Qual è il significato dell’adorazione cristiana?



 

Domanda: "Qual è il significato dell’adorazione cristiana?"

Risposta:
Il significato della parola greca del Nuovo Testamento più spesso tradotta come "adorare" (proskuneo) è "cadere davanti" o "prostrarsi davanti". L’adorazione è un atteggiamento dello spirito. Dal momento che è un’azione individuale e interiore, i cristiani adorano tutto il tempo, sette giorni su sette. Quando i cristiani si riuniscono formalmente per adorare, l’enfasi dovrebbe ancora essere sull’adorazione individuale del Signore. Persino facendo parte di una congregazione, ogni partecipante deve essere consapevole del fatto che lui o lei sta adorando Dio a livello individuale.

La natura dell’adorazione cristiana è interiore e ha due qualità ugualmente importanti. Dobbiamo adorare "in spirito e verità" (Giovanni 4:23-24). Adorare nello spirito non ha niente a che vedere con la nostra posizione fisica: è qualcosa che ha a che fare con il nostro essere interiore e richiede diverse cose. Prima di tutto, dobbiamo essere nati di nuovo. Senza lo Spirito Santo che dimora in noi, non possiamo rispondere a Dio mediante l’adorazione perché non Lo conosciamo. “Nessuno conosce le cose di Dio, se non lo Spirito di Dio” (1 Corinzi 2:11b). Lo Spirito Santo in noi è Colui Che conferisce forza all’adorazione perché in sostanza sta glorificando Se Stesso, e tutta la vera adorazione glorifica Dio.

In secondo luogo, adorare in spirito richiede una mente incentrata su Dio e rinnovata dalla verità. Paolo ci esorta a “presentare i vostri corpi, il che è il vostro ragionevole servizio, quale sacrificio vivente, santo e accettevole a Dio” (Romani 12:1b, 2b). Solo quando la nostra mente viene trasformata dall’essere incentrata sulle cose terrene ad essere incentrata su Dio, possiamo adorare in spirito. Molteplici distrazioni di vario genere possono inondare la nostra mente quando proviamo a lodare e a glorificare Dio, ostacolando la nostra vera adorazione.

In terzo luogo, possiamo solo adorare in spirito quando abbiamo un cuore puro, aperto e pentito. Quando il cuore del Re Davide era pieno di colpa per il suo peccato con Bath-Sceba (2 Samuele 11), egli trovò impossibile adorare. Sentiva che Dio era lontano da lui, e “gemeva tutto il giorno,” sentendo la severità della mano di Dio su di lui (Salmo 32:3, 4). Ma quando confessò il suo peccato, la relazione con Dio fu ripristinata e l’adorazione e la lode si riversarono da lui. Davide capì che “i sacrifici di DIO sono lo spirito rotto; o DIO tu non disprezzi il cuore rotto e contrito” (Salmo 51:17). Lode e adorazione nei confronti di Dio non possono provenire da cuori pieni di peccato non confessato.

La seconda qualità della vera adorazione è che viene fatta "in verità." Tutta l’adorazione è una risposta alla verità, e quale potrebbe essere un migliore indicatore della verità se non la Parola di Dio? Gesù disse a Suo Padre: “la tua parola è verità” (Giovanni 17:17b). Salmo 119 dice: “la tua legge è verità” (v. 142b) e la “tua parola è verità” (v. 160a). Per adorare davvero Dio dobbiamo capire chi è Lui e cos’ha fatto, e l’unico posto dove Egli ha rivelato pienamente Se Stesso è la Bibbia. L’adorazione è un’espressione di lode che scaturisce dalla profondità del nostro cuore verso un Dio che viene compreso attraverso la Sua Parola. Se non abbiamo la verità della Bibbia, non conosciamo Dio e non possiamo realmente adorarLo.

Dal momento che le azioni esteriori sono secondarie nell’adorazione cristiana, non esiste una regola che detti se dobbiamo stare seduti, rimanere in piedi, inginocchiarci, restare in silenzio o cantare lodi a gran voce mentre adoriamo insieme alla comunità. Queste cose dovrebbero essere decise in base alla natura della congregazione. La cosa più importante è che adoriamo Dio in spirito (nei nostri cuori) e in verità (nelle nostre menti.)


Torna alla home page italiana

Qual è il significato dell’adorazione cristiana?