Quando una dottrina può essere considerata davvero biblica?


Domanda: "Quando una dottrina può essere considerata davvero biblica?"

Risposta:
Una dottrina può solo essere considerata davvero biblica quando viene esplicitamente insegnata nella Bibbia. Un problema potrebbe essere non biblico (opposto agli insegnamenti della Bibbia), extra-biblico (al di fuori o non menzionato dalla Bibbia), basato sulla Bibbia (connesso agli insegnamenti della Bibbia) o biblico.

Una dottrina non biblica è quella che si oppone al chiaro insegnamento della Bibbia. Per esempio, credere che Gesù peccò non è biblico. È in opposizione diretta a quello che la Bibbia insegna in molti versetti, inclusa la Lettera agli Ebrei 4:15: "uno che è stato tentato in ogni cosa come noi, senza però commettere peccato."

Per dottrina extra-biblica si intende qualsiasi insegnamento che non è direttamente contenuto nella Bibbia. Può essere qualcosa di positivo o negativo. Ad esempio, votare per una elezione democratica è una pratica positiva, ma essa non viene esplicitamente insegnata nella Bibbia. Osservare certe festività spesso non è né negativo, né positivo: "L'uno stima un giorno piú dell'altro, e l'altro stima tutti i giorni uguali; ciascuno sia pienamente convinto nella sua mente" (Romani 14:5). Ogni insegnamento sull'osservazione della Quaresima, per esempio, è extra-biblico.

Altri insegnamenti possono essere basati su principi biblici, ma non insegnati direttamente nella Bibbia. Per esempio, il fumo non viene mai menzionato nella Bibbia. Tuttavia, possiamo affermare che la pratica dovrebbe essere evitata, in base alla prima Lettera ai Corinzi 6:19-20, "il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo che è in voi […] non appartenete a voi stessi? Infatti siete stati comprati a caro prezzo, glorificate dunque Dio nel vostro corpo." Quando si applica un principio biblico, possiamo confidare nel fatto che si tratti una dottrina basata sulla Bibbia.

Le dottrine bibliche, dunque, sono insegnamenti presentati esplicitamente nella Bibbia. Alcuni esempi sono la creazione divina dei cieli e della Terra (Genesi 1:1), la natura peccatrice di tutte le persone (Romani 3), l'Immacolata Concezione di Gesù (Matteo 1:20-25; Luca 1:26-38), la morte fisica e la resurrezione letterale di Gesù (1 Corinzi 15:3-11), la salvezza per sola grazia per mezzo della fede (Efesini 2:8-9), l'ispirazione della Scrittura (2 Timoteo 3:16-17), e molti altri.

I problemi nascono quando le persone confondono queste categorie. Per esempio, insegnare che l'Immacolata Concezione è una dottrina opzionale alla quale i cristiani sono liberi di credere o meno, significa rifiutare un insegnamento basilare della Bibbia. In questo modo si presenta una dottrina biblica come non essenziale. Alcuni presentano insegnamenti extra-biblici come se fossero dottrine bibliche. Alle opinioni e alle preferenze di una persona viene dato il peso della legge di Dio: ciò a volte accade in materia di vestiti, stile di musica e scelte di cibo. "insegnando dottrine che sono precetti di uomini" (Marco 7:7), diventiamo come i farisei, che Gesù condannò aspramente.

Il nostro obiettivo deve essere quello di parlare chiaramente e fermamente, quando la Scrittura è chiara. Nelle questioni extra-bibliche, dobbiamo stare attenti ad evitare il dogmatismo. Come hanno detto in molti: unità nelle cose essenziali, diversità in quelle non essenziali. In tutte le cose: carità.

English


Torna alla home page italiana

Quando una dottrina può essere considerata davvero biblica?