Cosa dice la Bibbia riguardo lo stress?


Domanda: "Cosa dice la Bibbia riguardo lo stress?"

Risposta:
Il dizionario definisce lo stress come "sforzo o tensione fisica, mentale o emotiva." Una quantità limitata di stress è necessaria e persino buona, come lo sforzo fisico al quale sottoponiamo i nostri muscoli per renderli più forti. Ma quando parliamo di "stress," di solito ci riferiamo ad uno sforzo o a una tensione mentale o emotiva eccessivi, o comunque negativi. Mentre la parola "stress" non viene menzionata nella Bibbia, la Scrittura parla di concetti come l'ansia, la preoccupazione e l'afflizione, che spesso associamo allo stress, e ci dà delle risposte chiare su come dovremmo affrontarli.

Tutti soffriamo per colpa dello stress, in un momento o nell'altro della vita. Il modo in cui lo affrontiamo, naturalmente, dipende in gran parte da chi siamo. Ad alcuni, lo stress emotivo causa malattie fisiche. Altri potrebbero diventare iper-produttivi. D'altra parte, alcune persone sotto stress cessano di agire mentalmente ed emotivamente. E, ovviamente, esiste una varietà di altre reazioni. Lo stress è comune nell'esperienza umana, in particolare in un mondo in cui vengono richiesti senza sosta il nostro tempo e la nostra attenzione. I nostri lavori, la salute, la famiglia, gli amici, persino le attività pastorali possono sopraffarci. La soluzione definitiva allo stress è consegnare le nostre vite a Dio, il Quale ci offre la Sua saggezza riguardo le priorità da avere, e il Quale ci dà la forza di fare le cose alle quali ci esorta. Egli dà sempre a sufficienza, dunque non dobbiamo essere sconfitti dallo stress.

Una delle cause comuni dello stress è quella economica. Siamo stressati per il denaro perché non ci sembra mai di averne abbastanza. Ci preoccupiamo di non essere in grado di pagare tutte le bollette, molti arrivando a stento a fine mese. O veniamo consumati dal materialismo e, di conseguenza, ci stressiamo per mantenere il nostro stile di vita. Alcuni si stressano per le finanze perché non confidano nel fatto che Dio provveda alle prime necessità della vita. Ma Gesù ha detto: "Perciò io vi dico: Non siate con ansietà solleciti per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di che vi vestirete. La vita non vale piú del cibo e il corpo piú del vestito? […] E chi di voi, con la sua sollecitudine, può aggiungere alla sua statura un solo cubito?" (Matteo 6:25, 27). È vero che veniamo esortati ad essere buoni custodi del denaro e a provvedere per le nostre famiglie (1 Timoteo 5:8), ma non dobbiamo mai dimenticare che alla fine Dio è la nostra Fonte. Se apparteniamo a Lui, non dobbiamo temere che Egli ci abbandoni. D'altra parte, lo stress economico di alcune persone è causato più dall'avidità e dal materialismo che da un vero bisogno. Il materialismo conduce inevitabilmente allo stress in quanto, quando cerchiamo i beni del mondo, cadiamo nella trappola de "l'inganno delle ricchezze "(Marco 4:19). La menzogna è che tali cose siano in grado di alleviare lo stress e conducano a felicità, appagamento e gioia. Non è così.

Potremmo anche stressarci quando affrontiamo una difficoltà. Giacomo 1:2–4 consiglia: "Considerate una grande gioia, fratelli miei, quando vi trovate di fronte a prove di vario genere, sapendo che la prova della vostra fede produce costanza. E la costanza compia in voi un'opera perfetta, affinché siate perfetti e completi, in nulla mancanti." Quando ci troviamo di fronte alle difficoltà, possiamo soccombere allo stress, o possiamo vederlo come un mezzo attraverso il quale Dio può rafforzare la nostra fede e plasmare il nostro carattere (Romani 5:3–5; 8:28–29). Quando rivolgiamo la nostra attenzione a Dio, troviamo consolazione nelle nostre tribolazioni e abbiamo la forza di sopportarle (2 Corinzi 1:3–4; 12:9–10).

A prescindere dal tipo di stress nelle nostre vite, il punto di partenza per affrontarlo è Gesù Cristo. Gesù ci offre un grande incoraggiamento in Giovanni 14:1: "Il vostro cuore non sia turbato; credete in Dio e credete anche in me." Abbiamo un bisogno disperato di Lui, nelle nostre vite. Credere in Lui non significa che avremo una vita priva di preoccupazioni, o che non ci sentiremo mai sopraffatti dallo stress. Significa semplicemente che una vita senza Gesù Cristo rende affrontare lo stress un compito impossibile, e spesso debilitante.

Credere porta a confidare. Proverbi 3:5-6 ci dice: "confida nell'Eterno con tutto il tuo cuore e non appoggiarti sul tuo intendimento; riconoscilo in tutte le tue vie, ed egli raddrizzerà i tuoi sentieri." Appoggiarsi al "nostro intendimento" spesso significa adottare cure per lo stress offerte dal mondo: cose come l'alcol, le droghe o il divertimento insensato. Al contrario, dobbiamo credere nella Sua Parola come guida definitiva per ridurre lo stress nella nostra vita. Davide dice: "ho cercato l'Eterno, ed egli mi ha risposto e mi ha liberato da tutti i miei spaventi" (Salmo 34:4). Davide sapeva che, cercando il Signore e condividendo i suoi problemi con Lui, forse avrebbe trovato del favore in Lui. Il Signore, dal canto Suo, gli rispose e lo calmò.

Forse nessun passaggio della Scrittura coglie meglio della Lettera ai Filippesi 4:6-7 il modo di affrontare lo stress: "Non siate in ansietà per cosa alcuna, ma in ogni cosa le vostre richieste siano rese note a Dio mediante preghiera e supplica, con ringraziamento. E la pace di Dio, che sopravanza ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesú." Il Signore ci dice di non essere ansiosi per nessun motivo, ma piuttosto di consegnare qualsiasi cosa a Lui nella preghiera. Affidare i nostri fardelli e le nostre preoccupazioni ad un Dio santo e giusto giorno dopo giorno, diminuirà o eliminerà lo stress nelle nostre vite. Il Salmo 55:22 ci dice di riversare tutte le nostre preoccupazioni su di Lui, in quanto Egli ci sosterrà e non ci deluderà mai (si veda anche 1 Pietro 5:6–7). Gesù Cristo ci offre la pace, se veniamo a Lui con le nostre preoccupazioni. "Io vi lascio la pace, vi do la mia pace; io ve la do, non come la dà il mondo; il vostro cuore non sia turbato e non si spaventi" (Giovanni 14:27).

Lo stress, di qualsiasi tipo, è una parte naturale della vita (Giobbe 5:7, 14:1; 1 Pietro 4:12; 1 Corinzi 10:13). Ma il modo in cui lo affrontiamo dipende da noi. Se decidiamo di farlo da soli, non troveremo un sollievo duraturo. L'unico modo in cui possiamo affrontare lo stress in modo coerente e con successo è con Gesù Cristo. Prima di tutto, dobbiamo credere in Lui. In secondo luogo, dobbiamo avere fede in Lui ed obbedirGli. Dovremmo avere fede nel fatto che Egli farà ciò che è giusto, in quanto le Sue vie sono sempre le migliori per noi. La disobbedienza ed il peccato possono generare stress e tagliarci fuori dall'unico mezzo di pace e gioia. Obbedendo ai Suoi comandamenti, raccogliamo le benedizioni del vero appagamento concesso da un Dio amorevole. Infine, dobbiamo cercare giorno dopo giorno la Sua pace, riempiendo le nostre menti con la Sua parola, consegnando ogni cosa a Lui in preghiera, e sedendo ai Suoi piedi in adorazione e riverenza. È solo per mezzo della Sua grazia, della Sua misericordia e del Suo amore che è possibile gestire lo stress nelle nostre vite.

English


Torna alla home page italiana

Cosa dice la Bibbia riguardo lo stress?