I cristiani sono "piccoli dèi"?


Domanda: "I cristiani sono "piccoli dèi"?"

Risposta:
Alcuni sistemi teologici, come il Mormonismo, insegnano l'eresia che le persone possono diventare dèi a pieno titolo. Il Cattolicesimo Romano insegna quella che è chiamata la divinizzazione degli uomini: "L'unigenito [...] Figlio di Dio, volendo che noi fossimo partecipi della sua divinità, assunse la nostra natura, affinché, fatto uomo, facesse gli uomini dei" (Il Catechismo della Chiesa Cattolica, Seconda Edizione, Parte 1, Sezione 2, Capitolo 2, Articolo 3, Paragrafo I, I:460), nonostante il significato cattolico sia che i credenti sono uniti a Cristo per mezzo dell'Eucarestia. Quella che è stata popolarmente chiamata la "controversia dei piccoli dèi" si è originata con i pastori e gli insegnanti del Movimento Parola di Fede. L'idea basilare dietro la controversia è che gli uomini siano in realtà divini, creati "ad immagine di Dio" (Genesi 1:27); non solo con un'anima, il dominio sulla Terra o in relazione gli uni con gli altri, ma appartenenti alla stessa "classe spirituale" di Dio in Persona. I teologi biblici condannano questo concetto, dichiarandolo errato nella migliore delle ipotesi, ed eretico e settario nella peggiore.

Il principio cardine del Movimento Parola di Fede è che, quando chiediamo qualcosa a Dio in fede, Egli è tenuto a concedercela. Essendo "piccoli dèi", le nostre parole hanno molto potere. Questo errore viene insegnato da alcuni evangelici in TV, e le sue radici nel Pentecostalismo lo hanno reso più comune nelle chiese carismatiche. Il Movimento Parola di Fede è noto con diversi nomignoli popolari come "dì cosa vuoi e sarà tuo", "teologia della prosperità" e "il vangelo della salute e del benessere."

La rivendicazione dei "piccoli dèi" si troverebbe in due passaggi della Scrittura. Il Salmo 82:6 dice: "Voi siete dèi, siete tutti figli dell'Altissimo." Gesù cita questo salmo in Giovanni 10:34, "Non è scritto nella vostra legge: "Io ho detto: Voi siete dèi"?" Tuttavia, entrambi questi passaggi includono spiegazioni nel contesto immediato, che chiaramente non indica la divinità umana. Il Salmo 82:6 è seguito da un avvertimento: "Tuttavia voi morrete come gli altri uomini, e cadrete come ogni altro potente" (versetto 7). Il riferimento è agli uomini mortali che rappresentano l'autorità di Dio nel mondo: re, giudici e magistrati.

Il Salmo 82 è un avvertimento ai leader ingiusti che si considerano "dèi" (Salmo 82:1) eppure "non conoscono nulla," "camminano nelle tenebre" (Salmo 82:5). Gesù usò questo passaggio in risposta a coloro i quali lo accusavano di blasfemia. Essenzialmente, Gesù chiese perché, quando i governatori umani sono chiamati dèi, Colui il Quale "il Padre ha santificato e ha mandato nel mondo" (Giovanni 10:36) viene accusato di bestemmia quando sostiene di essere il Figlio di Dio?

Non è possibile dare sostegno alla rivendicazione di divinità dei cristiani, specialmente considerando il resto della Bibbia. Dio è il solo Dio (Isaia 37:16). Non siamo mai stati Dio, non siamo Dio adesso, e non Lo saremo mai. Gesù era pienamente Dio e pienamente uomo (una combinazione chiamata unione ipostatica). Se l'ipotesi dei "piccoli dèi" venisse accettata, essa diminuirebbe il valore della divinità di Gesù; Egli divenne un "piccolo dio" come noi. Giovanni disse che: "la Parola si è fatta carne ed ha abitato fra di noi" (Giovanni 1:14), ma questo non indica una "divinità inferiore." Gesù si incarnò per morire per i nostri peccati (Ebrei 2:14), eppure Egli mantenne la Sua posizione piena nella Trinità. Dio ci ha creati con uno spirito, ma tale spirito non ha qualità divine.

English


Torna alla home page italiana

I cristiani sono "piccoli dèi"?