Cos'è la clausola di eccezione


Domanda: "Cos'è la clausola di eccezione"

Risposta:
La "clausola di eccezione" è l'affermazione fatta da Gesù in Matteo 5:32 e 19:9 "eccetto in caso di fornicazione." Fornisce una "eccezione," per la quale risposarsi dopo un divorzio non costituisce adulterio. Matteo 5:32 dice: "Ma io vi dico: Chiunque manda via la propria moglie, eccetto in caso di fornicazione, la fa essere adultera e chiunque sposa una donna ripudiata commette adulterio." In modo simile, Matteo 19:9 dice: "Or io vi dico che chiunque manda via la propria moglie, eccetto in caso di fornicazione, e ne sposa un'altra, commette adulterio." Dunque, cos'è precisamente l'"infedeltà coniugale" o la "fornicazione", e perché è un'eccezione alla dichiarazione di Dio che risposarsi dopo un divorzio costituisce adulterio?

Il significato di Matteo 5:32 e 19:9 è chiaro. Se una persona ottiene il divorzio e si risposa, viene considerata adultera a meno che non sia in atto la clausola di eccezione. L'espressione "fornicazione" è una traduzione della parola greca porneia, parola dalla quale deriva il termine moderno "pornografia." Il significato basilare di porneia è "perversione sessuale." Nella letteratura greca dello stesso periodo del Nuovo Testamento, porneia veniva usata per riferirsi all'adulterio, alla fornicazione, alla prostituzione, all'incesto ed all'idolatria. Viene usata 25 volte nel Nuovo Testamento, la maggior parte delle quali viene tradotta come "fornicazione."

Il significato di porneia nel Nuovo Testamento sembra essere il concetto generale di perversione sessuale. Altre parole greche vengono usate per riferirsi a forme specifiche di perversione sessuale, come l'adulterio. Con questo significato in mente, secondo la clausola di eccezione, ogni forma di partecipazione a perversione / scorrettezza sessuale costituisce un'eccezione alla dichiarazione di Gesù, secondo la quale sposarsi dopo il matrimonio è adulterio. Se un coniuge commette adulterio, o un atto di perversione sessuale, e ne consegue un divorzio, il coniuge "innocente" è libero di risposarsi senza essere considerato adultero.

Che si capisca, tuttavia, che la clausola di eccezione non è un comandamento a favore del divorzio e/o del secondo matrimonio. Gesù non dice che, in caso di infedeltà coniugale, una coppia dovrebbe divorziare. Non dice che, in caso di divorzio a causa dell'infedeltà coniugale, il coniuge innocente dovrebbe risposarsi. Al massimo, Egli permette il divorzio e il secondo matrimonio in alcuni casi, e non dichiara affatto il divorzio e il secondo matrimonio come opzione migliore, o come unica opzione. Il pentimento, il perdono, il consiglio e il ristabilimento sono il desiderio di Dio per i matrimoni danneggiati dall'infedeltà. Dio può sanare e risanerà qualsiasi matrimonio nel quale entrambi i coniugi siano dedicati a Lui e disposti a seguire la Sua Parola.

English


Torna alla home page italiana

Cos'è la clausola di eccezione