Perché la giustificazione per fede è una dottrina tanto importante?


Domanda: "Perché la giustificazione per fede è una dottrina tanto importante?"

Risposta:
L'insegnamento della giustificazione per fede è ciò che separa il Cristianesimo biblico da tutti gli altri sistemi di credenze. In ogni religione, ed in alcuni rami di quello che chiamiamo "Cristianesimo," l'uomo si fa strada verso Dio. Solo nel vero Cristianesimo biblico, l'uomo viene salvato come risultato della grazia per fede. Soltanto quando facciamo riferimento alla Bibbia, vediamo che la giustificazione per fede è distinta dalle opere.

La parola giustificato significa "dichiarato o trattato come giusto." Per un cristiano, la giustificazione è un atto di Dio, volto non solo a perdonare i peccati del credente ma anche ad imputargli la giustizia di Cristo. La Bibbia afferma in diversi passaggi che la giustificazione avviene esclusivamente per mezzo della fede (per esempio Romani 5:1; Galati 3:24). La giustificazione non viene guadagnata per mezzo delle nostre opere; piuttosto, siamo ricoperti della giustizia di Gesù Cristo (Efesini 2:8; Tito 3:5). Il cristiano, essendo dichiarato giusto, è in tal modo libero dalla colpa del peccato.

La giustificazione è un'opera completata da Dio ed è istantanea, in contrapposizione alla santificazione, un processo di crescita continua per il quale diventiamo più simili a Cristo (l'atto di "essere salvati" cfr. 1 Corinzi 1:18; 1 Tessalonicesi 5:23). La santificazione avviene successivamente alla giustificazione.

Per un cristiano, è importante capire la dottrina della giustificazione. Prima di tutto, è la stessa conoscenza della giustificazione e della grazia, che motiva le opere buone e la crescita spirituale. In questo modo, la giustificazione conduce alla santificazione. Inoltre, il fatto che la giustificazione sia opera finita di Dio, significa che i cristiani hanno la certezza di essere salvi. Agli occhi di Dio, i credenti hanno la giustizia necessaria per ottenere la vita eterna.

Una volta che una persona viene giustificata, non ha bisogno d'altro per entrare in Cielo. Considerato che la giustificazione proviene dalla fede in Cristo, basata sulla Sua opera in nostra vece, le nostre stesse opere vengono squalificate come mezzi di salvezza (Romani 3:28). Esistono vari sistemi religiosi con teologie complesse, che insegnano la falsa dottrina della giustificazione per opere. Ma esse insegnano "un altro evangelo, il quale non è un altro evangelo" (Galati 1:6–7).

Senza la comprensione della giustificazione per sola fede, non possiamo davvero percepire il dono glorioso della grazia. Secondo il nostro pensiero, il "favore immeritato" ricevuto da Dio diventerebbe "meritato", e cominceremmo a credere di meritarci la salvezza. La dottrina della giustificazione per fede ci aiuta a mantenere "pura devozione a Cristo" (2 Corinzi 11:3). Tenerci saldi alla giustificazione per fede ci impedisce di cadere nella menzogna che possiamo guadagnarci il Cielo. Non esiste rituale, sacramento, azione che ci possa rendere degni della giustizia di Cristo. È solo per via della Sua grazia, in reazione alla nostra fede, che Dio ha accreditato su di noi la santità del Suo Figliuolo. Sia l'Antico che il Nuovo Testamento dicono: "il giusto vivrà per la sua fede" (Abacuc 2:4; Romani 1:17; Galati 3:11; Ebrei 10:38).

English


Torna alla home page italiana

Perché la giustificazione per fede è una dottrina tanto importante?