Cosa dice la Bibbia sui figli disobbedienti?


Domanda: "Cosa dice la Bibbia sui figli disobbedienti?"

Risposta:
Dal figlio più piccolo che sta imparando la parola "no" al figlio più grande che si comporta intenzionalmente con provocazione, tutti i genitori affrontano la sfida dei figli disobbedienti. E, il centro della questione, è che la disobbedienza non è un problema legato solo ai bambini. La Bibbia ci mostra come tutti noi combattiamo il desiderio di dominare noi stessi e fare ciò che ci piace, perché tutti noi siamo nati nel peccato e nella ribellione (Salmo 51:5; Efesini 2:3; Romani 3:10, 7:17-21). Questa battaglia contro l'autonomia può condurre ad una guerra totale coi nostri figli se la loro disobbedienza è lasciata incontrollata; una guerra che influenzerà le loro future relazioni con insegnanti, datori di lavoro, amici, coniugi, genitori anziani e persino il loro Padre celeste. Tuttavia, quando ci rivolgiamo alla Bibbia, troviamo grande speranza nel fatto che Dio ci dà i mezzi per educare e disciplinare i figli disobbedienti e promette persino la benedizione per coloro che apprendono e crescono nell'obbedienza.

Il comandamento di onorare i genitori e prestare loro obbedienza permea le Scritture,, iniziando dal libro dell'Esodo quando Dio consegna i Dieci Comandamenti (Esodo 20:12), proseguendo attraverso tutto l'Antico Testamento (Levitico 19:3; Deuteronomio 5:16; Proverbi 1:8; 6:20-21; 23:22) e nel Nuovo. Sia Gesù che l'apostolo Paolo riaffermano il quarto comandamento (Matteo 15:4; 19:19; Efesini 6:1-3; Colossesi 3:20), mentre i figli disobbedienti che disonorano i loro genitori sono rimproverati per il fatto che il loro comportamento porterà punizione e vergogna (Levitico 20:9; Deuteronomio 21:18; 27:16; Proverbi 10:1; 15:5; 20:20; 30:17; Matteo 15:4). La diffusa disobbedienza nei confronti dei genitori caratterizzerà la società nella fine dei tempi (2 Timoteo 3:2).

Il popolo di Israele, che Dio chiama i Suoi figli (Esodo 4:22), fornisce un esempio di figli disobbedienti. Ripetutamente, Dio comanda ad Israele di ubbidirGli, promettendo grandi benedizioni per l'obbedienza e terribili conseguenze per la disobbedienza. Ai tempi di Giosuè, Israele obbediva a Dio ed era benedetta con vittorie sui nemici (Giosuè 11:23). In seguito, come ci mostra l'intero libro dei Giudici, la disobbedienza di Israele porta problemi.

La Bibbia insegna la necessità di correggere i figli disobbedienti. La disciplina è parte della vita di tutti e coloro che sono contro l'autorità dei genitori sono castigati. Proverbi 19:18 dice: "Chi risparmia la verga odia suo figlio, ma chi lo ama, lo corregge per tempo." Qui, amore e disciplina attenta vanno di pari passo. Nella lettera agli Efesini 6, Paolo rappresenta un passaggio chiave. Il versetto 1 parla dei figli: "Figli, ubbidite nel Signore ai vostri genitori, perché ciò è giusto." E questo, ovvero l'obbedienza a ciascun genitore, è il compito assegnato il compito assegnato da Dio a tutti i figli. Finché gli ordini dei genitori non violano la parola di Dio, i figli possono ubbidire. Il versetto 4 parla ai padri: "E voi, padri, non provocate ad ira i vostri figli, ma allevateli nella disciplina e nell'ammonizione del Signore". È compito dei padri educare i propri figli in modo santo e istruirli nella parola del Signore. Così facendo i genitori danno ai figli l'opportunità migliore per una vita lunga e prospera in questo mondo (versetto 3) – ed anche un tesoro nel cielo (Matteo 6:20; Galati 6:8–9; Efesini 1:3–4).

English


Torna alla home page italiana

Cosa dice la Bibbia sui figli disobbedienti?