7 Dobbiamo essere consapevoli della battaglia spirituale che si svolge intorno a noi?

Dobbiamo essere consapevoli della battaglia spirituale che si svolge intorno a noi?


Domanda: "Dobbiamo essere consapevoli della battaglia spirituale che si svolge intorno a noi?"

Risposta:
È di vitale importanza che ogni cristiano comprenda di essere coinvolto in una battaglia spirituale. Non c'è modo di sottrarsene. Essere consapevoli della battaglia spirituale che si svolge intorno a noi è molto importante. Non soltanto essere consapevoli, ma anche essere vigili, preparati, coraggiosi e dotati delle giuste armi è fondamentale per affrontare la guerra spirituale.

Come dice Paolo in 2 Corinzi 10:3-5: "Infatti anche se camminiamo nella carne, non guerreggiamo secondo la carne, perché le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti in Dio a distruggere le fortezze, affinché distruggiamo le argomentazioni ed ogni altezza che si eleva contro la conoscenza di Dio e rendiamo sottomesso ogni pensiero all'ubbidienza di Cristo". È chiaro che, come Cristiani, la "nostra guerra" è spirituale. Non combattiamo una battaglia fisica o umana, ma una battaglia a livello spirituale: i suoi nemici, le sue prerogative, le sue fortezze e le sue armi sono tutti spirituali. Se tentiamo di combattere a livello spirituale con armi umane, falliremo e il nemico avrà la vittoria.

È importante notare che Paolo qui non sta parlando di combattere contro demoni. Quando Gesù e gli apostoli scacciavano demoni, come accadeva con gli altri segni e prodigi che manifestavano, lo facevano principalmente per provare l'autorità di ciò che dicevano. Era importante a quel tempo che Dio desse agli apostoli una "prova" potente del fatto che essi fossero mandati da Lui e che agissero da Suoi portavoce. La fedeltà della Scrittura dipende dall'autorità degli apostoli, perciò Dio diede loro la Sua potenza per convalidare i loro insegnamenti. In tutto ciò, il punto era dimostrare che l'autorità suprema — e la nostra suprema arma spirituale — è la Scrittura. La battaglia spirituale che ogni cristiano affronta è principalmente una battaglia della mente e del cuore.

La battaglia spirituale è prettamente personale per ciascun cristiano. Il diavolo è come un "leone ruggente" che cerca qualcuno da divorare e noi dobbiamo restare vigili contro di lui (1 Pietro 5:8). Il nemico delle nostre anime ha "dardi infuocati" che possono essere spenti solo con lo scudo della fede, nel modo in cui lo impugnerebbe un credente rivestito dell'intera armatura di Dio (v. Efesini 6:10-17). Gesù ci ha detto di "vegliare e pregare" per non entrare in tentazione (Marco 14:38).

In base a quanto leggiamo in 2 Corinzi 10:4-5, in questo mondo ci sono fortezze spirituali, costituite da "argomentazioni" e "altezze che si elevano". La parola argomentazioni ha la sua etimologia nel greco logismos, che significa "idee, concetti, ragionamenti, filosofie". Le persone del mondo costruiscono questi logismos per proteggersi dalla verità di Dio. Purtroppo, queste fortezze spesso diventano prigioni e, infine, tombe. Come cristiani, siamo chiamati ad abbattere queste fortezze e soccorrere i loro abitanti. È un lavoro pericoloso e difficile, ma abbiamo un arsenale divino sempre a disposizione. Purtroppo, uno dei migliori stratagemmi del nemico è portarci a combattere con armi umane anziché divine.

Quando combattiamo contro le filosofie mondane, l'ingegno umano e le armi umane non sono di alcuna utilità. Tecniche di marketing, contro-filosofie, parole persuasive di umana sapienza (1 Corinzi 2:4), razionalismo, organizzazione, talento, intrattenimento, misteriosità, illuminazione migliore, musica migliore... sono tutte armi umane. Nessuna di queste cose vincerà la guerra spirituale. L'unica cosa efficace, l'unica arma di offesa che possediamo, è la Spada dello Spirito, che è la Parola di Dio (Efesini 6:17). Questa spada ci dà molte libertà, come soldati di questa battaglia spirituale. Ci fa essere liberi dalla paura, nel sapere che Dio combatte per noi (Giosuè 1:7-9) e che non ci abbandonerà. Ci fa essere liberi dal senso di colpa, nel sapere che non siamo responsabili delle anime di coloro che respingono il messaggio di Dio dopo che lo abbiamo loro annunciato (Marco 6:11). Ci fa essere liberi dalla disperazione, nel sapere che se siamo perseguitati e odiati, Cristo fu perseguitato e odiato per primo (Giovanni 15:18), e che le nostre ferite di guerra saranno riccamente e amorevolmente curate in Cielo (Matteo 5:10).

Tutte queste libertà vengono dall'uso dell'arma potente di Dio, la Sua Parola. Se utilizziamo delle armi umane per combattere le tentazioni del maligno, andremo incontro a fallimenti e delusioni. Al contrario, le vittorie di Dio sono piene di speranza. "Accostiamoci con cuore sincero, in piena certezza di fede, avendo i cuori aspersi per purificarli da una cattiva coscienza e il corpo lavato con acqua pura. Riteniamo ferma la confessione della nostra speranza, perché è fedele colui che ha fatto le promesse" (Ebrei 10:22-23). I cuori di quelli che odono e accettano il messaggio veritiero e completo del Vangelo come annunciato dagli apostoli sono "purificati" e "lavati con acqua pura". Cos'è l'acqua? È la Parola di Dio che ci fortifica nel combattimento (Efesini 5:26; Giovanni 7:38).

English

Torna alla home page italiana

Dobbiamo essere consapevoli della battaglia spirituale che si svolge intorno a noi?