostra relazione con il nostro Padre nei cieli. Quando studiamo e obbediamo la Sua Parola e cerchiamo di compiacerLo, lo stesso Dio che ha fermato il sole a motivo della preghiera di Giosuè (Giosuè 10:12-13) ci invita a venire coraggiosamente davanti al trono della grazia e a pregare con fiducia che Egli estenderà la Sua misericordia per aiutarci nel momento del bisogno (Ebrei 4:16).


Torna alla home page italiana

Qual è la chiave per una preghiera efficace?