Per un cristiano, la sepoltura è l'unica opzione da considerare?


Domanda: "Per un cristiano, la sepoltura è l'unica opzione da considerare?"

Risposta:
La maggior parte dei cristiani, nel corso dei secoli, ha voluto essere sepolta secondo una cerimonia che proclama il messaggio della resurrezione; tale cerimonia, comprendente diversi riti e tradizioni, è nota oggi con il termine "sepoltura cristiana." Per i cristiani, esistono altre opzioni oltre alla sepoltura: la cremazione, nonostante non venga considerata "tradizionale" quanto la sepoltura, sta diventando popolare.

Sepoltura cristiana non è un termine esplicitamente biblico. La Bibbia non dà indicazioni su come disporre di un corpo dopo la morte. Nelle culture dei tempi biblici, il modo comune per disporre di un corpo umano era la sepoltura in una tomba, in una caverna o sottoterra (Genesi 23:19; 35:19–20, 29; 2 Cronache 16:14; Matteo 27:60–66). La modalità di sepoltura più comune nella Bibbia era quella di disporre il corpo in tombe di superficie, per coloro i quali potevano permetterselo. Per coloro i quali non potevano, i corpi venivano sepolti sottoterra. Nel Nuovo Testamento, le tombe di superficie erano ancora luoghi di sepoltura riservati ai ricchi. Ecco perché Gesù, che non era benestante sulla Terra, fu sepolto in una tomba prestata (Matteo 27:57–60).

Al giorno d'oggi, una considerazione importante da fare è quella di obbedire alle leggi del Paese riguardo i cadaveri. Le leggi variano di Paese in Paese e all'interno degli stessi, tra le varie regioni. Poiché i cristiani devono obbedire alle autorità di governo, è necessario seguire le leggi che riguardano il disfacimento di un corpo. C'è anche la questione delle sepolture cristiane messa a confronto con la cremazione. Nella Bibbia non si comanda nessuna delle due, ma tantomeno viene proibita. Il fatto che gli ebrei ed i primi cristiani praticassero solo la sepoltura è sufficiente a persuadere alcune persone a scegliere la sepoltura anche oggi. Ed il fatto che le uniche volte che la Bibbia menziona la cremazione dei cadaveri sia nel contesto dei malvagi che venivano puniti per le loro offese (Levitico 20:14; Giosuè 7:25), spinge allo stesso modo alcune persone a rifiutare la cremazione. Ma, lo ribadiamo, oggi i cristiani non hanno alcun comando biblico esplicito a favore della cremazione o contro di essa. Alla fine, è meglio lasciare la decisione alla famiglia del defunto.

Il metodo usato per disporre di un cadavere non è neanche lontanamente importante quanto la verità dietro il concetto della sepoltura cristiana: nel corpo non risiede più la persona deceduta. Paolo descrive i nostri corpi come "tende", ovvero abitazioni temporanee. "Sappiamo infatti che se questa tenda, che è la nostra abitazione terrena, viene disfatta, noi abbiamo da parte di Dio un edificio, un'abitazione non fatta da mano d'uomo eterna nei cieli." (2 Corinzi 5:1). Al ritorno di Gesù, i cristiani verranno riportati in vita, ed i nostri corpi verranno trasformati in corpi glorificati ed eterni. "Cosí sarà pure la risurrezione dei morti; il corpo è seminato corruttibile e risuscita incorruttibile. E' seminato ignobile e risuscita glorioso; è seminato debole e risuscita pieno di forza" (1 Corinzi 15:42–43).

English


Torna alla home page italiana

Per un cristiano, la sepoltura è l'unica opzione da considerare?