Le donne possono servire nel ruolo di anziani nella chiesa?



 

Domanda: "Le donne possono servire nel ruolo di anziani nella chiesa?"

Risposta:
Sono due i punti di vista principali sulla questione se le donne possono servire nel ruolo di anziani nella chiesa. La visione ugualitaria sostiene che le donne possano servire come anziani purché soddisfino le condizioni delineate in 1 Timoteo 3:1-7 e Tito 1:5-9. La visione complementaria afferma il contrario, ovvero che alle donne non è permesso servire tra gli anziani nella chiesa.

Guardiamo a 1 Timoteo 3:1-7: "Questa parola è sicura: Se uno desidera l'ufficio di vescovo, [lui] desidera un buon lavoro. Bisogna dunque che il vescovo, sia irreprensibile, marito di una sola moglie, sobrio, assennato, prudente, ospitale, atto ad insegnare, non dedito al vino, non violento, non avaro, ma sia mite, non litigioso, non amante del denaro; uno che governi bene la propria famiglia e tenga i figli in sottomissione con ogni decoro; (ma se uno non sa governare la propria famiglia, come potrà aver cura della chiesa di Dio?). Inoltre egli non sia un neoconvertito, perché non gli avvenga di essere accecato dall'orgoglio e non cada nella condanna del diavolo.Or bisogna pure che egli abbia una buona testimonianza da quelli di fuori, affinché non cada nell'ingiuria e nel laccio del diavolo."

La prima cosa da notare in questo passaggio è il numero di pronomi personali ("lui" e "suo"). I pronomi egli, la propria, e lui li troviamo scritti ben 10 volte in 1 Timoteo 3:1-7. Una semplice lettura sommaria di questo passaggio condurrebbe la persona comune a concludere che il ruolo di un anziano/supervisore debba essere compiuto da un uomo. La frase "marito di una moglie" allo stesso modo indica che la carica di anziano è intesa per un uomo. Gli stessi punti vengono anche ripetuti nel passaggio parallelo in Tito 1:5-9.

I passaggi che descrivono le qualifiche e i doveri degli anziani/supervisori non aprono le porte alle donne affinché svolgano il ruolo di anziani. Infatti, l’uso consistente dei pronomi maschili e la terminologia argomentano a favore della carica di anziano/supervisore riservata ai soli uomini. Come con altri problemi relativi a questo dibattito, il divieto fatto alle donne di servire nel ruolo di anziani non è una questione di sciovinismo. Non si tratta in nessun modo di superiorità dell’uomo rispetto alla donna, piuttosto Dio riserva la carica di anziano agli uomini perché è così che ha strutturato il funzionamento della chiesa. Gli uomini devoti devono servire come leader, e le donne devono servire nei ruoli di sostegno d’importanza cruciale.


Torna alla home page italiana

Le donne possono servire nel ruolo di anziani nella chiesa?