Quanto grave può essere il peccato di un cristiano?



 

Domanda: "Quanto grave può essere il peccato di un cristiano?"

Risposta:
I cristiani continuano a peccare dopo essere stati salvati; non saremo completamente liberi dal peccato finché non moriamo o non ritorna Gesù. Tuttavia, diventare cristiani implica una vita trasformata (2 Corinzi 5:17). Una persona passerà dal produrre le opere della carne (Galati 5:19-21) al mostrare i frutti dello Spirito (Galati 5:22-23), quando lo Spirito Santo che dimora in lei assume sempre più il controllo della sua vita. Questo cambiamento non avviene istantaneamente, bensì con il tempo. Se una persona non dimostra che la sua vita è cambiata, probabilmente non è sincera come credente. I cristiani possono commettere dei peccati deplorevoli. La storia è colma di cristiani (o di persone che hanno affermato di essere cristiane) che hanno commesso dei crimini terribili. Gesù è morto anche per questi peccati. Ecco un’altra ragione per non commetterli!

In 1 Corinzi 6:9-11 L’apostolo Paolo descrive il tipo di vita peccaminosa dalla quale vengono salvati i credenti. Il versetto 11 dice: “Or tali eravate già alcuni di voi; ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati nel nome del Signore Gesú e mediante lo Spirito del nostro Dio.” Notate la parola “eravate”. I credenti facevano le cose elencate nei versetti 9-10, ma adesso sono persone differenti. Può una persona che è adultera, alcolizzata, omosessuale, molestatrice di bambini, ecc., essere salvata? Sì. Una persona che vive una vita di continuo peccato è credente? No. Quando diveniamo cristiani, le nostre vite cambiano. Tutti coloro che vivono uno stile di vita peccaminoso e affermano di essere cristiani stanno mentendo, oppure si ingannano o sono veramente dei credenti che sperimenteranno il giudizio e la disciplina di Dio (Ebrei 12:5-11).

La differenza tra un miscredente peccatore e un credente peccatore è che uno ama il suo peccato mentre il secondo lo odia. Il credente che inciampa nel suo cammino con il Signore prova rimorso, lo confessa, desidera di non farlo più e cerca di appropriarsi del potere e della grazia d Dio per evitarlo. Non considera quanto può peccare ed essere ancora considerato un cristiano. Piuttosto, considera come può evitare persino la comparsa del peccato in futuro.


Torna alla home page italiana

Quanto grave può essere il peccato di un cristiano?