Come è stato il diluvio al tempo di Noè?


Domanda: "Come è stato il diluvio al tempo di Noè?"

Risposta:
Il diluvio universale al tempo di Noè è stato il giudizio diretto di un Dio giusto. La Bibbia dice che l'alluvione ha spazzato via "Tutti gli esseri che erano sulla faccia della terra furono sterminati: dall'uomo fino al bestiame, ai rettili, e agli uccelli del cielo" — tutto ciò che respirava (Genesi 7:23). Alcune persone oggi si sentono oltraggiate dalla storia del diluvio, dicendo che è la prova dell'ingiustizia di Dio, dell'arbitrarietà o semplicemente della cattiveria. Accusano la Bibbia di promuovere un Dio temperamentale che giudica in modo indiscriminato ed affermano che solo un bullo annegherebbe tutti, compresi i bambini e tutti quegli animali innocenti.

Tali attacchi al carattere di Dio non sono una novità. Da quando esistono i peccatori nel mondo, ci sono accuse riguardanti il fatto che Dio sia ingiusto. Basti pensare al sottile scaricabarile di Adamo. Quando gli è stato chiesto conto dell'aver mangiato il frutto proibito, Adamo ha detto: "La donna che tu mi hai messa accanto, è lei che mi ha dato del frutto dell'albero, e io ne ho mangiato" (Genesi 3:12). Cioè è stata colpa della donna e di Dio che ha fatto la donna. Ma incolpare Dio non ha mitigato il peccato di Adamo. E chiamare Dio "ingiusto" per aver inviato il diluvio, non mitigherà il nostro.

L'alluvione ai tempi di Noè ha molte controparti nella storia. Dio giudicò il popolo di Canaan con l'ordine di sterminarli (Deuteronomio 20:16-18). Egli giudicò in modo simile Sodoma e Gomorra (Genesi 19:24–25), Ninive (Naum 1:14) e Tiro (Ezechiele 26:4). Ed il giudizio finale davanti al Grande Trono Bianco farà sì che tutti i malvagi di tutti i tempi siano gettati nello stagno di fuoco (Apocalisse 20:11-15). Il semplice messaggio della Bibbia è che Dio giudica il peccato, sia con un esercito invasore, che con fuoco e zolfo, che con un catastrofico diluvio universale.

Il diluvio c'è stato solo perché Dio l'ha comandato (e Dio è giusto). "Per annunciare che il SIGNORE è giusto; egli è la mia rocca, e non v'è ingiustizia in lui." (Salmo 92:15). "Giustizia e diritto sono la base del tuo trono, bontà e verità vanno davanti a te […]" (Salmo 89:14). Dio fa sempre ciò che è giusto. I suoi decreti ed i suoi giudizi sono sempre giusti. Se Egli ha decretato che il mondo intero venisse inondato, allora così è stato, indipendentemente da ciò che dicono gli umani scettici. È sorprendente come tendiamo a definire la giustizia in modo che possa giovare a noi stessi.

Il diluvio c'è stato solo perché l'umanità era malvagia. "Ora l'Eterno vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo" (Genesi 6:5). Non possiamo immaginare appieno l'estensione della malvagità di quei tempi. Non abbiamo mai visto cose simili. Il male era "grande" ed ogni pensiero del cuore di tutti era continuamente solo male. Non c'era bontà nel mondo; ogni persona era completamente corrotta. Non c'era nulla in essi che non fosse malvagio. Il popolo ai tempi di Noè non era dilettante nel peccato; avevano fatto il grande passo ed ogni cosa che facevano era un abominio.

Il testo fornisce alcuni indizi sull'entità del male prima dell'inondazione. Un problema era la violenza dilagante: "Or la terra era corrotta davanti a Dio; la terra era piena di violenza." (Genesi 6:11). I discendenti di Caino, il primo omicida, abbondavano in spargimenti di sangue. Un altro male tra gli antidiluviani era la sessualità occulta. Genesi 6:1–4 menziona i Nephilim, "uomini potenti che, fin dai tempi antichi, sono stati famosi", che erano il prodotto dell'unione tra angeli caduti e donne umane. I demoni che hanno partecipato a questo peccato sono attualmente in "antri tenebrosi per esservi custoditi per il giudizio" (2 Pietro 2:4). Le persone che parteciparono – e i Nephilim stessi – furono distrutti nel diluvio. La descrizione biblica dell'umanità antidiluviana indica che era diventata totalmente indurita di cuore e al di là di ogni pentimento. Le cose erano così cattive che "E l'Eterno si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo" (Genesi 6:6).

Ma per quanto riguarda I bambini che sono annegati? Il fatto è che il peccato colpisce tutta la società, non solo quelli che si impegnano intenzionalmente nel male. Quando una società promuove l'aborto, i bambini muoiono di conseguenza. Quando un padre o una madre iniziano a prendere droghe illecite, i loro figli ne soffriranno. E, nel caso della generazione di Noè, quando una cultura si è lasciata andare a violenza e sessualità aberrante, i bambini hanno sofferto. L'umanità ha portato l'inondazione su se stessa e sui propri figli.

Il diluvio c'è stato solo perché tutto il peccato è un'offesa capitale. "Il salario del peccato è la morte" (Romani 6:23). Non dovremmo essere scioccati dal fatto che Dio abbia spazzato via la popolazione mondiale con il diluvio; dovremmo essere scioccati dal fatto che non abbia fatto qualcosa di simile a noi. I peccatori tendono ad avere una visione leggera del peccato, ma ogni peccato è degno di morte. Prendiamo per scontata la misericordia di Dio, come se la meritassimo, ma ci lamentiamo della giustizia di Dio come se fosse in qualche modo ingiusto, come se non lo meritassimo.

Il diluvio c'è stato solo perché il Creatore ha il diritto di fare ciò che vuole con la Sua creazione. Come il vasaio può fare ciò che vuole con l'argilla sulla sua ruota, così Dio ha il diritto di fare ciò che vuole con l'opera delle Sue stesse mani. "L'Eterno fa tutto ciò che gli piace, in cielo e in terra, nei mari e in tutti gli abissi" (Salmo 135:6).

Ecco la parte più sorprendente della storia del diluvio: "Ma Noè trovò grazia agli occhi del SIGNORE" (Genesi 6:8). La grazia di Dio si estese nella sua creazione danneggiata e macchiata dal peccato e preservò un uomo e la sua famiglia. In tal modo, Dio ha preservato l'intera razza umana attraverso la linea divina di Set. E, nel portare gli animali nell'arca, Dio preservò anche il resto della Sua creazione. Quindi, il giudizio di Dio non fu un totale annientamento; è stato un reset.

Il giudizio di Dio ai tempi di Noè fu accompagnato dalla grazia. Il Signore è "Dio misericordioso e pietoso, lento all'ira, ricco in bontà e fedeltà, che conserva la sua bontà fino alla millesima generazione, che perdona l'iniquità, la trasgressione e il peccato ma non terrà il colpevole per innocente…" (Esodo 34:6–7, corsivo aggiunto). Dio preferirebbe che il malvagio si pentisse e vivesse (Ezechiele 18:23). Dio ha ritardato il suo giudizio sugli Amorei per quattrocento anni (Genesi 15:16). Dio avrebbe risparmiato Sodoma per il bene anche soltanto di dieci persone giuste che dimoravano lì (Genesi 18:32). Ma, alla fine, il Suo giudizio ebbe luogo.

Noè ha impiegato fino a cento anni per costruire l'arca. Possiamo supporre che, se altre persone avessero voluto salire sull'arca ed essere salvate, avrebbero potuto farlo. Ma questo avrebbe richiesto la fede. Una volta che Dio chiuse la porta era troppo tardi, avevano perso la possibilità (Genesi 7:16). Il punto è che Dio non manda mai un giudizio senza preavviso. Come ha detto il commentatore Matthew Henry: "Nessuno è punito dalla giustizia di Dio, ma da coloro che odiano essere riformati dalla grazia di Dio".

Il diluvio universale ai tempi di Noè fu una giusta punizione del peccato. Coloro che dicono che il diluvio è ingiusto probabilmente non amano l'idea del giudizio per cominciare. La storia di Noè è un vivido ricordo del fatto che, piaccia o no, c'è un altro giudizio in arrivo: "Come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figlio dell'uomo." (Matteo 24:37). Siete pronti o sarete spazzati via?

English


Torna alla home page italiana

Come è stato il diluvio al tempo di Noè?