Cosa dice la Bibbia riguardo alla necromanzia?



 

Domanda: "Cosa dice la Bibbia riguardo alla necromanzia?"

Risposta:
La necromanzia viene definita come l’evocazione degli spiriti dei defunti con il fine di rivelare magicamente il futuro o influenzare il corso degli eventi. Nella Bibbia, la necromanzia viene anche chiamata "divinazione", "stregoneria" o "spiritismo" e viene ripetutamente vietata (Levitico 19:26; Deuteronomio 18:10; Galati 5:19-20; Atti 19:19) in quanto è un’abominazione per Dio. Si tratta di una pratica che il Signore condanna severamente e che deve essere evitata come ogni altro male. La ragione è duplice.

Prima di tutto, la necromanzia coinvolge i demoni e rende chi la pratica suscettibile all’attacco demoniaco. Satana e i suoi demoni cercano di distruggerci, non di darci verità o saggezza. Ci viene detto che il nostro nemico, Satana, "va attorno come un leone ruggente cercando chi possa divorare” (1 Pietro 5:8). In secondo luogo, la necromanzia non fa affidamento sul Signore per ricevere informazioni, sul Signore che promette di dare liberamente saggezza a tutti coloro che la richiedono (Giacomo 1:5). Questo è particolarmente rivelatore, in quanto il Signore vuole sempre condurci alla verità e alla vita, al contrario dei demoni che vogliono condurci alle bugie e al male.

L’idea che gli spiriti dei defunti possano essere contattati per ricevere informazioni è falsa. Coloro che cercano un tale contatto inevitabilmente contattano degli spiriti maligni, non gli spiriti dei cari defunti. Chi muore va immediatamente in Cielo o all’inferno. In Cielo, se hanno creduto in Gesù Cristo come Salvatore, all’inferno se non l’hanno fatto. Non esiste contatto tra i vivi e i morti. Di conseguenza, cercare i defunti non solo non è necessario, ma è, al contrario, molto pericoloso.


Torna alla home page italiana

Cosa dice la Bibbia riguardo alla necromanzia?