Giovanni Battista era davvero Elia reincarnato?



 

Domanda: "Giovanni Battista era davvero Elia reincarnato?"

Risposta:
Matteo 11:7–14 dichiara: “Ora, come essi se ne andavano, Gesú prese a dire alle folle intorno a Giovanni: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Ma che cosa siete andati a vedere? Un uomo avvolto in morbide vesti? Ecco, coloro che portano vesti morbide abitano nei palazzi dei re. Insomma, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sí, vi dico, egli è piú che un profeta, Perché questi è colui del quale è scritto: "Ecco, io mando il mio messaggero davanti alla tua faccia, egli preparerà la tua strada davanti a te". In verità vi dico: tra i nati di donna non è sorto mai nessuno piú grande di Giovanni Battista; ma il minimo nel regno dei cieli è piú grande di lui. E dai giorni di Giovanni Battista fino ad ora, il regno dei cieli subisce violenza e i violenti lo rapiscono. Poiché tutti i profeti e la legge hanno profetizzato fino a Giovanni. E se lo volete accettare, egli è Elia che doveva venire.’” Qui Gesù cita il passaggio Malachia 3:1, secondo cui il messaggero doveva essere una figura profetica "riapparsa". Secondo Malachia 4:5 questo messaggero sarebbe stato “il profeta Elia”, che Gesù identifica con Giovanni Battista. Questo significa che Giovanni Battista era Elia reincarnato? Assolutamente no.

Prima di tutto, il pubblico originario di Gesù (e i lettori originari di Matteo) non avrebbero mai pensato che le parole di Gesù si riferissero alla reincarnazione. Inoltre, Elia non morì; fu portato in cielo in un turbine, alla guida di un carro di fuoco (2 Re 2:11). Sostenere la reincarnazione (o persino la resurrezione) di Elia tralascia questo punto cruciale. Semmai, la profezia che Elia "sarebbe tornato" poteva essere vista come il ritorno fisico di Elia dal Cielo alla Terra.

In secondo luogo, la Bibbia è piuttosto chiara quando dice che Giovanni Battista viene chiamato "Elia" perché venne "nello spirito e nella potenza di Elia" (Luca 1:17), non perché fosse Elia nel vero senso della parola. Giovanni Battista è il precursore del Nuovo Testamento che indica la Via per l’arrivo del Signore, così come Elia ricoprì questo ruolo nell’Antico Testamento (e potrebbe farlo ancora nel futuro: vedere Apocalisse 11).

In terzo luogo, Elia stesso appare con Mosè alla trasfigurazione di Gesù dopo la morte di Giovanni Battista. Questo non sarebbe accaduto se Elia si fosse tramutato in Giovanni (Matteo 17:11–12).

In quarto luogo, Marco 6:14–16 e 8:28 mostrano che sia le persone che Erode distinguevano tra Giovanni Battista ed Elia.

Infine, la prova che questo Giovanni Battista non fosse Elia reincarnato viene dallo stesso Giovanni. Nel primo capitolo del vangelo dell’apostolo Giovanni, Giovanni Battista si identifica come il messaggero di Isaia 40:3, non l’Elia di Malachia 3:1. Giovanni Battista giunge persino al punto di negare specificatamente di essere Elia (Giovanni 1:19–23).

Giovanni fece per Gesù quello che Elia avrebbe dovuto fare per l’arrivo del Signore, ma non era Elia reincarnato. Tuttavia, Gesù identificò Giovanni Battista con Elia, laddove Giovanni Battista respinse tale identificazione. Come possiamo conciliare questi insegnamenti? Nel passaggio in cui Gesù identifica Giovanni Battista con Elia, è presente una frase chiave che non deve essere ignorata. Egli dice: "E se lo volete accettare, egli è Elia." In altre parole, l’identificazione di Giovanni Battista con Elia non venne predicata sul suo essere il vero Elia, ma sulla reazione delle persone al suo ruolo. Per coloro che erano disposti a credere in Gesù, Giovanni Battista fungeva da Elia, perché loro credevano in Gesù come Signore. Per i leader religiosi che respinsero Gesù, Giovanni Battista non svolse tale ruolo.


Torna alla home page italiana

Giovanni Battista era davvero Elia reincarnato?