Cos'è il Patto davidico?


Domanda: "Cos'è il Patto davidico?"

Risposta:
Il Patto davidico si riferisce alle promesse fatte da Dio a Davide per mezzo di Natan il profeta, che si trovano in 2 Samuele 7 ed in seguito riassunte in 1 Cronache 17:11–14 e 2 Cronache 6:16. Si tratta di un patto incondizionato stipulato tra Dio e Davide attraverso il quale Dio promette a Davide e ad Israele che il Messia (Gesù Cristo) sarebbe provenuto dalla stirpe di Davide e che la tribù di Giuda avrebbe stabilito un regno che sarebbe durato per sempre. Il Patto davidico è incondizionato, in quanto Dio non pone alcuna condizione di obbedienza perché si realizzi. La sicurezza delle promesse fatte si basa solo sulla lealtà di Dio e non dipende affatto dall'obbedienza di Davide o di Israele.

Il Patto davidico si concentra su diverse promesse chiave, fatte a Davide. Innanzitutto, Dio riafferma la promessa della terra stipulata nei primi due patti con Israele (il patto abramitico e quello palestinese). Possiamo vedere questa promessa in 2 Samuele 7:10, "Assegnerò un posto ad Israele mio popolo, e ve lo pianterò perché dimori in casa sua e non sia piú disturbato, e i malvagi non continuino ad opprimerlo come nel passato." Dio, in seguito, promette che il figlio di Davide gli succederà come re d'Israele e che questo figlio (Salomone) costruirà il tempio. Questa promessa si può vedere in 2 Samuele 7:12–13, "io innalzerò dopo di te la tua discendenza che uscirà dalle tue viscere e stabilirò il suo regno. Egli edificherà una casa al mio Nome".

Successivamente, la promessa continua e si espande: "io renderò stabile per sempre il trono del suo regno." (2 Samuele 7:13), e "la tua casa e il tuo regno saranno resi saldi per sempre davanti a me e il tuo trono sarà reso stabile per sempre" (versetto 16). Quella che iniziò come una promessa che il figlio di Davide, Salomone, sarebbe stato benedetto ed avrebbe costruito il tempio, diventa qualcosa di diverso: la promessa di un regno eterno. Un altro Figlio di Davide avrebbe governato per sempre e costruito una Casa eterna. Si tratta di un riferimento al Messia, Gesù Cristo, chiamato Figlio di Davide in Matteo 21:9.

La promessa che la "casa," il "regno" ed il "trono" di Davide verranno stabiliti per sempre è significativa, in quanto mostra che il Messia proverrà dalla stirpe di Davide e che stabilirà un regno che governerà. Il patto viene riassunto dalle parole "casa", che promette una dinastia nella discendenza di Davide, "regno", che si riferisce ad un popolo governato da un re, e "per sempre", che enfatizza la natura eterna ed incondizionata di questa promessa a Davide e a Israele.

Altri riferimenti al Patto davidico si trovano in Geremia 23:5; 30:9; Isaia 9:7; 11:1; Luca 1:32, 69; Atti 13:34; ed Apocalisse 3:7.

English


Torna alla home page italiana

Cos'è il Patto davidico?