Qual era lo scopo dei doni-segno biblici?



 

Domanda: "Qual era lo scopo dei doni-segno biblici?"

Risposta:
Quando parliamo dei doni-segno biblici, ci riferiamo a quei miracoli come il parlare in lingue, le visioni, le guarigioni, le resurrezioni dei morti e il profetizzare. Tra i credenti è un fatto indiscutibile che tali miracoli accaddero davvero, perché la Bibbia li descrive chiaramente. Piuttosto esiste un disaccordo in merito al loro scopo, unito alla questione se dovremmo sperimentarli ai giorni nostri o meno. Alcuni dicono che questi doni sono un segno della salvezza di una persona, mentre altri sostengono che sono un segno del battesimo dello Spirito Santo, e altri ancora affermano che il loro scopo è quello di dimostrare l’autenticità del messaggio del vangelo. Come possiamo scoprire la verità? Dobbiamo cercare nelle Scritture per scoprire le dichiarazioni in merito al proposito di Dio a questo riguardo.

Uno dei primissimi riferimenti ai doni-segno biblici si trova in Esodo 4, quando Mosè ricevette indicazioni da Dio sull’incombente liberazione dal giogo egiziano. Mosè si preoccupava che la gente non avrebbe creduto che lui era stato mandato da Dio, quindi Dio gli diede i segni del bastone tramutato in serpente e della sua mano che divenne lebbrosa. Dio disse che tali segni erano “affinché credano che l'Eterno, il DIO dei loro padri, il DIO di Abrahamo, il DIO di Isacco e il DIO di Giacobbe ti è apparso” (v. 5). Dio disse a Mosè che, se la gente avesse continuato a non credere, egli avrebbe dovuto prendere dell’acqua dal Nilo e versarla sul terreno, dove si sarebbe tramutata in sangue (v. 9). Il fine di tutto ciò era che i figli di Israele potessero credere nel messaggero di Dio.

Dio diede a Mosè anche dei segni miracolosi da mostrare al Faraone, affinché lasciasse andare il Suo popolo. In Esodo 7:3-5, Dio disse a Mosè che avrebbe moltiplicato i Suoi segni e prodigi in Egitto così “gli Egiziani conosceranno allora che io sono l'Eterno, quando distenderò la mia mano sull'Egitto e farò uscire di mezzo a loro i figli d'Israele.” Dio voleva che gli egiziani sapessero che Egli era Colui Che si era messo all’opera per liberare gli israeliti. In Esodo 10:7, Mosè disse al Faraone che l’ultima piaga, che avrebbe ucciso i primogeniti, serviva a dimostrare che Dio faceva una distinzione tra gli egiziani e gli israeliti. I segni e i prodigi confermarono il messaggio di Dio al Faraone e agli egiziani, cosicché sapessero che Mosè era stato inviato da Dio.

Quando Elia affrontò i falsi profeti sul Monte Karmel (1 Re 18), pregò Dio di mandare miracolosamente del fuoco dal cielo affinché il popolo sapesse che “tu sei DIO in Israele, che io sono tuo servo e che ho fatto tutte queste cose per tuo comando. Rispondimi, o Eterno, rispondimi, affinché questo popolo riconosca che tu, o Eterno, sei DIO” (v. 36-37). I miracoli che lui e gli altri profeti fecero erano una conferma che Dio aveva mandato i profeti e che Dio era all’opera nel mezzo di Israele.

A Gioele fu dato un messaggio riguardo al giudizio di Dio su Israele, e in quel messaggio c’era una profezia di misericordia e di speranza. Quando il giudizio avvenne come profetizzato, e la gente reagì ad esso pentendosi, Dio disse che avrebbe rimosso i giudizi e ripristinato la Sua benedizione: “Allora voi riconoscerete che io sono in mezzo ad Israele e che sono l'Eterno, il vostro DIO, e non ce n'è alcun altro; il mio popolo non sarà mai piú coperto di vergogna” (Gioele 2:27). Immediatamente dopo quell’affermazione, Dio parlò di versare il Suo Spirito sulla gente, affinché le persone profetizzassero, avessero delle visioni e vedessero accadere dei prodigi. Quando i discepoli cominciarono a parlare in lingue nel giorno della Pentecoste (Atti 2:1-21), Pietro dichiarò:“Ma questo è ciò che fu detto dal profeta Gioele.” Qual era lo scopo? Che la gente sapesse che il messaggio portato da Pietro e gli altri era il messaggio di Dio.

Il ministero di Gesù fu accompagnato da vari segni e prodigi. Qual era lo scopo dei Suoi miracoli? In Giovanni 10:37-38, Gesù stava rispondendo ai giudei che volevano lapidarLo per blasfemia, e disse disse: “Se non faccio le opere del Padre mio, non credetemi, ma se le faccio, anche se non credete a me, credete almeno alle opere, affinché conosciate e crediate che il Padre è in me e io in lui." Così come accadeva nell’Antico Testamento, il fine dei miracoli di Gesù è quello di confermare la mano di Dio sul Suo Messaggero.

Quando i farisei chiesero a Gesù di mostrare loro un segno, Gesù disse: “Questa malvagia e adultera generazione chiede un segno, ma nessun segno le sarà dato, se non il segno del profeta Giona. Infatti, come Giona fu tre giorni e tre notti nel ventre del grosso pesce, cosí starà il Figlio dell'uomo tre giorni e tre notti nel cuore della terra.I Niniviti risorgeranno nel giudizio con questa generazione e la condanneranno, perché essi si ravvidero alla predicazione di Giona; ed ecco, qui c'è uno piú grande di Giona” (Matteo 12:39-41). Gesù affermò chiaramente che lo scopo di un segno era quello di far sì che la gente riconoscesse il messaggio di Dio e agisse di conseguenza. Allo stesso modo, in Giovanni 4:48, Egli disse al nobiluomo: “Se non vedete segni e miracoli, voi non credete.” I segni erano un aiuto fornito a coloro i quali faticavano a credere, ma il messaggio della salvezza in Cristo era il punto centrale.

Questo messaggio di salvezza fu illustrato da Paolo in 1 Corinzi 1:21-23: “è piaciuto a Dio di salvare quelli che credono mediante la follia della predicazione poiché i Giudei chiedono un segno e i Greci cercano sapienza, ma noi predichiamo Cristo crocifisso, che è scandalo per i Giudei e follia per i Greci.” I segni hanno il loro proposito, ma sono un mezzo per un fine più grande: la salvezza delle anime mediante la predicazione del vangelo. In 1 Corinzi 14:22, Paolo afferma chiaramente che “le lingue sono un segno non per i credenti, ma per i non credenti.” Dio usò segni miracolosi come il parlare in lingue, per convincere i non credenti che il messaggio di Cristo fosse vero, ma come mostra il resto del contesto, la cosa più importante era la chiara dichiarazione del messaggio del vangelo.

Una cosa spesso trascurata nei dibattiti riguardanti I segni e i miracoli è la loro tempistica e la loro collocazione nelle Scritture. Contrariamente alla credenza popolare, la gente in tempi biblici non vedeva miracoli in continuazione. In effetti, i miracoli della Bibbia sono generalmente raggruppati intorno ad eventi speciali dell’opera di Dio verso l’umanità. La liberazione di Israele dall’Egitto e l’entrata nella Terra Promessa furono accompagnate da molti prodigi, ma tali miracoli svanirono dopo poco. Durante gli ultimi anni del regno, poco prima di mandare il popolo in esilio, Dio permise ad alcuni dei Suoi profeti di fare miracoli. Quando Gesù venne a vivere tra di noi compì dei miracoli e all’inizio del ministero degli apostoli anche loro operarono dei miracoli, ma al di fuori di quei momenti, vediamo ben pochi prodigi o segni nella Bibbia. La maggioranza delle persone che vivevano in tempi biblici non aveva mai visto segni e prodigi con i propri occhi. Dovevano vivere mediante la fede in ciò che Dio aveva già rivelato loro.

Nella Prima Chiesa segni e prodigi erano principalmente centrati sulla presentazione del vangelo tra vari gruppi etnici. Leggiamo che nel giorno della Pentecoste c’erano “Giudei, uomini pii, da ogni nazione sotto il cielo” che dimoravano a Gerusalemme (Atti 2:5). Era a questi ebrei, che erano cresciuti in altre terre e parlavano lingue straniere (v. 6-11), che veniva dato il segno delle lingue. Questi riconoscevano di sentir parlare delle meravigliose opera di Dio nelle loro lingue d’origine, e Pietro disse loro che l’unica risposta appropriata era quella di pentirsi dei propri peccati (v. 38). Quando il vangelo fu presentato per la prima volta ai samaritani, Filippo operò segni e miracoli (Atti 8:13).

Ancora una volta, quando Pietro fu mandato da Cornelio, un gentile, Dio diede un segno miracoloso per confermare la Sua opera. “E tutti i credenti circoncisi, che erano venuti con Pietro, rimasero meravigliati che il dono dello Spirito Santo fosse stato sparso anche sui gentili, perché li udivano parlare in altre lingue e magnificare Dio” (Atti 10:45-46). Quando gli altri apostoli interrogarono Pietro, egli diede questa come prova della guida di Dio, e gli altri “glorificavano Dio, dicendo: «Dio dunque ha concesso il ravvedimento anche ai gentili per ottenere la vita!” (Atti 11:18).

In ognuno di questi casi, i doni-segno erano una conferma del messaggio e del messaggero di Dio, affinché la gente potesse ascoltare e credere. Una volta confermato il messaggio, i segni svanivano. In genere non abbiamo bisogno che tali segni vengano ripetuti nelle nostre vite, ma dobbiamo ricevere lo stesso messaggio del vangelo.


Torna alla home page italiana

Qual era lo scopo dei doni-segno biblici?