In che modo il mio peccato personale e privato influisce sugli altri?



 

Domanda: "In che modo il mio peccato personale e privato influisce sugli altri?"

Risposta:
Se vivessi da solo, su un’isola nel bel mezzo dell’oceano, allora forse il tuo peccato privato non influirebbe su nessun altro al di fuori di te. Tuttavia, giacché la massima dice "nessun uomo è un’isola", c’è una buona probabilità che tu abbia una famiglia o almeno degli amici e conoscenti con i quali entri in contatto continuamente. Tutti subiranno l’influenza del peccato in qualche modo perché il peccato ha delle conseguenze (Romani 6:23). Questo è un principio che segue lo schema stabilito alla creazione. Ogni cosa che è stata creata ha un seme dal quale si riproduce secondo il proprio "genere" (Genesi 1:11, 21, 25). In altre parole, non si pianta il mais e ci si aspetta poi di raccogliere le barbabietole. Non si può "piantare" il peccato - persino in privato - e non aspettarsi di mietere un raccolto di conseguenze. E le conseguenze hanno modo di spargersi su tutti e tutto quello che entra in contatto con noi a causa di un altro principio chiamato "associazione". Ciò significa che chi sta intorno a voi può essere benedetto o danneggiato dall’associazione con voi e con le scelte e azioni che fate, sia in privato che in pubblico.

Basta solo guardare gli scandali che di recente hanno coinvolto alcuni famosi leader evangelici per vedere gli effetti sugli altri dei peccati "privati". Una volta che vengono scoperti, e la Bibbia ci dice che "state pur certi che il vostro peccato vi ritroverà" (Numeri 32:23), famiglie, amici, congregazioni, e la comunità cristiana in generale verranno danneggiati. Peggio ancora, la causa di Cristo verrà danneggiata mentre i miscredenti ci scherniscono e si fanno beffe di noi e bestemmiano il Suo nome. Può sembrare che le persone pecchino senza avere delle conseguenze visibili, ma ciò che è segreto un giorno verrà reso manifesto. "Poiché non vi è nulla di nascosto che non sarà manifestato, né di segreto che non debba essere conosciuto e portato alla luce" (Luca 8:17). Puoi dire in tutta onestà che nessuno verrebbe influenzato dal tuo segreto se venisse scoperto?

Il peccato tenuto segreto genera colpa, e la colpa riesce a cambiarci. Gli altri vedono questi cambiamenti e ne vengono influenzati. Forse una moglie, per esempio, non è consapevole della dipendenza del marito dalla pornografia, ma la sua dipendenza conduce a una segretezza colpevole e ad un cambiamento di atteggiamento verso di lei come suo partner sessuale. Lei percepisce quel cambiamento e fa delle congetture sulla sua possibile causa: forse lui non la trova attraente, non l’ama più o ha un’altra relazione. Sebbene nessuna di queste cose sia vera, le conseguenze di questo peccato "privato" sono potenzialmente devastanti per lei, per il loro matrimonio e la loro famiglia, anche se il suo segreto non venisse mai scoperto.

Ecco un altro principio da considerare. "Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta, chiudi la tua porta e prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà pubblicamente […] per non mostrare agli uomini che tu digiuni, ma al Padre tuo nel segreto, e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa pubblicamente" (Matteo 6:6, 18). Quando ragioniamo in base alla Scrittura, siamo in grado di vedere qui un principio che può essere applicato sia positivamente che negativamente. Quello che facciamo in segreto, Dio lo ricompenserà apertamente. Se preghiamo e digiuniamo per il SIGNORE, veniamo ricompensati. Quindi sta di fatto che se pecchiamo in segreto, allo stesso modo verremmo "ricompensati" apertamente per quell’azione. In ogni caso Dio vede e conosce il peccato, pubblico o privato, e non lascia che questo resti impunito.

La più grande conseguenza del peccato privato e personale è per la nostra stessa anima mortale. Ezechiele 18:4 dice che l’anima che pecca morirà, e Romani 6:23 ci dice che il salario del peccato è la morte. Ciò si riferisce ai peccatori innati, abituali, che non hanno il beneficio della novità di vita. Per i figliuoli di Dio nati di nuovo, coloro che hanno accettato Gesù Cristo come loro salvatore, c’è un esempio di condotta sia in privato che in pubblico: "Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio" (1 Corinzi 10:31). Un figlio di Dio nato di nuovo ha il desiderio di vivere per glorificare Dio, e anche se ci sono delle volte in cui possiamo fallire e falliamo, Dio ha fatto in modo che potessimo essere in comunione con Lui. Egli ha promesso che "Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto, da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità" (1 Giovanni 1:9).


Torna alla home page italiana

In che modo il mio peccato personale e privato influisce sugli altri?