Cosa significa che Gesù è il nostro Sommo Sacerdote?



 

Domanda: "Cosa significa che Gesù è il nostro Sommo Sacerdote?"

Risposta:
Sommo Sacerdote è solo uno dei molti titoli attribuiti a Gesù: Messia, Salvatore, Figlio di Dio, Figlio d’Uomo, Amico dei Peccatori, ecc.. Ognuno di questi titoli si focalizza su un aspetto particolare di Chi Egli sia e di cosa significhi per noi. Nell’epistola agli Ebrei, Gesù viene chiamato Sommo Sacerdote (Ebrei 2:17; 4:14). La parola "sacerdote" denota più di un significato di primaria importanza. Prima di tutto significa colui che agisce da mediatore nelle cerimonie religiose. In secondo luogo, significa colui che è santo, o appartato dagli altri per poter attuare tali cerimonie.

Troviamo questa parola per la prima volta nella Bibbia in Genesi 14. Abramo, l’amico di Dio, andò in battaglia per salvare suo nipote Lot, che era stato catturato dall’esercito di Elam. Al suo ritorno, Melchisedec, Re di Salem e sacerdote del Dio Altissimo, gli venne incontro. Quest’uomo, il cui nome significa “re di giustizia,” benedì Abramo e il Dio Altissimo che gli aveva concesso la vittoria. In cambio della benedizione Abramo diede una decima (il 10 percento) del bottino di guerra a Melchisedec. Con questo gesto Abramo riconobbe la posizione elevata di Melchisedec quale sacerdote di Dio.

Anni dopo, il pronipote di Abramo, Levi, fu scelto da Dio per divenire il padre della tribù sacerdotale. Quando fu emessa la legge sul Monte Sinai, i leviti vennero distinti come servi del Tabernacolo; la famiglia di Aronne diventò nello specifico quella sacerdotale. I sacerdoti erano responsabili di intercedere presso Dio per il popolo, offrendo i molti sacrifici richiesti dalla legge. Tra i sacerdoti, uno veniva selezionato come Sommo Sacerdote ed egli entrava nel Luogo Santissimo una volta all’anno, nel Giorno dell’Espiazione, per applicare il sangue del sacrificio sull’Arca dell’Alleanza (Ebrei 9:7) . Per mezzo di questi sacrifici giornalieri e annuali i peccati del popolo venivano temporaneamente coperti fino all’arrivo del Messia, il Quale li avrebbe rimossi del tutto.

Quando Gesù viene chiamato il nostro Sommo Sacerdote, è in riferimento ad entrambi questi tipi di sacerdozio. Come Melchisedec, Egli è stato ordinato sacerdote indipendentemente dalla legge data sul Monte Sinai (Ebrei 5:6). Come i sacerdoti leviti, Gesù ha offerto un sacrificio per soddisfare la legge di Dio quando ha dato Se Stesso per i nostri peccati (Ebrei 7:26-27). A differenza dei sacerdoti leviti che dovevano continuamente offrire dei sacrifici, Gesù ha dovuto offrire il Suo sacrificio solo una volta, ottenendo la redenzione eterna per tutti coloro che vengono a Dio per mezzo di Lui (Ebrei 9:12).

Un altro aspetto importante del sacerdozio di Gesù è che ogni sacerdote viene scelto tra gli uomini. Gesù, nonostante sia Dio in eterno, divenne uomo per passare attraverso la morte e servire come nostro Sommo Sacerdote (Ebrei 2:9). Come uomo, era soggetto a tutte le stesse debolezze e alle tentazioni che abbiamo noi, affinché potesse identificarSi con noi nelle nostre lotte (Ebrei 4:15). Gesù è più grande di ogni altro sacerdote, tanto da essere definito il nostro "Gran Sommo Sacerdote" in Ebrei 4:14, e ciò ci dà il coraggio di accostarci “al trono della grazia, affinché otteniamo misericordia e troviamo grazia per ricevere aiuto al tempo opportuno” (Ebrei 4:16).


Torna alla home page italiana

Cosa significa che Gesù è il nostro Sommo Sacerdote?