La Bibbia è una favola?


Domanda: "La Bibbia è una favola?"

Risposta:
L'accusa che la Bibbia non sia altro che una favola o un libro di storielle non è nuova. La Bibbia è senza dubbio il libro che ha avuto la maggior influenza sul mondo, trasformando innumerevoli vite. Perché, allora, la domanda se la Bibbia sia una favola sembra legittima nei cuori di molte persone intorno al mondo?

Dal libro della Genesi a quello dell'Apocalisse, leggiamo la storia del piano divino eterno di redimere un mondo peccatore. Con Dio come Autore, la Bibbia è la più grande opera della letteratura mondiale, e nel corso degli anni in moltissimi hanno trascorso le loro vite proclamando la sua verità. Molti, in effetti, hanno compiuto il sacrificio definitivo, cosicché gli altri potessero semplicemente mettere mano su una copia delle sue pagine. Ciononostante, nessun libro è mai stato attaccato tanto violentemente quanto la Bibbia. La Bibbia è stata vietata, bruciata, disprezzata, ridicolizzata e diffamata. Molti sono stati messi a morte semplicemente perché possedevano una Bibbia. E tuttavia, ancora persiste l'idea che la Bibbia sia una favola.

Il "principe di questo mondo" rende le persone cieche alla verità sin dall'inizio dei tempi. Egli ha cominciato la sua "opera" sulla Terra, mettendo in dubbio le parole di Dio (Genesi 3:1-5), e continua a farlo da quel momento. Dovunque guardiamo, il falso insegnamento è rampante, in TV e alla radio, nei libri e nelle riviste, nelle nostre scuole e nelle università e, tristemente, persino in alcune chiese e università cristiane, gli stessi luoghi in cui la verità della Parola di Dio dovrebbe essere difesa in modo più vigoroso. Quando ai bambini viene insegnato che i nostri antenati sono strisciati fuori dall'oceano ere geologiche fa, non abbiamo forse relegato la creazione e la storia di Adamo ed Eva allo status di favola? Lo stesso accade quando gli scienziati e gli accademici ci dicono che stiamo perdendo il nostro tempo cercando la "mitologica" arca di Noè.

In effetti, quando molti membri della Chiesa, per placare il mondo accademico, permettono una reinterpretazione del libro della Genesi in accordo con il pensiero evoluzionista moderno, il messaggio che danno al mondo è che la Bibbia, apparentemente, significhi qualcosa di diverso da quello che dicono le Sue parole esatte. Quando gli eventi sovrannaturali della Bibbia vengono ridefiniti come allegoria dai naturalisti, è chiaro che chi non ha mai studiato la Bibbia può essere confuso sulla loro verità. Per quelli che non si sono mai avvalsi della verità della Parola della Bibbia, qual è la probabilità che credano in un'asina parlante o in un pesce che ingoia un uomo e lo risputa sulla riva o in una donna che si trasforma in una colonna di sale?

Tuttavia, è chiaro che la Bibbia non è una favola. Anzi, la Bibbia è stata "ispirata da Dio" (2 Timoteo 3:16), e questo significa essenzialmente che Dio l'ha scritta. I suoi autori umani scrissero di Dio quando furono spinti dallo Spirito Santo (2 Pietro 1:21). Ecco perché questo testo divinamente intessuto, contenente più di 700 mila parole, è in perfetta armonia dal principio alla fine e non contiene contraddizioni, persino quando i suoi sessantasei libri hanno avuto quaranta autori differenti, provenienti da percorsi di vita diversi, furono scritti in tre lingue diverse, e ci hanno messo circa sedici secoli per essere completati. Come sarebbe stata possibile una tale, sorprendente congruenza se non fosse stato per Dio, che ha guidato le mani degli autori? Un Dio giusto non ispirerà mai l'errore. Un Dio giusto non chiamerà una Scrittura piena di errori "santa e vera". Un Dio misericordioso non affermerebbe che la Sua Parola è perfetta se non fosse tale, ed un Dio Onnisciente potrebbe scrivere un testo rilevante oggi come lo era migliaia di anni fa.

Ancora una volta, la storicità della Bibbia è stata confermata dalla biologia, dalla geologia, e dall'astronomia. E nonostante la Bibbia non concordi sempre con le ipotesi naturaliste, essa non è in conflitto con alcun fatto scientifico vero e stabilito. In archeologia, gli ultimi cento anni hanno portato alla luce una miniera d'oro di verità bibliche che gli studiosi avevano messo in dubbio per secoli, come i Rotoli del Mar Morto, la pietra di basalto che contiene l'iscrizione "Casa di Davide", una pergamena del settimo secolo a.C. che porta il nome di Dio, ed una pietra con il nome e il titolo di Ponzio Pilato, il governatore della Giudea che ordinò l'esecuzione di Gesù Cristo. La Bibbia è senza dubbio il libro meglio documentato del mondo antico, con più di 24000 manoscritti interi o parziali. Nessun altro documento antico ha tanti riscontri per confermare la sua attendibilità.

Un'altra dimostrazione dell'autorità divina della Bibbia è il vasto numero di profezie bibliche dettagliate che si sono realizzate esattamente come predetto. Vediamo il salmista, per esempio, parlare della crocifissione di Gesù Cristo circa mille anni prima che questa accadesse (Salmo 22) e centinaia di anni prima che la crocifissione fosse persino stata inventata! Per metterla in parole semplici, sarebbe stato impossibile per gli esseri umani vedere tanto lontano nel futuro, con tale precisione ed accuratezza, per centinaia di volte. Anzi, sarebbe assolutamente illogico credere che queste profezie dimostrate siano altro rispetto alla parola di Dio. Fra l'altro, ed in modo sorprendente, gli esperti della probabilità ci dicono che le possibilità matematiche che solo quarantotto profezie riguardo una persona (per esempio Cristo) si realizzino come predetto sono una su dieci alla 157esima potenza!

Ma la più grande prova che la Bibbia non è una favola sono le innumerevoli vite trasformate dalle Sue pagine. Usate dallo Spirito di Dio, le verità sante della Bibbia hanno trasformato milioni di peccatori in santi. I tossicodipendenti sono guariti, gli omosessuali liberati, i miserabili e i fannulloni trasformati, i criminali riformati, i peccatori rimproverati e l'odio è stato trasformato in amore. A prescindere da quante volte leggiamo "Cenerentola" o "Biancaneve e i sette nani," queste storie non possono comportare un tale cambiamento nell'anima dell'uomo. La Bibbia ha un potere dinamico e trasformatore che è possibile solo perché essa è la vera Parola di Dio.

Alla luce di quanto menzionato, la maggiore domanda da porsi è dunque: come potrebbe qualcuno non credere in queste verità convincenti, ispirate da Dio, prive di errori e trasformatrici? Sfortunatamente, la risposta è semplice. Dio ha detto che se non apriamo i nostri cuori a Lui, Egli non aprirà i nostri occhi alla verità. Gesù ha promesso che lo Spirito Santo ci insegnerà (Giovanni 14:26) e ci guiderà alla verità (Giovanni 16:13). E la verità di Dio si trova nella Sua Parola di Dio (Giovanni 17:17). Dunque, per chi crede, quelle parole sante sono fonte di vita, ma per chi non ha lo Spirito, la Bibbia non è altro che follia (1 Corinzi 2:14).

English


Torna alla home page italiana

La Bibbia è una favola?