Chi fu Apollo nella Bibbia?


Domanda: "Chi fu Apollo nella Bibbia?"

Risposta:
Apollo fu un evangelista, un apologeta, un leader della Chiesa e un amico dell'apostolo Paolo. Apollo era un ebreo di Alessandria d'Egitto, descritto come "eloquente", "ferrato nelle Scritture", "fervente di spirito" e "ammaestrato nella via del Signore" (Atti 18:24-25). Nel 54 d.C., egli viaggiò ad Efeso, dove insegnò coraggiosamente nella sinagoga. Tuttavia, a quei tempi, la sua comprensione del Vangelo era incompleta, in quanto "conosceva soltanto il battesimo di Giovanni" (Atti 18:25). Ciò significa probabilmente che Apollo predicava il pentimento e la fede nel Messia, e forse credeva persino che Gesù di Nazareth fosse il Messia, ma non conosceva l'intera portata della morte e della resurrezione di Gesù. Aquila e Priscilla, amiche di Paolo, trascorsero del tempo con Apollo e colmarono le sue lacune nella comprensione di Gesù Cristo (Atti 18:26). Apollo, adesso armato del messaggio completo, iniziò immediatamente un ministero di evangelizzazione e fu usato da Dio come efficace apologeta del Vangelo (Atti 18:28).

Apollo viaggiò per l'Acaia e si trovò infine a Corinto (Atti 19:1), dove "annaffiò" laddove Paolo aveva "piantato" (1 Corinzi 3:6). È importante ricordare questo aspetto quando si studia la prima Epistola a Corinto. Con i suoi doni innati, Apollo aveva attratto un seguito nella Chiesa di Corinto, ma la semplice ammirazione stava diventando dissenso. Contro la volontà di Apollo, una fazione a Corinto iniziò a considerarlo come suo mentore spirituale, escludendo Paolo e Pietro. Paolo parla di questa parzialità nella Prima Lettera ai Corinzi 1:12-13. Cristo non è diviso, e neppure noi lo dovremmo essere. Non possiamo amare la personalità piuttosto che la verità.

L'ultima menzione di Apollo nella Bibbia proviene dalla Lettera di Paolo a Tito: "Provvedi con cura al viaggio di Zena, il giurista della legge, e di Apollo, affinché non manchi loro nulla" (Tito 3:13). Ovviamente, in quel momento Apollo era in viaggio verso Creta (dove si trovava Tito). E, chiaramente, Paolo considerava ancora Apollo un prezioso collega e amico.

Alcuni credono che Apollo sia infine tornato ad Efeso per servire la Chiesa lì. È molto probabile che lo fece, nonostante non esista una conferma biblica di questo dettaglio. Inoltre, alcuni identificano Apollo con l'autore sconosciuto del Libro degli Ebrei; anche in questo caso, però, non esiste un sostegno biblico a favore di tale identificazione. L'autore del Libro degli Ebrei rimane tuttora sconosciuto.

In sintesi, Apollo fu un uomo di lettere con uno zelo per il Signore e un talento per la predicazione. Lavorò per il Signore, aiutando il ministero degli apostoli ed edificando fedelmente la Chiesa. La sua vita dovrebbe incoraggiarci a crescere "invece nella grazia e nella conoscenza del Signore" (2 Pietro 3:18), e a usare i doni datici da Dio per promuovere la verità.

English


Torna alla home page italiana

Chi fu Apollo nella Bibbia?