7 Cosa significa che non dobbiamo amare il mondo?

Cosa significa che non dobbiamo amare il mondo?


Domanda: "Cosa significa che non dobbiamo amare il mondo?"

Risposta:
1 Giovanni 2:15-16 dice: "Non amate il mondo, né le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non è in lui. Perché tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e l'orgoglio della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo." Tuttavia, Giovanni 3:16 comincia con: "Poiché Dio ha tanto amato il mondo […]" Dunque, Dio ama il mondo, ma noi non dovremmo? Perché questa apparente contraddizione?

Nella Bibbia, il termine mondo può ricondursi alla Terra e all'universo fisico (Ebrei 1:2; Giovanni 13:1), ma molto più spesso si riferisce al sistema umanistico in conflitto con Dio (Matteo 18:7; Giovanni 15:19; 1 Giovanni 4:5). Quando la Bibbia dice che Dio ama il mondo, sta parlando degli esseri umani che ci vivono (1 Giovanni 4:9). E, come Suoi figliuoli, dobbiamo amare il nostro prossimo (Romani 13:8; 1 Giovanni 4:7; 1 Pietro 1:22). La parabola del Buon Samaritano rende chiaro che non possiamo scegliere e selezionare chi amare (Luca 10:30-37).

Quando ci viene detto di non amare il mondo, la Bibbia si sta riferendo al sistema corrotto di valori del mondo. Satana è il dio di questo mondo, ed egli ha il suo proprio sistema di valori, contrario a quello di Dio (2 Corinzi 4:4). 1 Giovanni 2:16 spiega nel dettaglio e con esattezza ciò che promuove il sistema di Satana: la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e l'orgoglio della vita. Ogni peccato immaginabile può essere riassunto in questi tre mali; invidia, adulterio, orgoglio, menzogna, egoismo, ecc. nascono da queste tre radici.

Il mondo è ciò che lasciamo quando ci affidiamo a Cristo. Isaia 55:7 dice che venire a Cristo include dimenticare le nostre vie e i nostri pensieri. John Bunyan, nel suo libro Il Pellegrinaggio del Cristiano, immagina la posizione del credente: egli ha "gli occhi rivolti al Cielo," tiene "il migliore dei libri" tra le mani, ed "il mondo giaceva alle sue spalle" (p. 34).

Il mondo spesso si compiace del peccato. Le forme di intrattenimento multimediale ci incoraggiano ad invidiare i peccatori e a paragonarci scioccamente alle "belle persone" (si vedano i Proverbi 23:17). Spesso la popolarità delle "stelle" è dovuta alla loro abilità di fomentare in noi insoddisfazione riguardo le nostre vite. Gli inserzionisti mirano alla nostra tendenza naturale ad amare questo mondo, e la maggior parte delle campagne di marketing si appella in qualche modo alla concupiscenza degli occhi, alla concupiscenza della carne e all'orgoglio della vita.

Amare il mondo significa dedicarsi ai tesori, alle filosofie e alle priorità del mondo. Dio dice ai Suoi figliuoli di stabilire le loro priorità secondo il Suo sistema di valori eterno. Dobbiamo "cercare prima" il regno di Dio e la Sua giustizia (Matteo 6:33). Nessuno può servire due padroni (Matteo 6:24), e non possiamo essere devoti al mondo ed a Dio nello stesso tempo.

Quando entriamo a far parte della famiglia di Dio per mezzo della fede in Cristo, Dio ci dà l'abilità di lasciare il modo di vivere corrotto del mondo (2 Corinzi 5:17). Diventiamo cittadini di un altro regno (Filippesi 1:27, 3:20). I nostri desideri si rivolgono al cielo, e cominciamo ad accumulare tesori eterni (Luca 12:33; 1 Timoteo 6:18-19). Ci rendiamo conto del fatto che ciò che è davvero importante è eterno, non temporaneo, e smettiamo di amare il mondo.

Continuare ad amare il mondo nel modo dei non credenti ostacolerà la nostra crescita spirituale e ci renderà privi di frutti per il regno di Dio (Matteo 3:8; Luca 6:43-45; Giovanni 15:1-8). In Giovanni 12:25, Gesù sviluppò ulteriormente questo pensiero, dicendo: "Chi ama la sua vita la perderà, e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna." Non amare il mondo si estende anche alle nostre stesse vite. Gesù disse che se amiamo qualsiasi cosa più di Lui, non siamo degni di Lui (Matteo 10:37-38).

In generale, il termine mondo presente nella Bibbia si riferisce al sistema malvagio controllato da Satana che ci svia dall'adorazione di Dio. Giovanni Calvino disse: "Il cuore umano è una fabbrica di idoli." Possiamo crearci idoli di qualsiasi cosa. Ogni desiderio appassionato nei nostri cuori che non sia messo lì da Dio per la Sua gloria, può divenire un idolo (1 Corinzi 10:31). Amare il mondo è idolatria (1 Corinzi 10:7, 14). Dunque, quando ci viene comandato di amare gli abitanti del mondo, dobbiamo stare attenti a qualsiasi cosa sia in competizione con Dio per vincere i nostri sentimenti più forti.

English

Torna alla home page italiana

Cosa significa che non dobbiamo amare il mondo?