Come posso diventare un donatore più allegro?


Domanda: "Come posso diventare un donatore più allegro?"

Risposta:
Possiamo imparare a essere donatori più allegri studiando il più grande donatore che questo mondo abbia mai conosciuto: Gesù Cristo. Lasciandosi alle spalle le ricchezze e la gloria del Suo regno celeste, venne sulla Terra e diede volontariamente la Sua vita affinché noi potessimo conservare la nostra. Poiché Dio ha predestinato i Suoi figli a essere conformi all'immagine del Suo Figliuolo (Romani 8:29), non ci può essere modo migliore di imitare Gesù Cristo che donare altruisticamente come ha fatto Lui. Il nostro Signore stesso ci ha detto: "C'è maggior felicità nel dare che nel ricevere!" (Atti 20:35). Molto semplicemente, quindi, la nostra più grande motivazione a donare con generosità e allegria dovrebbe essere il fatto che ciò piace al Signore e riflette il Suo dono di salvezza per noi.

La seconda lettera ai Corinzi rivela una serie di verità che sono di ispirazione e che dovrebbero aiutarci a diventare dei donatori più allegri. L'apostolo Paolo esorta saggiamente rivolgendosi ai Corinzi: "Or questo dico: Chi semina scarsamente mieterà altresì scarsamente; e chi semina generosamente mieterà altresì abbondantemente" (2 Corinzi 9:6). Questa verità indelebile era stata dichiarata da Salomone mille anni prima: "Onora l'Eterno con i tuoi beni e con le primizie di ogni tua rendita; i tuoi granai saranno strapieni e i tuoi tini traboccheranno di mosto" (Proverbi 3:9-10). E Cristo stesso ci ha detto: "Date e vi sarà dato: una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata in seno" (Luca 6:38). Ancora, "Sarà felice l'uomo che usa misericordia..." (Salmo 112:5).

Questo principio è infallibilmente chiaro: non possiamo superare in generosità il nostro benigno Creatore. Più offriamo in servizio al Signore, più riceviamo in cambio. In effetti, l'unico punto della Bibbia in cui Dio ci invita a metterlo alla prova è Malachia 3:10, in cui si parla delle offerte che Gli vengono presentate: "… mettetemi alla prova in questo», dice il Dio Onnipotente degli eserciti, «se io non vi aprirò le cateratte del cielo e non riverserò su di voi tanta benedizione che non avrete spazio sufficiente ove riporla". Ancora, ribadiscono le parole di Salomone: "C'è chi spande generosamente e diventa più ricco, e c'è chi risparmia più del necessario e diventa sempre più povero. La persona generosa si arricchirà e chi annaffia sarà egli pure annaffiato" (Proverbi 11:24-25).

Come dichiarava Paolo: "Dio ama un donatore allegro" (2 Corinzi 9:7). Donare con allegria, quindi, dovrebbe essere un modo di vivere per il cristiano che comprende la grazia di Dio. Quando doniamo generosamente e con cuore volenteroso, Dio ci assicura che veglierà su di noi e provvederà per noi (Isaia 58:9; Salmo 41:1-3; Proverbi 22:9; 2 Corinzi 9:8, 11). Dobbiamo ricordare che non è solo il nostro tesoro che dobbiamo donare con gioia a Dio. Come ci fa notare il re Davide, tutto ciò che abbiamo viene da Dio (1 Cronache 29:14) e questo comprende i nostri talenti, ma anche il nostro tempo. Poiché i nostri giorni sono contati (Salmo 139:16), il nostro tempo appartiene in effetti a Dio. Anche tutti i doni che abbiamo vengono da Lui; pertanto, "ciascuno metta al servizio degli altri il dono che ha ricevuto, come buoni amministratori della multiforme grazia di Dio" (1 Pietro 4:10).

Perché Dio ha tanto amato il mondo che "ha dato" (Giovanni 3:16). Faremmo bene a ricordare che siamo salvati perché il nostro Dio ha tanto generosamente dato. Come Suoi figli, siamo chiamati a essere "la luce del mondo" (Matteo 5:14). Quando ci fidiamo di Dio e Lo onoriamo donando generosamente il nostro tempo, il nostro tesoro e il nostro talento, stiamo davvero facendo risplendere la nostra luce davanti agli uomini, e la nostra bontà si rifletterà radiosa sul nostro Padre che è nei cieli.

English


Torna alla home page italiana

Come posso diventare un donatore più allegro?