GotQuestions.org > Italiano > Domande sullo Spirito Santo > Spirito andare via

Lo Spirito Santo andrà mai via dalla vita di un credente?


Domanda: "Lo Spirito Santo andrà mai via dalla vita di un credente?"

Risposta:
In breve la risposta è no, lo Spirito Santo non andrà mai via dalla vita di un vero credente. Ciò viene ribadito in vari brani del Nuovo Testamento. Per esempio, in Romani 8:9 afferma: “Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, egli non appartiene a lui”. Il brano dice chiaramente che se una persona non ha in sé la presenza dello Spirito Santo, non è salvata. Quindi se lo Spirito Santo dovesse lasciare un credente, quella persona perderebbe il rapporto salvifico con Cristo. Ma ciò è in contrasto con quanto la Bibbia insegna sulla certezza della salvezza eterna dei Cristiani. Un altro brano che parla della permanenza della presenza dello Spirito Santo nella vita dei credenti è Giovanni 14:16. Qui Gesù afferma che il Padre darà un altro Consolatore che “starà con voi per sempre”.

Il fatto che lo Spirito Santo non lascerà mai un credente è insegnato anche in Efesini 1:13-14 dove dice che i credenti sono “sigillati” con lo Spirito Santo “il quale è pegno della nostra eredità fino alla piena redenzione di quelli che Dio si è acquistati a lode della sua gloria”. L’immagine di essere sigillati con lo Spirito è un’immagine di appartenenza e di possessione. Dio ha promesso la vita eterna a tutti coloro che credono in Cristo e, a garanzia del fatto che manterrà la Sua promessa, Egli ha mandato lo Spirito Santo che dimorerà nella vita del credente fino al giorno della redenzione. In modo analogo a quando depositiamo una caparra per una macchina o una casa, Dio ha dato a tutti i credenti una caparra sul loro rapporto futuro con Lui mandando lo Spirito Santo a vivere in loro. Il fatto che tutti i credenti sono sigillati con lo Spirito è riportato anche in 2 Corinzi 1:22 e Efesini 4:30.

Prima della morte, risurrezione e ascensione in cielo di Gesù, lo Spirito Santo “andava e veniva” nelle vite delle persone. Lo Spirito Santo dimorò nella vita del re Saul, ma poi lo lasciò (1 Samuele 16:14) e venne invece su Davide (1 Samuele 16:13). Dopo il suo adulterio con Bat-Sceba, Davide temette che lo Spirito Santo gli sarebbe stato tolto (Salmo 51:11). Lo Spirito Santo riempì Besaleel per renderlo capace a produrre tutto ciò che serviva per il tabernacolo (Esodo 31:2-5), ma non viene detto che questa relazione era permanente. Tutto ciò cambiò dopo l’ascensione di Gesù in Cielo. Iniziando con il giorno della Pentecoste, lo Spirito Santo iniziò a dimorare permanentemente nella vita dei credenti (Atti 2). Questa dimora permanente dello Spirito Santo è l’adempimento della promessa di Dio di stare sempre con noi e di non abbandonarci mai.

Se però è vero che lo Spirito Santo non lascerà mai la vita di un credente, è possibile che il nostro peccato “spenga lo Spirito” (1 Tessalonicesi 5:19), o che “rattristiamo lo Spirito” (Efesini 4:30). Il peccato ha sempre delle conseguenze sul nostro rapporto con Dio. Mentre la nostra relazione con Dio è sicura in Cristo, il peccato non confessato nella nostra vita può ostacolare la comunione con Dio e spegnere l’opera dello Spirito Santo nelle nostre vite. Ecco perché è molto importante confessare i nostri peccati, perché Dio “ è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità” (1 Giovanni 1:9). Se quindi lo Spirito Santo non ci lascerà mai, possiamo invece perdere i benefici e la gioia della Sua presenza in noi.

English
Torna alla home page italiana

Lo Spirito Santo andrà mai via dalla vita di un credente?

Scopri come ...

ricevere la vita eterna



ricevere il perdono da Dio