Cos'è il nuovo patto?


Domanda: "Cos'è il nuovo patto?"

Risposta:
Il nuovo patto (o Nuovo Testamento) è la promessa fatta da Dio all'umanità, secondo la quale Egli perdonerà il peccato e restaurerà la relazione con le persone i cui cuori sono rivolti verso di Lui. Gesù Cristo è il mediatore del nuovo patto, e la Sua morte sulla croce è alla base della promessa (Luca 22:20). Il nuovo patto fu predetto mentre il vecchio patto era ancora in vigore: i Profeti Mosè, Geremia ed Ezechiele alludono tutti al nuovo patto.

Il vecchio patto stabilito da Dio con il Suo popolo richiedeva una seria obbedienza alla legge mosaica. In quanto il salario del peccato è la morte (Romani 6:23), la Legge richiedeva che Israele compisse dei sacrifici giornalieri per espiare il peccato. Ma Mosè, attraverso il quale Gesù stabilì il vecchio patto, anticipò anche il nuovo. In una delle sue dichiarazioni finali alla nazione di Israele, Mosè attende con ansia il tempo in cui ad Israele sarà dato "un cuore per comprendere" (Deuteronomio 29:4).

Mosè predice il fallimento di Israele nel mantenere il vecchio patto (Deuteronomio 29:22-28), ma poi vede un tempo di restaurazione (Deuteronomio 30:1-5). In quel momento, dice Mosè, "L'Eterno, il tuo DIO, circonciderà il tuo cuore e il cuore dei tuoi discendenti, affinché tu ami l'Eterno, il tuo DIO, con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, e così tu viva" (versetto 6). Il nuovo patto comprende una trasformazione totale del cuore, cosicché il popolo di Dio Lo compiaccia naturalmente.

Anche il profeta Geremia predisse il nuovo patto. "'Ecco, verranno i giorni», dice l'Eterno, «nei quali stabilirò un nuovo patto con la casa d'Israele e con la casa di Giuda, […] «Ma questo è il patto che stabilirò con la casa d'Israele dopo quei giorni» dice l'Eterno: «Metterò la mia legge nella loro mente e la scriverò sul loro cuore, e io sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo" (Geremia 31:31, 33). Gesù Cristo venne per compiere la legge di Mosè (Matteo 5:17) e per stabilire il nuovo patto tra Dio ed il Suo popolo. Il vecchio patto fu scolpito sulla pietra, mentre il nuovo patto è scritto nei nostri cuori. È possibile accedere al nuovo patto solo per mezzo della fede in Cristo, il Quale sparse il Suo sangue per rimuovere i peccati dal mondo (Giovanni 1:29). Luca 22:20 parla di come Gesù, durante l'Ultima Cena, abbia preso il calice e detto: "Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è sparso per voi."

Il nuovo patto è anche menzionato in Ezechiele 36:26-27: "Vi darò un cuore nuovo e metterò dentro di voi uno spirito nuovo; toglierò dalla vostra carne il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. Metterò dentro di voi il mio Spirito e vi farò camminare nei miei statuti, e voi osserverete e metterete in pratica i miei decreti." Ezechiele elenca qui diverse caratteristiche del nuovo patto: un cuore nuovo, un nuovo spirito, l'inabitazione dello Spirito Santo e la vera santità. La legge mosaica non potrebbe offrire alcuna di queste cose (si veda la Lettera ai Romani 3:20).

Il nuovo patto fu in origine dato ad Israele ed include una promessa di fertilità, la benedizione ed un'esistenza pacifica nella Terra Promessa. In Ezechiele 36:28-30 Dio dice: "Abiterete nel paese che io diedi ai vostri padri; voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro DIO. […] chiamerò il frumento, lo farò abbondare e non manderò piú contro di voi la fame. Farò moltiplicare il frutto degli alberi e il prodotto dei campi, affinché non subiate più il vituperio della fame tra le nazioni." Deuteronomio 30:1-5 contiene promesse simili, riguardanti Israele sotto il nuovo patto. Dopo la resurrezione di Cristo, anche i Gentili vennero inclusi nella benedizione del nuovo patto (Atti 10; Efesini 2:13-14). Il compimento del nuovo patto si vedrà in due luoghi: sulla Terra, durante il regno dei mille anni, ed in Cielo, per tutta l'eternità.

Non siamo più sotto la Legge bensì sotto la grazia (Romani 6:14-15). Il vecchio patto è servito al suo scopo, ed è stato rimpiazzato da un "patto molto migliore" (Ebrei 7:22). "Ma ora Cristo ha ottenuto un ministero tanto piú eccellente in quanto egli è mediatore di un patto migliore, fondato su migliori promesse" (Ebrei 8:6).

In conformità con il nuovo patto, ci viene data l'opportunità di ricevere la salvezza come dono libero (Efesini 2:8-9). La nostra responsabilità è quella di esercitare la fede in Cristo, Colui il quale ha compiuto la Legge in nostra vece e ha messo fine ai sacrifici della Legge per mezzo della Sua stessa morte sacrificale. Per via dello Spirito Santo, datore di vita, che vive in tutti i credenti (Romani 8:9-11), condividiamo l'eredità di Cristo e godiamo di una relazione permanente ed ininterrotta con Dio (Ebrei 9:15).

English


Torna alla home page italiana

Cos'è il nuovo patto?