Se il popolo ebraico non offre sacrifici animali, come crede di poter ricevere da Dio il perdono?


Domanda: "Se il popolo ebraico non offre sacrifici animali, come crede di poter ricevere da Dio il perdono?"

Risposta:
La pratica ebraica del sacrificio animale terminò, da un punto di vista funzionale, nel 70 d.C., l'anno in cui i romani distrussero il tempio a Gerusalemme. Con il tempio distrutto, non avevano più un luogo per offrire i sacrifici secondo la Legge Mosaica (si veda Deuteronomio 12:13–14). Ripetutamente, nell'Antico Testamento, viene menzionato che si richiedevano sacrifici d'espiazione per il peccato (per esempio Esodo 29:36; Levitico 4:31; 9:7; 14:19; 15:15; Numeri 15:25). Lo spargimento di sangue era ciò che consacrava le cose e le persone al Signore (Levitico 16:19; cfr. Ebrei 9:22).

Oggi, senza il sacrificio di sangue, gli ebrei non hanno un modo legale di espiare i loro peccati. La Pesach viene ancora osservata, ma senza il sacrificio. Lo Yom Kippur (il Giorno dell'Espiazione) è ancora nel calendario, ma non viene mai fatta un'offerta per il peccato. Le disposizioni della Legge Mosaica rimangono immutate, ma il popolo ebraico non può rimettere a posto le cose con Dio, non può trovare il perdono, senza un sacrificio animale.

Gli ebrei moderni credono che il perdono per il peccato si ottenga per mezzo del pentimento, della preghiera e delle buone azioni. Usano versetti come Osea 6:6 per sminuire la necessità di sacrifici: "Poiché io desidero la misericordia e non i sacrifici, e la conoscenza di DIO piú degli olocausti." Tuttavia, è difficile trascurare passaggi come Levitico 17:11, "Poiché la vita della carne è nel sangue. Per questo vi ho ordinato di porlo sull'altare per fare l'espiazione per le vostre vite, perché è il sangue che fa l'espiazione per la vita."

Rimane il fatto che non esiste perdono senza lo spargimento di sangue (Ebrei 9:22). I sacrifici animali dell'Antico Testamento sono stati rimpiazzati dal sacrificio per il peccato fatto una volta per tutte da Gesù, il Messia. Quando Gesù stabilì il Nuovo Patto, Egli morì "per il riscatto dalle trasgressioni commesse sotto il primo patto" (Ebrei 9:15).

Ad una generazione di distanza dal sacrificio di Cristo, il tempio ebraico fu distrutto; non esisteva più la necessità dei sacrifici animali, in quanto Cristo aveva soddisfatto i giusti requisiti della Legge (Matteo 5:17). I sacrifici animali erano semplicemente una tipologia del Sacrificio perfetto, l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo (Giovanni 1:29). Il sacrificio di Cristo pagò il debito del peccato per tutta l'umanità, sia per gli ebrei che per i gentili (Romani 1:16; Ebrei 9:12–15).

English


Torna alla home page italiana

Se il popolo ebraico non offre sacrifici animali, come crede di poter ricevere da Dio il perdono?