www.GotQuestions.org/Italiano




Domanda: "Che cosa dice la Bibbia riguardo a un cristiano che fa il servizio militare?"

Risposta:
La Bibbia contiene una grande quantità di informazioni relative al servizio militare. Sebbene una grossa porzione di queste sia costituita solo da analogie, parecchi versetti hanno direttamente a che fare con questa domanda. No, la Bibbia non dice esplicitamente: “Farai il servizio militare”, né dice il contrario. Allo stesso tempo, i cristiani possono star certi che fare il soldato è altamente rispettato in tutta la Bibbia, e devono anche sapere che tale servizio è coerente con una visione biblica del mondo.

Il primo esempio di servizio militare si trova nell’Antico Testamento (Genesi 14), quando Lot, il nipote di Abraamo, fu rapito da Chedorlaomer, re di Elam, e dai suoi alleati. Abraamo radunò un esercito per andare in aiuto di Lot riunendo 318 uomini addestrati del suo casato, sconfiggendo le forze armate straniere.

Nella sua storia successiva, la nazione d’Israele sviluppò un esercito permanente. Sapere che Dio era il Guerriero Divino e che avrebbe protetto il Suo popolo a prescindere dalla loro forza militare sarà stato un motivo per cui Israele sviluppò lentamente un esercito. Lo sviluppo di un esercito regolare e permanente in Israele venne solo dopo che Saul, Davide e Salomone svilupparono un forte sistema politico centralizzato. Saul fu il primo a formare un esercito permanente (1 Samuele 13:2; 24:2; 26:2). Ciò nonostante, l’esercito doveva essere sostentato dal cibo e da altri approvvigionamenti provenienti dalle famiglie dei singoli soldati (1 Samuele 17:17-19).

Davide continuo ciò che aveva cominciato Saul. Incrementò l’esercito, prese al servizio delle truppe da altre regioni che erano fedeli soltanto a lui (2 Samuele 15:19-22) e affidò la diretta conduzione dei suoi eserciti a un comandante supremo (Ioab). Sotto Davide, Israele divenne anche più aggressivo nelle sue politiche militari offensive, assorbendo stati confinanti come Ammon (2 Samuele 11:1; 1 Cronache 20:1-3). Davide instaurò un sistema di truppe a rotazione con 12 gruppi di 24.000 uomini che prestavano servizio un mese all’anno (1 Cronache 27). Anche se il regno di Salomone fu pacifico, egli ampliò ulteriormente l’esercito, aggiungendo carri e cavalieri (1 Re 10:26). L’esercito permanente continuò (anche se ebbe a dividersi insieme al regno dopo la morte di Salomone) fino al 586 a.C., quando Israele cessò di esistere come entità politica.

Gesù si meravigliò per il modo in cui un centurione romano (ufficiale in carica di cento soldati) si accostò a Lui. La risposta del centurione a Gesù indicava la sua chiara comprensione dell’autorità così come la sua fede in Gesù (Matteo 8:5-13). Gesù non ne denunciò il mestiere. Molti centurioni menzionati nel Nuovo Testamento vengono lodati come cristiani, timorosi di Dio e uomini di buon carattere (Matteo 8:5, 8, 13; 27:54; Marco 15:39, 44-45; Luca 7:2, 6; 23:47; Atti 10:1, 22; 21:32; 22:25-26; 23:17, 23; 24:23; 27:1, 6, 11, 31, 43; 28:16).

Storicamente, i ruoli e i titoli forse sono cambiati, ma le nostre forze armate dovrebbero essere valutate nello stesso modo favorevole in cui lo furono i centurioni delle Bibbia. Essere un soldato era altamente riverito. Ad esempio, Paolo descrive Epafrodito, un compagno cristiano, come un “commilitone” (Filippesi 2:25, Riveduta). La Bibbia utilizza anche i termini militari per descrivere come essere forti nel Signore indossando l’intera armatura di Dio (Efesini 6:10-20).

Certo, la Bibbia affronta davvero il servizio militare, direttamente e implicitamente. Gli uomini e le donne cristiani che servono il loro paese con carattere, dignità e onore possono star certi che il dovere civico che essi svolgono è giustificato e rispettato dal nostro Dio Sovrano. Quanti prestano servizio nell’esercito meritano il nostro rispetto e la nostra gratitudine.


© Copyright 2002-2014 Got Questions Ministries.