www.GotQuestions.org/Italiano




Domanda: "Ce cos’è la predestinazione? La predestinazione è biblica?"

Risposta:
Romani 8:29-30 ci dice: “Perché quelli che ha preconosciuti, li ha pure predestinati a essere conformi all’immagine del Figlio suo, affinché egli sia il primogenito tra molti fratelli; e quelli che ha predestinati li ha pure chiamati; e quelli che ha chiamati li ha pure giustificati; e quelli che ha giustificati li ha pure glorificati”. Efesini 1:5 e 11 dichiara: “[Egli ci ha] predestinati nel suo amore a essere adottati per mezzo di Gesù Cristo come suoi figli, secondo il disegno benevolo della sua volontà […]. In lui siamo anche stati fatti eredi, essendo stati predestinati secondo il proposito di colui che compie ogni cosa secondo la decisione della propria volontà”. Molte persone nutrono una forte ostilità verso la dottrina della predestinazione. Tuttavia, la predestinazione è una dottrina biblica. La chiave sta nel comprendere che cosa significa il concetto di predestinazione, biblicamente.

Le parole tradotte “predestinati” nelle Scritture summenzionate derivano dal termine greco proorizo, che reca il significato di “determinare in anticipo”, “ordinare”, “decidere in anticipo”. Perciò, la predestinazione ha a che fare con Dio che ha determinato in anticipo che accadessero certe cose. Di quali cose si tratta? Secondo Romani 8:29-30, Dio ha predeterminato che certi individui fossero conformati all’immagine del Suo Figlio, fossero chiamati, giustificati e glorificati. In sostanza, Dio ha predeterminato che certi individui fossero salvati. Numerose Scritture fanno riferimento al fatto che i credenti in Cristo sono stati scelti (Matteo 24:22, 31; Marco 13:20, 27; Romani 8:33; 9:11; 11:5-7, 28; Efesini 1:11; Colossesi 3:12; 1 Tessalonicesi 1:4; 1 Timoteo 5:21; 2 Timoteo 2:10; Tito 1:1; 1 Pietro 1:1-2; 2:9; 2 Pietro 1:10). La predestinazione è la dottrina biblica secondo cui Dio, nella Sua sovranità, sceglie che certi individui siano salvati.

L’obiezione più comune mossa alla dottrina della predestinazione è che sia ingiusta. Perché Dio sceglierebbe certi individui e non altri? La cosa importate da ricordare è che nessuno merita di essere salvato. Tutti abbiamo peccato (Romani 3:23) e meritiamo il castigo eterno (Romani 6:23). Ne risulta che Dio sarebbe perfettamente giusto nel permettere che tutti trascorriamo l’eternità all’inferno. Tuttavia, Dio ha scelto di salvare alcuni di noi. Egli non è stato ingiusto verso quelli che non ha scelti perché costoro riceveranno quello che meritano. Scegliendo di far grazia ad alcuni, Dio non è ingiusto verso gli altri. Nessuno merita nulla da Dio — quindi nessuno può obiettare se non riceve nulla da Lui. Un esempio potrebbe essere quello di dare dei soldi a 5 persone in un gruppo di 20. Le 15 che non hanno ricevuto niente dovrebbero arrabbiarsi? Probabilmente lo faranno. Hanno il diritto di farlo? No. Perché? Perché io non dovevo soldi a nessuno. Ho deciso semplicemente di essere buono con alcuni di loro.

Se Dio ha scelto chi sarà salvato, questo non mina il nostro libero arbitrio per scegliere di credere in Cristo? La Bibbia dice che noi abbiamo la scelta del libero arbitrio: tutto quello che dobbiamo fare è credere in Gesù Cristo e saremo salvati (Giovanni 3:16; Romani 10:9-10). La Bibbia non dice mai che Dio rifiuterà chi che crede in Lui né respingerà chi Lo sta cercando (Deuteronomio 4:29). In qualche modo, nel mistero di Dio, la predestinazione opera mano nella mano con una persona che viene attirata da Dio (Giovanni 6:44) e crede per la salvezza (Romani 1:16). Dio predestina chi sarà salvato, e noi dobbiamo scegliere Cristo per essere salvati. Entrambi i fatti sono egualmente veri. Romani 11:33 proclama: “Oh, profondità della ricchezza, della sapienza e della scienza di Dio! Quanto inscrutabili sono i suoi giudizi e ininvestigabili le sue vie!”


© Copyright 2002-2014 Got Questions Ministries.