Lo Spirito Santo è una persona?


Domanda: "Lo Spirito Santo è una persona?"

Risposta:
Molte persone sono confuse riguardo la dottrina dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo è una forza, una persona o qualcos'altro? Cosa insegna la Bibbia?

La Bibbia offre molti spunti per aiutarci a capire che lo Spirito Santo è in realtà una persona, ovvero un essere personale, piuttosto che una cosa impersonale. Prima di tutto, per riferirsi allo Spirito, si usa sempre il pronome "lui" anziché "esso." Nella lingua originale del Nuovo Testamento, il greco, si trova chiara conferma che lo Spirito Santo è una persona. Il sostantivo usato per "Spirito" (pneuma) è neutro, e naturalmente richiederebbe un pronome neutro per la concordanza grammaticale. Tuttavia, in molti casi viene usato in concomitanza con pronomi maschili (per esempio in Giovanni 15:26; 16:13-14). Grammaticalmente, non c'è altro modo di capire i pronomi del Nuovo Testamento che si riferiscono allo Spirito Santo: ci si riferisce a Lui come "lui", come persona.

Matteo 28:19 ci insegna a battezzare nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Si tratta di un riferimento collettivo al Dio Uno e Trino. Allo stesso modo, non dobbiamo contristare lo Spirito Santo (Efesini 4:30). Si può peccare contro lo Spirito (Isaia 63:10) e Gli si può mentire (Atti 5:3). Dobbiamo obbedirGli (Atti 10:19–21) ed onorarLo (Salmo 51:11).

Lo stato di persona dello Spirito Santo viene anche affermato dalle Sue molte azioni. Egli fu personalmente coinvolto nella creazione (Genesi 1:2), dà potere al popolo di Dio (Zaccaria 4:6), guida (Romani 8:14), consola (Giovanni 14:26), condanna (Giovanni 16:8), insegna (Giovanni 16:13), frena il nemico (Isaia 59:19), e comanda (Atti 8:29). Tutte queste azioni prevedono il coinvolgimento di una persona, piuttosto che di una semplice forza, cosa o idea.

Anche gli attributi dello Spirito Santo puntano alla Sua personalità. Lo Spirito Santo ha vita (Romani 8:2), ha una volontà (1 Corinzi 12:11), è onnisciente (1 Corinzi 2:10–11), è eterno (Ebrei 9:14) ed onnipresente (Salmo 139:7). Una semplice forza non potrebbe possedere tutti questi attributi: solo lo Spirito Santo può.

Lo stato di persona dello Spirito Santo è affermato dal Suo ruolo come terza Persona della Divinità. Solo un essere uguale a Dio (Matteo 28:19) e con gli attributi di onniscienza, onnipresenza ed eternità può essere definito Dio.

Negli Atti 5:3–4, Pietro si riferì allo Spirito Santo come Dio, dicendo: "Anania, perché ha Satana riempito il tuo cuore per farti mentire allo Spirito Santo e trattenere una parte del prezzo del podere? Se questo restava invenduto, non rimaneva tuo? E il ricavato della vendita non era forse a tua disposizione? Perché ti sei messo in cuore questa cosa? Tu non hai mentito agli uomini, ma a Dio!" Allo stesso modo, Paolo si riferisce allo Spirito Santo come Dio nella seconda Lettera ai Corinzi 3:17–18, affermando: "Or il Signore è lo Spirito, e dov'è lo Spirito del Signore, vi è libertà. E noi tutti, contemplando a faccia scoperta come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella stessa immagine di gloria in gloria, come per lo Spirito del Signore."

Lo Spirito Santo è una persona, come le Scritture mostrano chiaramente. Come tale, Egli deve essere riverito come Dio e serve in perfetta unità con il Padre ed il Figlio per guidarci nel corso delle nostre vite spirituali.

English


Torna alla home page italiana

Lo Spirito Santo è una persona?