Come dovrebbero rispondere i cristiani alla povertà e alla fame nel mondo?



 

Domanda: "Come dovrebbero rispondere i cristiani alla povertà e alla fame nel mondo?"

Risposta:
Secondo le ultime statistiche, oltre 840 milioni di persone intorno al mondo soffrono di malnutrizione cronica. Ogni giorno, 26.000 bambini muoiono a causa di povertà, fame e malattie prevenibili. Con tanta popolazione nel mondo in una simile condizione deplorevole, cosa deve fare un cristiano? Come dovrebbe reagire un cristiano?

I cristiani dovrebbero rispondere alla povertà e alla fame nel mondo con compassione.. Provare vera compassione per i bisognosi, come ci ha mostrato Gesù (Marco 8:2), significa che siamo consapevoli del bisogno, ci prendiamo cura delle persone coinvolte e siamo pronti ad agire in loro favore. Avere compassione di un fratello bisognoso è prova dell’amore di Dio in noi (1 Giovanni 3:17). Onoriamo Dio quando siamo gentili verso i bisognosi (Proverbi 14:31).

I cristiani dovrebbero rispondere alla povertà e alla fame nel mondo con l’azione. Naturalmente, ogni cristiano prega per i bisognosi. Oltre a questo, i cristiani dovrebbero fare tutto ciò che possono per alleviare la sofferenza causata dalla povertà e dalla fame nel mondo. Gesù disse: "Vendete i vostri beni e dateli in elemosina […] Poiché dov'è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore” (Luca 12:33-34). Come Tabitha, dovremmo fare “molte buone opere e molte elemosine” (Atti 9:36).

Il credente che generosamente aiuta il povero verrà benedetto da Dio. "Chi ha pietà del povero presta all'Eterno, che gli contraccambierà ciò che ha dato” (Proverbi 19:17). Queste benedizioni divine possono essere spirituali piuttosto che materiali, ma una ricompensa è garantita: dare al povero è un investimento nell’eternità.

Esistono diverse organizzazioni umanitarie cristiane che lavorano non solo per combattere la povertà e la fame nel mondo, ma anche per condividere il vangelo di Gesù Cristo. Gruppi come Compassion International si prodigano per supplire ai bisogni dei poveri, sia fisicamente che spiritualmente.

I cristiani dovrebbero rispondere alla povertà e alla fame nel mondo con speranza. I credenti possono aiutare i poveri con la fiducia che stanno collaborando all’avanzamento dell’opera di Dio nel mondo: "Io so che l'Eterno difenderà la causa dell'afflitto e farà giustizia al povero" (Salmo 140:12). I credenti operano con la speranza che Gesù ritornerà e "giudicherà i poveri con giustizia e farà decisioni eque per gli umili del paese” (Isaia 11:4).

Fino a quel giorno futuro di uguaglianza definitiva, Gesù disse che: "avrete sempre i poveri con voi, ma non avrete sempre me" (Matteo 26:11). Stando così le cose, abbiamo opportunità illimitate (e obbligazioni urgenti) per servire il Signore servendo gli altri.


Torna alla home page italiana

Come dovrebbero rispondere i cristiani alla povertà e alla fame nel mondo?