Cosa dice la Bibbia riguardo al giudizio di Dio?



 

Domanda: "Cosa dice la Bibbia riguardo al giudizio di Dio?"

Risposta:
Esistono due giudizi differenti. I credenti vengono giudicati al Tribunale di Cristo (Romani 14:10-12). Ogni credente dovrà rendere conto delle proprie azioni, e il Signore giudicherà le scelte da lui fatte, incluse quelle che riguardano la coscienza. Questo giudizio non determina la salvezza, che avviene solo per fede (Efesini 2:8-9), ma piuttosto è il momento in cui i credenti devono rendere conto delle loro vite al servizio di Cristo. La nostra posizione in Cristo costituisce le "fondamenta" descritte in 1 Corinzi 3:11-15. Quello che costruiamo sulle fondamenta può essere "l’oro, l’argento e le pietre preziose," delle buone opere fatte nel nome di Dio, dell’obbedienza e della fruttuosità, ovvero il servizio spirituale dedicato a glorificare Dio e a edificare la chiesa. Oppure, quello che costruiamo sulle fondamenta può essere "il legno, il fieno e la paglia" delle attività senza valore, frivole e superficiali. Il Tribunale di Cristo rivelerà tutto questo.

L’oro, l’argento e le pietre preziose nella vita dei credenti sopravviveranno alla prova del fuoco di Dio (v.13). I credenti verranno ricompensati in base alle loro buone opere, ovvero a quanto fedelmente abbiano servito Cristo (1 Corinzi 9:4-27), a quanto abbiano obbedito al Grande Mandato (Matteo 28:18-20), a quanto siano stati vittoriosi sul peccato (Romani 6:1-4), a quanto abbiano saputo tenere a freno la loro lingua (Giacomo 3:1-9), ecc.. Dovremo rendere conto delle nostre azioni, per vedere se siano veramente state indice della nostra posizione in Cristo. Il fuoco del giudizio di Dio brucerà completamente "il legno, il fieno e la paglia" delle parole e delle azioni che abbiamo fatto e detto e che non hanno alcun valore eterno. "Perciò, ognuno di noi dovrà rendere conto di se stesso a Dio” (Romani 14:12).

Il secondo giudizio è quello dei miscredenti, che verranno giudicati al Giudizio del Grande Trono Bianco (Apocalisse 20:11-15). Questo giudizio non determina affatto la salvezza. Tutti quelli che si trovano al Grande Trono Bianco sono i miscredenti che hanno rifiutato Cristo quando erano in vita e dunque sono già condannati al lago di fuoco. Apocalisse 20:12 dice che i miscredenti saranno giudicati "secondo ciò che stava scritto in quei libri, secondo le cose che avevano fatto". Coloro che hanno respinto Cristo come Signore e Salvatore verranno giudicati solo in base alle loro opere, e poiché la Bibbia ci dice che "dalle opere della legge non verrà mai giustificato nessuno" (Galati 2:16), allora saranno condannati. Nessun quantitativo di buone opere e di osservanza delle leggi di Dio può essere sufficiente ad espiare il peccato. Tutti i loro pensieri, le loro parole e le loro azioni verranno giudicate secondo gli standard perfetti di Dio e risulteranno mancanti. Non ci sarà alcuna ricompensa per loro, solo condanna e punizione eterna.


Torna alla home page italiana

Cosa dice la Bibbia riguardo al giudizio di Dio?