Ricorderemo la nostra vita terrena quando saremo in Paradiso?



 

Domanda: "Ricorderemo la nostra vita terrena quando saremo in Paradiso?"

Risposta:
Isaia 65:17 ci dice: “Poiché ecco, io creo nuovi cieli e nuova terra, e le cose di prima non si ricorderanno piú e non verranno piú in mente.” Alcuni interpretano Isaia 65:17 dicendo che in Paradiso non avremo alcun ricordo della nostra vita terrena. Tuttavia, nel versetto precedente (Isaia 65:16) la Bibbia dice: “le sventure passate saranno dimenticate e saranno nascoste ai miei occhi.” È probabile che solo le nostre "sventure passate" verranno dimenticate, non tutti i nostri ricordi. I nostri ricordi verranno purificati, redenti, sanati e ristabiliti, non cancellati. Non c’è motivo di dimenticare molti ricordi della nostra vita terrena. I ricordi che verranno purificati saranno quelli relazionati al peccato, al dolore e alla tristezza. Apocalisse 21:4 dichiara: “E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà piú la morte né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate.”

Alcuni indicano la storia del ricco e di Lazzaro (Luca 16:19-31) per dimostrare che i morti ricordano le loro vite terrene. Il ricco chiese ad Abramo di mandare Lazzaro sulla Terra per avvertire i suoi fratelli di non finire all’inferno. Egli dunque ricordava i suoi parenti e deve anche aver ricordato la sua vita di peccato, in quanto non chiese mai di essere liberato, né tantomeno chiese perché si trovasse lì o sostenne che doveva esserci stato qualche tipo di errore. Egli ricordava la sua vita terrena tanto da sapere di meritare l’inferno. Tuttavia, non esiste alcuna prova che chi si trova in Cielo ricordi la sua vita terrena. I ricordi del ricco erano parte della sua miseria. Se avremo dei ricordi in Cielo, saranno unicamente ricordi di cose che ci danno gioia.


Torna alla home page italiana

Ricorderemo la nostra vita terrena quando saremo in Paradiso?