L'aborto è omicidio?


Domanda: "L'aborto è omicidio?"

Risposta:
Quella dell'aborto è forse una delle problematiche che generano maggiore tensione ai giorni nostri. Trovare una risposta onesta alla domanda "L'aborto è omicidio?" necessita di coraggio, per coloro i quali hanno avuto a che fare con l'aborto, come medici o madri. La Bibbia dice chiaramente che l'omicidio è sbagliato (Esodo 20:13). Tuttavia, in alcuni casi, la Bibbia non impedisce di uccidere. Ci si aspettava che i soldati che rappresentavano il loro paese uccidessero quelli della fazione opposta (Giosuè 11:20). Non si tratta di omicidio. Gli animali venivano uccisi per offrirli in sacrificio (Esodo 24:5; Genesi 9:3–4). Neppure quello è omicidio.

L'omicidio viene definito come "l'uccisione illecita, premeditata di un essere umano da parte di un altro." L'omicidio è l'uccisione illecita, ovvero l'uccisione fatta in giudizio di un essere umano da parte di un altro, per ragioni personali (piuttosto che nazionali). La Bibbia condanna l'omicidio ripetutamente, considerandolo caratteristico delle società malvagie (Deuteronomio 5:17; Isaia 1:21; Osea 4:2; Matteo 5:21). Determinare se l'aborto sia omicidio o meno porta a due considerazioni. Prima di tutto, se un feto nell'utero possa essere considerato un essere umano a tutti gli effetti. Secondo, se un feto è un bambino, allora l'aborto può essere giustamente chiamato omicidio, considerando che è legale in molti paesi? Se l'omicidio è "uccisione illecita", ne consegue che l'uccisione legale non dovrebbe costituire omicidio.

Una delle ragioni per cui l'omicidio è illegale è che non è etico, per una persona, decidere il destino di un'altra. Secondo la Legge dell'Antico Testamento, un omicida non doveva essere messo a morte a meno che non ci fossero diversi testimoni: "non si metterà a morte nessuno sulla deposizione di un solo testimone" (Numeri 35:30). In guerra, i soldati non decidono di uccidere per i propri scopi, ma uccidono per obbedienza ad un interesse nazionale, se lottano per una nazione onorevole, ovvero l'interesse nazionale di proteggere i civili innocenti da qualche minaccia. L'aborto è diverso. L'aborto è uccisione basata sul giudizio unilaterale e sulla decisione di una madre, il che lo porta ad essere considerato omicidio. Ma se il feto non è ancora un vero e proprio essere umano, se il feto è solo una massa di tessuto impersonale o un animale, terminare la sua vita non verrebbe considerato omicidio.

Dunque, un feto è umano? O è qualcos'altro? Biologicamente parlando, la vita umana comincia comincia nel momento del concepimento. Quando l'uovo della madre e lo sperma del padre si incontrano, si combinano e creano una nuova stringa di DNA completamente unica. Il DNA contiene informazioni codificate, il modello per la crescita e per lo sviluppo dell'essere umano. Non deve essere aggiunto altro materiale genetico; lo zigote nel grembo è tanto umano quanto la mamma che lo ospita. La differenza tra un feto e un uomo come noi è una differenza di età, ubicazione e livello di dipendenza. Quando una madre abortisce, impedendo lo sviluppo fetale, sta distruggendo una vita unica.

La Bibbia sostiene chiaramente il concepimento come inizio della vita umana. Sansone disse: "perché sono un Nazireo a Dio, dal seno di mia madre" (Giudici 16:17). Egli si riferisce al suo io non nato come se fosse già quello che Dio aveva pianificato per lui, un nazireo. Davide dice: "Sí, tu hai formato le mie interiora, tu mi hai intessuto nel grembo di mia madre" (Salmo 139:13). Ancora una volta, vediamo che Davide si riferisce a se stesso come a una persona nel grembo. In seguito, dice: "I tuoi occhi videro la massa informe del mio corpo, e nel tuo libro erano già scritti tutti i giorni che erano stati fissati per me anche se nessuno di essi esisteva ancora" (Salmo 139:16). Davide sostiene che Dio avesse pianificato già tutti i suoi giorni mentre era ancora nel grembo materno. Nuovamente, l'evidenza indica che la persona entra in esistenza al momento del concepimento, piuttosto che al momento della nascita. Vediamo che Dio aveva un simile progetto per la vita di Geremia, prima che nascesse: "Prima che io ti formassi nel grembo di tua madre, ti ho conosciuto; prima che tu uscissi dal suo grembo, ti ho consacrato e ti ho stabilito profeta delle nazioni" (Geremia 1:5).

La Bibbia considera il feto un bambino non ancora nato, un essere umano progettato, che Dio forma sin dal momento del concepimento. Essendo questo il caso, non importa davvero ciò che dice la giurisprudenza umana o quanto socialmente o politicamente accettabile sia l'aborto. La legge di Dio ha la precedenza. Una madre che decida di abortire sta prendendo da sola la decisione di mettere fine alla vita di un'altra persona, e questo è, ed è sempre stato, omicidio per definizione.

English


Torna alla home page italiana

L'aborto è omicidio?