Quanta autorità dovrebbe avere un pastore su una chiesa?


Domanda: "Quanta autorità dovrebbe avere un pastore su una chiesa?"

Risposta:
La Chiesa viene chiamata "il gregge di Dio" (1 Pietro 5:2), "coloro che vi sono affidati" (1 Pietro 5:3), e "la chiesa di Dio" (Atti 20:28). Gesù "è capo della chiesa" (Efesini 5:23) e "il sommo pastore" (1 Pietro 5:4). La Chiesa appartiene giustamente a Cristo, ed Egli è l'autorità su di essa (Matteo 16:18). Questo vale sia per la chiesa locale che per il Corpo universale di Cristo.

Il modello usato da Dio per costituire la Sua Chiesa include usare gli uomini come pastori. Il pastore è prima di tutto un anziano e, insieme agli altri anziani, è responsabile di fare le seguenti cose:

1) Custodire la chiesa (1 Timoteo 3:1). Il significato principale della parola vescovo è "custode." La supervisione generale del ministero e del funzionamento della chiesa è responsabilità del pastore e degli altri anziani. Ciò includerebbe anche la gestione delle finanze nella chiesa (Atti 11:30).

2) Presiedere la chiesa (1 Timoteo 5:17). La parola tradotta come "presiedere" significa letteralmente "stare innanzi". L'idea è quella di condurre o frequentare, ponendo enfasi sull'essere un custode diligente. Ciò includerebbe la responsabilità di esercitare la disciplina nella chiesa e riprendere coloro che errano dalla fede (Matteo 18:15-17; 1 Corinzi 5:11-13).

3) Nutrire la chiesa (1 Pietro 5:3). Letteralmente, la parola pastore si riferisce al "pastore del gregge". Il pastore ha il dovere di "nutrire il gregge" con la Parola di Dio e condurlo per la retta via.

4) Custodire la dottrina della chiesa (Tito 1:9). L'insegnamento degli apostoli doveva essere affidato a "uomini fedeli" che potessero anche insegnare agli altri (2 Timoteo 2:2). Preservare l'integrità del Vangelo è una delle più importanti occupazioni del pastore.

Alcuni pastori considerano il titolo di "custode" come l'ordine di mettere mano su tutto. Che sia gestire l'impianto audio, selezionare i canti per la funzione della domenica o scegliere le tende per la stanza dei bambini. Alcuni pastori sentono che è loro dovere essere coinvolti in ogni decisione. Non solo ciò è estenuante per il pastore, che si ritrova in ogni incontro della commissione, ma ostacola anche gli altri dall'usare i loro doni nella chiesa. Un pastore può sovrintendere e delegare allo stesso tempo. In aggiunta, il modello biblico di pluralità di anziani, insieme ai diaconi incaricati di assistere il pastore e gli anziani, preclude che l'ufficio di pastore sia controllato da una persona sola.

Anche il comando di "governare" la chiesa certe volte viene portato ai suoi estremi. La responsabilità ufficiale di un pastore è quella di governare la chiesa insieme agli anziani, e la sua attenzione dovrebbe essere prima di tutto spirituale, prendendosi cura di questioni come l'ammaestramento dei credenti e l'equipaggiamento fornito ai santi per compiere il lavoro del ministero (Efesini 4:12). Sappiamo di pastori che somigliano più a dittatori, che pretendono che chi si trova sotto la loro autorità chieda loro il permesso per fare un investimento, andare in vacanza ecc. Ci sembra che tali uomini desiderino semplicemente il controllo e non siano idonei a governare la Chiesa di Dio (si veda 3 Giovanni 9-10).

1 Pietro 5:3 contiene una meravigliosa descrizione di un ministero pastorale equilibrato: "e non come signoreggiando su coloro che vi sono affidati, ma essendo i modelli del gregge." L'autorità del pastore non è "spadroneggiare" nella chiesa; piuttosto, un pastore deve essere un esempio di verità, amore e santità che il gregge di Dio possa seguire (si veda anche 1 Timoteo 4:12). Un pastore è "amministratore della casa di Dio" (Tito 1:7), e deve rispondere a Dio per il modo in cui guida la chiesa.

English


Torna alla home page italiana

Quanta autorità dovrebbe avere un pastore su una chiesa?