Saranno di più le persone che vanno in Paradiso o quelle che vanno all’inferno?



 

Domanda: "Saranno di più le persone che vanno in Paradiso o quelle che vanno all’inferno?"

Risposta:
Alla domanda se ci siano più persone in Paradiso o all’inferno viene data la risposta da Gesù Stesso in un passaggio succinto: "Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono coloro che entrano per essa. Quanto stretta è invece la porta e angusta la via che conduce alla vita! E pochi sono coloro che la trovano!” (Matteo 7:13-14).

Solo coloro che ricevono Gesù Cristo e credono in Lui ricevono il diritto di diventare figliuoli di Dio (Giovanni 1:12). Di conseguenza, il dono della vita eterna perviene solo attraverso Gesù Cristo a tutti quelli che credono in Lui. Egli disse: "Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6). Non per mezzo di Maometto, Budda o altri falsi dei creati dagli uomini. Non è per coloro che vogliono una scorciatoia per il Paradiso mentre continuano a vivere una vita mondana sulla Terra. Gesù salva solo coloro che credono davvero in Lui come Salvatore (Atti 4:12).

Allora a cosa si riferiscono le due porte descritte in Matteo 7:13-14? Sono l’entrata a due differenti "vie". La porta larga conduce alla via spaziosa. La porta stretta conduce alla via angusta. La via angusta e stretta è la via dei devoti, e la via larga è quella degli empi. La via spaziosa è la via facile. È attraente e promuove i’indulgenza verso se stessi. È permissiva. È la via comprensiva del mondo, con poche regole, poche restrizioni e ancor meno requisiti. Favorisce la tolleranza del peccato, mentre la Parola di Dio non viene studiata e le Sue norme non vengono applicate. Questa via non richiede alcuna maturità spirituale, nessun carattere morale, nessun impegno e nessun sacrificio. È la via facile che segue "il corso di questo mondo, secondo il principe della potestà dell'aria, dello spirito che al presente opera nei figli della disubbidienza" (Efesini 2:2). È quella via spaziosa "che all'uomo sembra diritta ma la sua fine sfocia in vie di morte" (Proverbi 14:12).

Coloro che predicano un vangelo inclusivo in cui "tutte le vie portano al Paradiso" predicano un vangelo completamente differente da quello insegnato da Gesù. La porta dell’egocentrismo, dell’egoismo e della mentalità orgogliosa e ipocritamente sicura di sé rappresenta la porta larga del mondo che conduce all’inferno, non la porta stretta che conduce alla vita eterna. La maggior parte delle persone vive la propria vita seguendo le masse che si trovano sulla via spaziosa, facendo quello che fanno gli altri e credendo in ciò che tutti gli altri credono.

La via angusta è la via difficile, impegnativa. È la via che ci porta a riconoscere che non ci si può salvare da soli e che bisogna dipendere solo da Gesù Cristo. È la via dell’abnegazione e della croce. Il fatto che pochi trovano la via di Dio implica che bisogna seguirla diligentemente. “Mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore” (Geremia 29:13). Il punto è che nessuno entrerà casualmente nel regno o vagherà oltre la porta stretta per caso. Un tale chiese a Gesù: "Signore, sono pochi coloro che si salvano?». Egli disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché vi dico che molti cercheranno di entrare e non potranno" (Luca 13:23-24).

Molti cercheranno di entrare per quella porta stretta, la porta della salvezza, ma "non saranno in grado di farlo". Costoro non sono disposti a credere esclusivamente in Gesù. Non sono disposti a pagare il prezzo. Rinunciare al mondo ha per loro un prezzo troppo alto. La via di Cristo è la via della croce, e la via della croce è la via dell’abnegazione. Gesù disse: "Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi perderà la sua vita per causa mia, la salverà" (Luca 9:23-24).

Gesù sa che molti sceglieranno la porta ampia e la strada spaziosa che conduce alla distruzione e all’inferno. Analogamente, Egli disse che solo pochi sceglieranno la porta stretta. Secondo Matteo 7:13-14, non c’è dubbio che più persone andranno all’inferno rispetto a quante andranno invece in Paradiso. La domanda per voi è, allora, su quale via vi trovate?


Torna alla home page italiana

Saranno di più le persone che vanno in Paradiso o quelle che vanno all’inferno?